rockstar games annuncio red dead
Tech
di Mattia Nesto 18 Ottobre 2016

Ecco il primo trailer di Red Dead Redemption 2, in arrivo nel 2017

Rockstar Games ha fatto impazzire l’internet: ma per giocarci su PlayStation 4 e Xbox One dovremo aspettare ancora circa un anno

14650213_10154521266820097_3433766250344847242_n

– Update 20 ottobre 2016 –

Ecco il primo trailer ufficiale di Red Dead Redemption 2. Pauroso.

L’annuncio è arrivato così, come un fulmine a ciel sereno. I profili social della Rockstar Games, la casa di produzione di videogiochi del calibro della serie della serie GTA e i vari Max Payne, si sono tinti dei colori di un tramonto di fuoco.

Infatti a metà mattina di lunedì 17 ottobre è stata pubblicata un’immagine ritraente un sole che tramonta e, sullo sfondo e in controluce, un gruppo di cowboy posizionati alla maniera dei Magnifici Sette. A tutti gli appassionati giocatori è venuta in mente una sola cosa: è giunto il momento di Red Dead Redemption 2.

A dire la verità il giorno prima, domenica 16, qualcosa si era già potuto intuire, con la pubblicazione del logo della Rockstar completamente “immerso” in un fondale rosso sangue ma la prova provata è arrivata solo lunedì.

L’internet è completamente impazzito, con centinaia di migliaia di forum e siti specializzati che si inseguivano per cercare di capirne di più, tornando poi, sostanzialmente, sempre allo stesso punto: un seguito s’aveva pur da fare!

Un seguito per Red Dead Redemption significa quindi tornare a vestire i panni, va detto un po’ logori e impolverati, di  John Marston, ex-fuorilegge che, nonostante abbia chiuso con il crimine, viene costretto dal perfido Dutch Van Der Linde (il suo ex capo-bastone) a scovare i membri della sua band ed ad ucciderli uno ad uno.

Presentato per la prima volta durante la conferenza Sony nel 2005 ed uscito, per Playstation 3 e Xbox 360, il 21 maggio 2010, Red Dead Redemption è stato uno dei titoli più amati della Rockstar, con quel misto di azione e di western unico, almeno fino a questo momento, nel suo genere.

giphy

Bisogna dire che Red Dead Redemption è il seguito di Red Dead Revolver, gioco molto meno conosciuto uscito per Playstation 2 e Xbox nel 2004, ma il secondo capitolo è completamente differente.

Infatti l’avventura ambientata lungo il confine tra Messico e Stati Uniti nel 1911 è si è rivelato uno dei più grandi successi della Rockstar. Grazie ad un perfetto lavoro in cui, alle dinamiche di gioco care a GTA (una sostanziale libertà di esplorazione dello scenario, una invidiabile varietà di situazioni e personaggi e la possibilità di giocare sia seguendo una storia, più o meno, rigida oppure di trastullarsi con un’esplorazione il quanto più possibile libera) si sono assommate le atmosfere dei vecchi spaghetti-western, con tanto di colonne sonore simil-morriconiane, praterie sconfinate, fuorilegge, infidi indiani e tutto il fascino della cosiddetta frontiera, Red Dead Redemption ha tenuto incollati agli schermi, magari facendogli digrignare i denti, milioni di giocatori in tutto il mondo.

Ora un nuovo capitolo di questa saga, che potrà sfruttare le imponenti capacità di vere e proprie “macchine dei sogni” come le nuove Xbox e, soprattutto, Playstation, significa un’avventura totale in cui, ne siamo certi, sarà un piacere immergersi.

Perché se è vero che è stato con GTA (specialmente il terzo capitolo) che abbiamo assaporato la libertà vera (e un po’ folle) di poter fare, letteralmente, tutto ciò che volevamo fare in una grande città americana, con Red Redemption abbiamo sì mantenuto quel gradiente libertario ma deflagrato all’ennesima potenza.

Inserito com’è nel selvaggio e sterminato West, dove se vuoi mangiare non puoi andare a farti un hamburger alla tavola calda all’angolo ma, il più delle volte, devi cacciare un cervo sulle montagne, stando bene attento a non finire in una trappola tesa da qualche fuorilegge, il giocatore impara che cosa sia lo spazio intorno a sé, valutando bene se compiere quella missione in quelle date condizioni atmosferiche: mi converrà assaltare un treno in pieno deserto, il mio cavallo ce la farà?

Estremizzando possiamo dire che GTA è il gioco del perfetto superuomo nicciano, praticamente slegato da ogni vincolo sociale e in grado di fare della propria vita ciò che vuole visto che il mondo ha, ormai definitivamente, perso il suo lato romantico e selvaggio.

giphy-2

Invece in Red Dead Redemption è ancora il mondo a regolare i ritmi della vita dell’uomo: la modernità c’è, il treno a vapore comincia a solcare le pianure ed a riempirle con i suoi vapori, ma sono ancora gli orsi delle caverne più buie e le tempeste di sabbia i nemici più insidiosi.

Se non proprio un buon selvaggio, John Marston è la perfetta incarnazione dell’homo faber, ovvero di colui, nonostante abbia sbagliato e molto nella vita, ha ancora una possibilità di salvezza, può ancora riscattare la propria esistenza, facendo conto però soltanto sulle sue sole forze.

Lo spirito della frontiera, tanto caro a tanti, forse troppi Presidenti Americani è vivo e vitale in Red Dead Redemption e con in più la possibilità di effettuare scontri e duelli all’ultimo sangue con armi meravigliose e perfettamente vintage: insomma si può optare per essere un pistolero senza pietà oppure, pur perseguendo i propri obiettivi, farlo in maniera più dolce e naif, come un “Eastwood, Clint Eastwood” del terzo capitolo di Ritorno al Futuro.

giphy-3

Se il nuovo capitolo di questo gioco sarà almeno al livello del precedente, allora sarà di nuovo tempo per il selvaggio West, per sentire il sapore della polvere in bocca e avere le orecchie piene del cloppete-cloppete del proprio cavallo.

Adesso non resta che fissare, con uno sguardo alla Charles Bronson, l’orizzonte ed attendere buone nuove da casa Rockstar Games. Nel frattempo, non so voi, ma io mi preparo: ho già tirato fuori dalla naftalina il mio vecchio poncio e dato una spolverata ai miei stivaletti preferiti.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
13,76 €

Laconic Design LED Night Light

Item Type: Lighting Material: ABS Light Source: LED Luminous Flux: 20 LM (max) Current: 60-80 mA Voltage: 4.5 V , 3 x AAA Batteries Brightness: Max. 20 lumens Color Temperature: 3000K Operating Temperature: -10 to +40 degrees Celsius Sensing Distance: 3-5 m Size: 6.29 inch / 15.98 cm Features: No more searching around for a switch! This lamp will automatically turn on when motion is sensed and automatically turn off after a period of time. Features energy-efficient LEDs that deliver super-bright long-lasting illumination and with a daylight sensor installed the lights only activate in darkness saving the life of the battery! Package Includes: 1 x Night Light    
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
52,90 €

Kit da tavolo per trasformare lo smartphone in microscopio

Si chiama Blips Ultra Labkit, è un prodotto italiano e trasforma il tuo cellulare in un microscopio. Le lenti si applicano al cellulare velocemente con un adesivo. Il kit comprende anche delle lenti macro.
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >