TV e Cinema
di Marco Villa 3 Ottobre 2017

Blade Runner 2049, il mito è ancora vivo

Con Blade Runner 2049, il regista Denis Villeneuve riesce a creare un proprio immaginario senza restare schiacciato dall’originale

 

[QUESTA RECENSIONE NON CONTIENE SPOILER]

All’inizio era lo spauracchio di tutti gli appassionati di fantascienza, di quelli che hanno il mito di Blade Runner inculcato in milioni di sinapsi e non potevano accettare che qualcuno vi mettesse mano. Poi immagini e trailer hanno iniziato a cambiare l’aspettativa, fino a quando, pochi giorni fa, le prime recensioni di Blade Runner 2049 (Warner Bros, al cinema in Italia dal 5 ottobre) arrivate dagli Stati Uniti si sono rivelate ben più che positive. E a quel punto l’onda ha cambiato direzione, spingendo forte e arrivando a scomodare parole importanti. Su tutto, però, incombe sempre il peso di quel paragone, quelle due parole che non possono lasciare indifferenti, perché si parla di Blade Runner e di 30 anni di mito che si porta sulle spalle.

 

Per questo, approcciando Blade Runner 2049, il regista Denis Villeneuve si trovava di fronte a un dilemma colossale: qualsiasi tentativo di riportare in vita quel film sarebbe sembrata una rianimazione non richiesta, mentre il distacco assoluto avrebbe reso l’intera operazione una furbata commerciale e poco più. Denis Villeneuve, però, è bravo, uno dei migliori in circolazione. L’ha dimostrato già tante volte, l’ultima un anno esatto fa con Arrival, e lo dimostra anche con Blade Runner 2049, riuscendo a trovare un difficile equilibrio tra riferimento e creazione.

La Los Angeles piovosa e illuminata dai neon colorati di Ridley Scott ritorna, ma quasi di sfuggita, giusto come un promemoria che non ha senso appesantire, perché con un’inquadratura tutto è già al posto giusto. Il grosso merito di Villeneuve sta nell’affiancarle un immaginario che si posiziona quasi agli antipodi, ma riesce a essere ugualmente credibile. Ciò che resta negli occhi di Blade Runner 2049 sono le sequenze desertiche, in cui la polvere prende il posto della pioggia e la mancanza di persone va a sostituire la folla indistinta della grande città, in una pasta calda e quasi arancio.

 

 

Se dal punto di vista visivo, tutto torna e funziona senza sbavature, resta un po’ di delusione per una scrittura eccessivamente didascalica, che non lascia mai lo spettatore solo ad affrontare il film, ma lo prende per mano in ogni passaggio, cadendo così in eccessi di pedanteria difficili da giustificare. Scelta che va ad appesantire le quasi tre ore di durata e la molteplicità dei temi toccati, che portano a un livello ancora più profondo la contrapposizione umano-replicante, ma finiscono per perdere in potenza per la modalità con cui sono raccontate.

 

 

Una delle poche debolezze, perché anche il cast si comporta benissimo, a cominciare da Ryan Gosling, passando per Jared Leto (meno presente del previsto) e arrivando a Harrison Ford. A far girare davvero il film, però, sono soprattutto i personaggi femminili, che coprono tutti i possibili livelli di esistenza: dall’umana (Robin Wright) all’ologramma (Ana de Armas), passando per i diversi modelli di replicante, ognuno con le sue specificità il suo livello di consapevolezza. È proprio nel rapporto con i personaggi femminili che il personaggio principale Agente K ha modo di scavare dentro se stesso e in questo senso non possono non essere sottolineate le sequenze che lo vedono protagonista con l’ologramma Joi, sorta di upgrade tridimensionale del sistema operativo di Her. Dal punto di vista dei personaggi, manca forse un vero antagonista, un Roy Batty 2049 in grado di offrire del carisma oscuro alla pellicola.

 

 

Al netto di questo, Blade Runner 2049 è un film più che buono, che però non può fare a meno di portarsi dietro il paragone con la pellicola di Ridley Scott: una lotta impari, che vede di fronte un film e un monumento. Sotto quell’aspetto, l’opera di Villeneuve non potrà mai competere, perché si tratta di una partita che non ha senso giocare, ma che allo stesso tempo è impossibile da rifiutare. Allo stesso tempo, però, è innegabile che il sentimento all’uscita dalla sala sia di assoluta soddisfazione.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >