TV e Cinema
di sayatnova 14 Ottobre 2012

4:44 Last Day on Earth, una pellicola apocalittica di Abel Ferrara

 

È finita da poco la 69ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia che ha visto la partecipazione di nomi illustri come Kitano, Malick, Anderson, Korine e il vittorioso coreano Kim Ki-duk con il suo “Pietà”. Torniamo, però, per un istante all’edizione precedente della biennale, per parlarvi di una pellicola che, dopo esattamente un anno dalla proiezione vista a Venezia, continua a rimanere impressa nella mia mente, assieme al capolavoro “Kotoko” di Shinya Tsukamoto, vincitore del Premio Orizzonti. Il film in questione è “4:44 Last Day On Earth” di Abel Ferrara. Dopo la partecipazione alla mostra, è caduto nella totale indifferenza, snobbato da parte del circuito di distribuzione italiano. Applaudito dalla platea in sala ma anche preso di mira dalla critica perbenista che in Abel Ferrara trova spesso un bersaglio facile. Il film è stato tra le pellicole più sottovalutate della passata stagione cinematografica.

Realizzato dal regista italo-americano, dopo il docu-fiction “Napoli Napoli Napoli”, progetto concepito con la casa di produzione napoletana “Figli del bronx”, “4:44 Last Day On Earth” propone un tema apocalittico già trattato da Lars Von Trier, nello stesso anno, con “Melancholia” e in passato dal canadese Don McKellar “Last Night” (1998). Il mondo finirà alle 4:44 di notte. Il film narra dell’ultima giornata vissuta da: Cisko (Willem Dafoe), attore ed ex tossicodipendente e Skye (Shanyn Leigh), una giovane pittrice che passa il tempo a dipingere le tele con la tecnica del dripping. A differenza dello spettacolarizzante film di Von Trier, Ferrara ci regala una visione più intima, più familiare. Il suo “last day” sulla terra è una giornata qualunque, è il quotidiano che si ripete, come avviene in una scena del film, dove il ragazzo delle consegne lavora anche nell’ultimo giorno del pianeta e chiede il favore di collegarsi a skype per un saluto finale alla sua famiglia.

Nell’opera di Ferrara le scene ripercorrono le sue ossessioni reali/cinematografiche: l’autodistruzione dell’essere, la religione, il sesso, il corpo. Le sequenze variano dalle riprese di “attesa” che vivono i due protagonisti nell’attico, alle apocalittiche scene, ai frame che invadano lo schermo come in un ultimo “breaking news“ dal mondo. L’ultimo giorno sulla terra di Cisko e Skye trascorre tra sesso, discussioni e addii via Skype con figli, ex mogli e madri. Nel film la comunicazione con l’esterno è “virtuale”, avviene attraverso schermi tv, iPad, i-Phone, MacBook: le tecnologie come un ennesimo confronto uomo/ macchina ma che, in questo caso, sono l’unica fonte di contatto “umano” con i familiari distanti e l’unica finestra sul mondo prossimo alla fine.

Ferrara è ancora in splendida forma-filmica, lo si vede dalle inquadratura, dalla splendida fotografia di una New York che attende in una angosciante atmosfera apocalittica il fatidico momento. Le riprese in esterno di Cisko che, dal loft esce per andare a trovare i suoi amici-pusher nei bassifondi della metropoli, ci restituiscono il Ferrara che conosciamo, l’outsider del cinema americano, quello di film come “Il Cattivo Tenente”, “China Girl”,“Mulberry Street”, “The Addiction”. Il serrato montaggio finale è pura sublimazione visiva. Veniamo travolti dalle immagini di statue religiose, scene di preghiera a La Mecca, un bambino che si avvicina a un cobra per gioco. Tutto scorre davanti ai nostri occhi in un lampo filmico, poi, la luce bianca invade lo schermo e lo spettatore. Ecco la fine, la redenzione, il nirvana.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >