colpo di scena colpi di scena cinema

Ecco i 10 colpi di scena più belli della storia del cinema [SPOILER ALERT]

I nostri plot twist preferiti, quelli che ci hanno sconvolto la vita

colpo di scena colpi di scena cinema via

Cos’è un plot twist? È il colpo di scena, il momento in cui un film, un libro o una serie tv cambiano di colpo e colgono di sorpresa lo spettatore/lettore. Può essere un assassino inaspettato, un cattivo che è sempre stato buono, la rivelazione che è stato tutto un sogno, cose di questo tipo.

Se vi spoilerano il finale di questi film mentre siete in fila al cinema, potete non rispondere di voi stessi.

Al cinema ce ne sono stati di meravigliosi e quelli che vi proponiamo in questa lista ci hanno davvero sconvolto la vita, a volte per mezz’ora, a volte siamo ancora qui a pensarci.

 

10) La famiglia  sempre la famiglia: Festen (1998)

Il figlio maggiore del patriarca Klingenfeldt prende la parola alla festa di suo padre per raccontare a tutti i presenti di quando da piccolo veniva violentato insieme a sua sorella gemella (poi morta suicida) proprio dal suo stesso padre. Qualcosa dentro di noi si rompe per sempre, tale è la potenza della sua affermazione da brividi e a ripensarci fa ancora male.

 

9) Faceva tutto parte del piano: Seven (1995)

John Doe (cioè Kevin Spacey, l’artista dei finali a sorpresa) uccide delle persone sgradevoli assegnando a ognuna un peccato capitale. Solo alla fine si scopre che proprio lui è il colpevole del peccato di invidia, perché vorrebbe vivere la vita del detective David Mills con sua moglie e una volta decapitata lei, verrà ucciso proprio dal detective sconvolto, che terminerà suo malgrado il folle piano del serial killer.

 

8) Il cattivo inaspettato: Venerdì 13 (1980)

Doppio colpo di scena per il primo film della saga di Venerdì 13. Non solo l’assassino degli ignari campeggiatori di Crystal Lake desiderosi di sessualità non è Jason con la maschera da hockey come negli altri 350 film della serie ma la mamma dello sventurato bambino affogato nel lago. La scena più paurosa è il finale, quando la sola sopravvissuta si rilassa nelle acque maledette e Jason sfigurato esce fuori per ucciderla. A ripensarci si salta ancora dalla sedia.

 

7) La beffa più grande: I soliti sospetti (1995)

Chi è Kayser Söze? Un misterioso boss criminale che nessuno ha mai visto, una leggenda negativa vivente. O forse è di nuovo Kevin Spacey, nei panni di Verbal Kint, lo storpio bugiardo che intesse una rete diabolica in cui s’inventa nomi e storie prese a caso dalla bacheca alle spalle del detective. Quando esce e mette di zoppicare, per diventare il vero Söze, ormai è troppo tardi. Un film da rivedere una volta l’anno minimo.

 

6) Era tutto un sogno: Mulholland Drive (2001)

Dopo due ore di film, un noir thriller un po’ surreale su di un’aspirante attrice e una ragazza che si è persa a Los Angeles, scopriamo che era tutto un sogno, un montaggio onirico di persone vere, messe in altri contesti. Che le due non sono amiche, ma amanti e in seguito al tradimento di una, l’altra l’ha fatta uccidere per poi pentirsene. È David Lynch, non ha mai amato le cose semplici, ma già alla seconda visione del film la storia appare più chiara.

 

5) Tutto nella sua testa: Fight Club (1999)

In questo film il protagonista è talmente apatico e inetto che non ha nemmeno un nome. Poi trova un amico che è il contrario di lui: bello, risoluto, pazzo e affascinante. Con lui fonderà un club in cui ci si prende a botte per sfogare l’aggressività. Ma Tyler Durden, l’amico, in realtà non esiste. È il suo alter ego che lo spinge a fare cose folli, volte a distruggere la società moderna. Where is my mind?

 

4) Vedo la gente morta: Il sesto senso (1999)

https://www.youtube.com/watch?v=0H7cMd8K5Zs

Uno dei più clamorosi plot twist di sempre: Bruce Willis è uno psicologo infantile che ha a che fare con Cole, un bambino che vede i fantasmi. Alla fine viene fuori che proprio Bruce è un fantasma e si rimane a bocca aperta al cinema, però difficilmente lo si va a rivedere perché ormai, sapendo il colpo di scena, ha poco senso. In ogni caso, Bruce sembra un fantasma anche nella pubblicità della Vodafone.

 

3) Il film è al contrario: Memento (2000)

Memento è un flash. Inizia con la fine e va tutto all’indietro. Il protagonista aha perso la memoria e si tatua tutte le cose importanti della vita per ricordare. Ma il ricordo sarà molto doloroso, perché l’assassino della moglie, che sta cercando con tutti i mezzi, è proprio lui. Interessante è vedere i montaggi alternativi, fatti dai fan su internet, in cui il film si svolge dall’inizio alla fine della storia, perfettamente. Merito dell’attenta regia di Christopher Nolan.

 

2) L’identità segreta: Oldboy (2003)

Il secondo film della trilogia della vendetta di Park Chan-wook è un capolavoro di ultraviolenza e di atmosfera.  Un uomo viene rapito e tenuto dentro una stanza con la televisione accesa per 15 anni, accusato ingiustamente dell’omicidio della moglie. Poi si libera e cerca rivincita, ma non sa di essere sempre stato sotto ipnosi. La cosa più aberrante però è che la ragazza della quale si innamora (consumando il rapporto) in realtà è sua figlia.

 

1) L’Apocalisse è una cosa personale: Donnie Darko (2001)

Tutta l’inquietudine dell’adolescenza, un coniglio dell’orrore e il viaggio nel tempo, tutti racchiusi in un film che è diventato uno dei cult per eccellenza della generazione X. Inizia con il motore di un aereo che si stacca e piomba nella camera di Donnie Darko. Solo alla fine si capisce che il ragazzo è morto nell’incidente, e tutta la storia che abbiamo visto non è mai esistita. O forse sì? Finale apertissimo.

 

BONUS: Luke, io sono tuo padre: Star Wars, l’Impero colpisce ancora (1980)

Ormai lo sapete tutti.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >