Perché Striscia la Notizia e Antonio Ricci sono il Male

In 30 anni una certa tv ci ha educato alla derisione degli ultimi

kljgdh via

 

La televisione di oggi non è più quella di 30 anni fa e sui social, difficilmente ci indigniamo per Striscia la Notizia, preferendogli il più moderno Le Iene (come nel caso del servizio tutto sbagliato sui manga e sulla pedopornografia ad essi connessa).

Ogni tanto però occorre ricordarci che, puntuale come la morte, il “Tg satirico” di Canale 5 va in onda ogni giorno dal 1988 e se non sposta il pensiero e il voto come faceva negli anni ’90, ha sempre un certo seguito, specialmente tra il pubblico di una certa età.

Certo, sono passati i tempi in cui era il programma più seguito della tv commerciale, quello condotto da Ezio Greggio e Enzo Iacchetti o da Paolo Bonolis e Luca Laurenti, con le veline Elisabetta Canalis e Maddalena Corvaglia.

 

87554_canalis

 

Durante il ventennio berlusconiano ha accompagnato l’ascesa di Forza Italia, un po’ come il Bagaglino sulla Rai con la DC negli anni ’80, riuscendo a far apparire i politici di una certa area come simpatici, nonostante i loro non trascurabili difetti. Che poi quei difetti fossero talvolta punibili in sede penale, era un altro discorso.

L’altroieri però è andato in onda un servizio orribile, in cui l’inviata Rajae Bezzaz, di origine marocchina, ex Grande Fratello 11, imbastisce un siparietto fuori dal CARA di Bari, il centro d’accoglienza per migranti e richiedenti asilo, in cui mostra alcuni ospiti che tentano di scavalcare la recinzione col filo spinato per uscire fuori, il tutto come se si trattasse di una gara sportiva con tanto di tre figuranti giudici che interpretano l’Italia, la Francia e la Germania.

 

striscia-la-notizia-servizio-migranti-fuga-cara-bari-body-image-1459856827 via

 

Come sapete, dietro Striscia c’è da sempre Antonio Ricci, classe ’50, i cui programmi hanno sdoganato il peggio dell’italiano medio e hanno contribuito a fomentare il paese reale su tematiche che prevederebbero un minimo di approfondimento serio. Non a caso, Ricci è stato il regista dei programmi di Beppe Grillo in Rai, Te la dò io l’America (1980) e Te lo dò io il Brasile (1984), quando il comico genovese faceva ancora le prove generali di populismo.

 

Finita l’esperienza in Rai, Ricci approdò a Mediaset con un programma rivoluzionario, che poi tanto rivoluzionario non era perché sfruttava l’idea di Non Stop, programma Rai del 1977 di Enzo Trapani, quella di far interagire i comici senza presentatore. Stiamo parlando del Drive In, il dizionario dei difetti degli anni ’80.

Ve lo ricordate senz’altro con affetto, ma se guardate una puntata oggi morite d’imbarazzo.

(qui sotto, ospite della trasmissione un giovanissimo Pier Silvio Berlusconi)

 

piesilvio_berlusconi_ieri via

 

L’equivoco più grosso di un programma come Striscia la Notizia, estremizzato poi  nelle sue versioni di stampo paragiornalistico tipo Le Iene, è quella di confondere un servizio “comico”, come si trattasse di un vero e proprio pezzo giornalistico.

A causa di questo fraintendimento durato anni, in prima serata sulla maggiore televisione commerciale italiana va in onda tutte le sere un programma in cui sistematicamente viene sbattuto il mostro in prima pagina, a uso e consumo del pubblico, che è verosimilmente lo stesso che sui social non controlla le fonti e condivide bufale oppure augura la morte di sconosciuti con una leggerezza atroce.

Un pubblico che è stato educato per quasi 30 anni alla sfiducia nei confronti delle istituzioni e che guarda Striscia la Notizia come i Romani guardavano il Circo. Una barbarie consolatrice che raggiunge il proprio apice nel trattare come se fosse uno sketch comico il tentativo di fuga dei migranti. La derisione degli ultimi, questo è ciò che va in onda in tv, nel programma di Antonio Ricci.

Fortunatamente stavolta c’è chi l’ha fatto notare.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >