Perché Striscia la Notizia e Antonio Ricci sono il Male

In 30 anni una certa tv ci ha educato alla derisione degli ultimi

kljgdh via

 

La televisione di oggi non è più quella di 30 anni fa e sui social, difficilmente ci indigniamo per Striscia la Notizia, preferendogli il più moderno Le Iene (come nel caso del servizio tutto sbagliato sui manga e sulla pedopornografia ad essi connessa).

Ogni tanto però occorre ricordarci che, puntuale come la morte, il “Tg satirico” di Canale 5 va in onda ogni giorno dal 1988 e se non sposta il pensiero e il voto come faceva negli anni ’90, ha sempre un certo seguito, specialmente tra il pubblico di una certa età.

Certo, sono passati i tempi in cui era il programma più seguito della tv commerciale, quello condotto da Ezio Greggio e Enzo Iacchetti o da Paolo Bonolis e Luca Laurenti, con le veline Elisabetta Canalis e Maddalena Corvaglia.

 

87554_canalis

 

Durante il ventennio berlusconiano ha accompagnato l’ascesa di Forza Italia, un po’ come il Bagaglino sulla Rai con la DC negli anni ’80, riuscendo a far apparire i politici di una certa area come simpatici, nonostante i loro non trascurabili difetti. Che poi quei difetti fossero talvolta punibili in sede penale, era un altro discorso.

L’altroieri però è andato in onda un servizio orribile, in cui l’inviata Rajae Bezzaz, di origine marocchina, ex Grande Fratello 11, imbastisce un siparietto fuori dal CARA di Bari, il centro d’accoglienza per migranti e richiedenti asilo, in cui mostra alcuni ospiti che tentano di scavalcare la recinzione col filo spinato per uscire fuori, il tutto come se si trattasse di una gara sportiva con tanto di tre figuranti giudici che interpretano l’Italia, la Francia e la Germania.

 

striscia-la-notizia-servizio-migranti-fuga-cara-bari-body-image-1459856827 via

 

Come sapete, dietro Striscia c’è da sempre Antonio Ricci, classe ’50, i cui programmi hanno sdoganato il peggio dell’italiano medio e hanno contribuito a fomentare il paese reale su tematiche che prevederebbero un minimo di approfondimento serio. Non a caso, Ricci è stato il regista dei programmi di Beppe Grillo in Rai, Te la dò io l’America (1980) e Te lo dò io il Brasile (1984), quando il comico genovese faceva ancora le prove generali di populismo.

 

Finita l’esperienza in Rai, Ricci approdò a Mediaset con un programma rivoluzionario, che poi tanto rivoluzionario non era perché sfruttava l’idea di Non Stop, programma Rai del 1977 di Enzo Trapani, quella di far interagire i comici senza presentatore. Stiamo parlando del Drive In, il dizionario dei difetti degli anni ’80.

Ve lo ricordate senz’altro con affetto, ma se guardate una puntata oggi morite d’imbarazzo.

(qui sotto, ospite della trasmissione un giovanissimo Pier Silvio Berlusconi)

 

piesilvio_berlusconi_ieri via

 

L’equivoco più grosso di un programma come Striscia la Notizia, estremizzato poi  nelle sue versioni di stampo paragiornalistico tipo Le Iene, è quella di confondere un servizio “comico”, come si trattasse di un vero e proprio pezzo giornalistico.

A causa di questo fraintendimento durato anni, in prima serata sulla maggiore televisione commerciale italiana va in onda tutte le sere un programma in cui sistematicamente viene sbattuto il mostro in prima pagina, a uso e consumo del pubblico, che è verosimilmente lo stesso che sui social non controlla le fonti e condivide bufale oppure augura la morte di sconosciuti con una leggerezza atroce.

Un pubblico che è stato educato per quasi 30 anni alla sfiducia nei confronti delle istituzioni e che guarda Striscia la Notizia come i Romani guardavano il Circo. Una barbarie consolatrice che raggiunge il proprio apice nel trattare come se fosse uno sketch comico il tentativo di fuga dei migranti. La derisione degli ultimi, questo è ciò che va in onda in tv, nel programma di Antonio Ricci.

Fortunatamente stavolta c’è chi l’ha fatto notare.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >