TV e Cinema
di Simone Stefanini 2 Settembre 2015

Don Matteo vs. Jessica Fletcher: chi porta più sfiga?

Due paesini, un altissimo numero di omicidi. Chi porta più rogna, Don Matteo o Jessica Fletcher? Scrivilo nei commenti.

don-matteo-jessica-fletcher

Due volti televisivi, un unico comune denominatore: dove passano loro, ci scappa il morto.

Don Matteo e Jessica Fletcher non fanno parte della Polizia di Stato, dei Carabinieri, della Forestale, dei Rangers o dell’ F.B.I., semplicemente si trovano nel luogo del delitto e aiutano gli inquirenti a venirne a capo. Oppure, molto più frequentemente, si mettono di mezzo e vanificano le indagini del personale preposto al caso.

Don Matteo è il parroco della chiesa di San Giovanni di Gubbio (poi trasferito a Spoleto), ridente cittadina umbra, città del tartufo e della ceramica, conosciuta a livello internazionale perché San Francesco proprio lì conobbe il lupo e ci scambiò quattro chiacchiere. Dall’anno 2000 fino al presente, teatro di spaccio di stupefacenti, di laida prostituzione, di efferati omicidi sotto l’occhio vigile dell’atletico e prestante prete biondo, che tradisce un accento americano oppure un errore nel posizionamento del Kukident. Amico del maresciallo Nino Cecchini, riesce ogni volta ad intrufolarsi in quei delitti che, se non fosse stato presente, non sarebbero nemmeno avvenuti.

Superpoteri: preghiera dura, trick in bicicletta, occhi azzurri che sciolgono le donne, giacca di pelle nera, induzione innata alla confessione altrui.

Jessica Fletcher è un’insegnante americana, diventata improvvisamente famosa come scrittrice di avvincenti libri gialli, abitante a Cabot Cove, paesino fittizio di 3680 abitanti nello stato del Maine. Vuoi non vuoi, anche se il paese è piccolo, il numero di omicidi è altissimo, come sottolinea anche lo sceriffo Mort Metzeger. Essendo l’arzilla signora bionda allenata alla risoluzione di tali reati grazie alla scrittura dei suddetti libri  aventi per oggetto, ma guarda a volte il caso, il delitto e la cattura del malvivente, sovente difende  dalle accuse degli sceriffi il primo sospettato e li conduce ad acciuffare il vero assassino.

Superpoteri: doppiatrice fastidiosa, macchina da scrivere, somiglianza con gufo in parrucca, fans in cerca di autografi, apparizione al momento meno opportuno.

Superpoteri di entrambi: alcol.

don-matteo-jessica-fletcher-2

Tutti noi, grazie alle solerti repliche decennali, abbiamo assistito ad almeno una puntata delle gesta dei due eroi iettatori, quindi chiediamo a voi un giudizio insindacabile:

Chi porta più sfiga, Don Matteo o Jessica Fletcher?

Date pure la vostra preferenza nei commenti qui sotto.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >