TV e Cinema
di Simone Stefanini 22 Settembre 2016

22 anni fa andava in onda la prima puntata di Friends, la serie tv che ha battuto la friendzone

Oggi è il compleanno della serie che ha fatto la storia della tv. E che ci manca un po’

 wired

 

22 anni fa, negli Stati Uniti andava in onda il primo episodio di Friends. Detto così fa un po’ impressione, perché se eravate teenager a quel tempo, oggi siete qualcosa in più che adulti.

Vi ricordate il pilota della serie tv della NBC scritta da David Crane e Marta Kauffman? Quello in cui Ross comunica agli amici Joey, Chandler e Phoebe e alla sorella Monica che il suo matrimonio con Carol è fallito perché lei ha scoperto di essere lesbica, ma poi lui incontra Rachel, della quale era invaghito ai tempi del liceo, anche lei fuggita da un matrimonio e scoppia la prima scintilla? Ok. Qui sotto ci sono i primi dialoghi dei protagonisti e mentre li guardiamo ci vengono in mente due cose:

  1. quanto erano giovani
  2. quanto siamo invecchiati

Preparate i fazzoletti e godetevi la scena, che oggi potete rivedere su Netflix insieme a tute e 10 le stagioni.

 

 

Per la prima volta una serie tv mostrava tutti gli aspetti della convivenza con gli amici: gli amori, gli svacchi, le lunghe sedute sul divano di fronte alla tv col cibo del take away, le avventure tragicomiche, i successi e i fallimenti lavorativi dopo la scuola, con un realismo e un umorismo del tutto nuovi. Già la sigla, scritta dagli autori e da The Rembrandts era un piccolo gioiellino d’innovazione e di montaggio. Negli anni è stata declinata in tutte le salse, ha avuto molti omaggi e pure molte parodie. La versione senza musica qui sotto è molto divertente e al tempo stesso estraniante, ad esempio.

 

 

Ma è davvero poca cosa in confronto alla prossima, in cui i gerarchi nazisti sono ritratti in stile Friends, con la musica e le pose simpatiche. Il titolo, manco a dirlo, è R.E.I.C.H.

 

 

Anche se la preferita di molti è quella in cui Peter Griffin deve evadere da una prigione in cui è rinchiuso a caso e per farlo aspetta i 5 battiti di mani del pezzo dei Rembrandts per aprire spaccare un tubo con un sasso. Icona.

 

 

E vi abbiamo già fatto vedere l’ultimo omaggio, a dire il vero ben più inquietante degli scherzi qui sopra, in cui la sigla di Friends è stata reinterpretata dagli hipster che non ce la fanno proprio a staccarsi dai telefonini, nonostante vivano con i loro amici con i quali non parlano. Ecco perché ci manca Friends. Più che per le battute con le risate in studio, più che per i personaggi caratterizzati benissimo, più che per la trama, perché è un teletrasporto totale al momento in cui siamo cresciuti, in cui ci siamo staccati dai nostri genitori ed abbiamo iniziato a vivere la nostra vita. Poi va da sé, i ragazzini si innamoravano di Jennifer Aniston, si eccitavano con Courtney Cox e si facevano matte risate con Lisa Kudrow mentre le ragazzine, ehm, amavano la simpatia di David Schwimmer, Matt LeBlanc e Matthew Perry.

 

friends icon Fanpop - Il cast di Friends 20 anni dopo in un fan poster

 

Di Friends siamo sicuri sappiate tutto, ma magari queste curiosità vi sono sfuggite: in media servivano 5 ore per portare a termine un episodio, nella prima stagione ognuno dei sei personaggi principali prendeva 22.000 dollari per episodio, nell’ultima invece il cachet era arrivato a 1 milione di dollari per episodio. Lisa Kudrow aveva paura delle papere, Il personaggio di Ross è stato 29enne per tre anni di seguito, Ellen DeGeneres ha rifiutato il ruolo di Phoebe e quando la serie è finita, ogni membro del cast ha portato via un pezzo del marciapiede davanti al Central Perk come ricordo.

 

friends icon Tumblr - Il cast di Friends con le facce scambiate vince l’Internet

 

E poi parliamoci chiaro: Friends è stata la prima serie tv a sconfiggere la friendzone, a sfatare la regola aurea “mai fare sesso con la coinquilina“, a mostrare (oh my god) il matrimonio tra amici. Di conseguenza, a farci credere che sposarsi non sia quella cosa rigida, fredda e innaturale che abbiamo visto troppo spesso nei nostri genitori e che una storia d’amore non debba sottostare a nessuna regola, tranne quella dell’amore stesso. Ricordiamoci che era il 1994, Kurt Cobain si era sparato da pochi mesi e la nostra fiducia negli adulti non è che fosse proprio al top. Friends è stato l’ottimismo, il colore nel bianco e nero di un decennio difficile, che ha contribuito a spazzare via la depressione post anni 80 e che ha cambiato il costume dei giovani di tutto il mondo. Una società poteva essere anche basata sull’amicizia.

Vi pare poco?

 

friends icon  I love you.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >