TV e Cinema
di sayatnova 14 Ottobre 2012

4:44 Last Day on Earth, una pellicola apocalittica di Abel Ferrara

 

È finita da poco la 69ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia che ha visto la partecipazione di nomi illustri come Kitano, Malick, Anderson, Korine e il vittorioso coreano Kim Ki-duk con il suo “Pietà”. Torniamo, però, per un istante all’edizione precedente della biennale, per parlarvi di una pellicola che, dopo esattamente un anno dalla proiezione vista a Venezia, continua a rimanere impressa nella mia mente, assieme al capolavoro “Kotoko” di Shinya Tsukamoto, vincitore del Premio Orizzonti. Il film in questione è “4:44 Last Day On Earth” di Abel Ferrara. Dopo la partecipazione alla mostra, è caduto nella totale indifferenza, snobbato da parte del circuito di distribuzione italiano. Applaudito dalla platea in sala ma anche preso di mira dalla critica perbenista che in Abel Ferrara trova spesso un bersaglio facile. Il film è stato tra le pellicole più sottovalutate della passata stagione cinematografica.

Realizzato dal regista italo-americano, dopo il docu-fiction “Napoli Napoli Napoli”, progetto concepito con la casa di produzione napoletana “Figli del bronx”, “4:44 Last Day On Earth” propone un tema apocalittico già trattato da Lars Von Trier, nello stesso anno, con “Melancholia” e in passato dal canadese Don McKellar “Last Night” (1998). Il mondo finirà alle 4:44 di notte. Il film narra dell’ultima giornata vissuta da: Cisko (Willem Dafoe), attore ed ex tossicodipendente e Skye (Shanyn Leigh), una giovane pittrice che passa il tempo a dipingere le tele con la tecnica del dripping. A differenza dello spettacolarizzante film di Von Trier, Ferrara ci regala una visione più intima, più familiare. Il suo “last day” sulla terra è una giornata qualunque, è il quotidiano che si ripete, come avviene in una scena del film, dove il ragazzo delle consegne lavora anche nell’ultimo giorno del pianeta e chiede il favore di collegarsi a skype per un saluto finale alla sua famiglia.

Nell’opera di Ferrara le scene ripercorrono le sue ossessioni reali/cinematografiche: l’autodistruzione dell’essere, la religione, il sesso, il corpo. Le sequenze variano dalle riprese di “attesa” che vivono i due protagonisti nell’attico, alle apocalittiche scene, ai frame che invadano lo schermo come in un ultimo “breaking news“ dal mondo. L’ultimo giorno sulla terra di Cisko e Skye trascorre tra sesso, discussioni e addii via Skype con figli, ex mogli e madri. Nel film la comunicazione con l’esterno è “virtuale”, avviene attraverso schermi tv, iPad, i-Phone, MacBook: le tecnologie come un ennesimo confronto uomo/ macchina ma che, in questo caso, sono l’unica fonte di contatto “umano” con i familiari distanti e l’unica finestra sul mondo prossimo alla fine.

Ferrara è ancora in splendida forma-filmica, lo si vede dalle inquadratura, dalla splendida fotografia di una New York che attende in una angosciante atmosfera apocalittica il fatidico momento. Le riprese in esterno di Cisko che, dal loft esce per andare a trovare i suoi amici-pusher nei bassifondi della metropoli, ci restituiscono il Ferrara che conosciamo, l’outsider del cinema americano, quello di film come “Il Cattivo Tenente”, “China Girl”,“Mulberry Street”, “The Addiction”. Il serrato montaggio finale è pura sublimazione visiva. Veniamo travolti dalle immagini di statue religiose, scene di preghiera a La Mecca, un bambino che si avvicina a un cobra per gioco. Tutto scorre davanti ai nostri occhi in un lampo filmico, poi, la luce bianca invade lo schermo e lo spettatore. Ecco la fine, la redenzione, il nirvana.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >