È uscito il trailer di Jem e le Holograms e non mi piace per niente

No no no no no no no no no. Scopri perché.

Madonna che delusione. Uno aspetta in gloria il trailer del film Jem e le Holograms perché il cartone animato era fotonico e invece si deve accontentare di questo filmetto, il cui giudizio del tutto sommario è negativo già da questi pochi minuti.

La storia era la seguente: una tipa di nome Jerrica (nome, tra l’altro, straordinario) ha una casa discografica in fallimento, ereditata dal babbo morto. Tra tutte le cose inutili che il genitore defunto le ha lasciato, c’è anche un computer megapotente: Energy, che può trasformare Jerrica (un nome straordinario, l’ho già detto?) in Jem, una popstar truccatissima, figa e di successo. Jem inizia a collaborare con le Holograms (che a guardarle sembravano uscite da I Guerrieri della Notte)

e sbancano tutte le classifiche, fanno un botto di soldi e pagano anche le bollette dell’orfanotrofio Starlight House, sempre lascito del defunto padre. Jerrica (…) però ha una doppia identità che la rende tipo bipolare e che la fa litigare col fidanzato/roadie Rio, che per non sapere né leggere né scrivere si innamora di tutte e due, mostrando un’intelligenza inferiore alla media poiché le due, in realtà sono la stesa persona e Cristo, ha solo il trucco e i capelli diversi, come fai a non accorgertene? 

Jerrica_benton_jem

Intanto l’ex socio del padre trapassato, nel tentativo di rompere i coglioni, lancia le Misfits, che purtroppo non sono la cover band del gruppo di Danzig ma un trio cazzutissimo, ben meno caramelloso delle Holograms. Nomi (straordinari) delle Misfits: Pizzazz, Roxy e Stormer. Praticamente l’amore.

Abiti glam in stile Motley Crue, anni 80 pieni, canzoni bellissime e pure la sigla italiana niente male, cantata da una Cristina D’Avena col turbo, le chitarrine distorte, tastiere assassine e via andare.

E ora?

Ora ne hanno fatto un film per bimbiminkia.

C’è questo trailer con gli attori veri che sembra un qualunque filmetto americano di quelli da MTV di pomeriggio, prima della sedicenne incinta e dopo le ginnaste. È stato trasposto ai giorni nostri, avete capito cos’hanno fatto? Inizia con una tipa carina qualunque che canta, mette il video su YouTube e in una serata diventa famosissima (non provateci a casa, non funziona davvero così). La canzone sembra quei lenti un tanto al chilo che le popstar americane mettono nei loro dischi tutti uguali, che nervoso guarda. Ad un certo momento sullo schermo appare Molly Ringwald e ti piange il cuore che lei, attrice feticcio di film come Breakfast Club o Pretty in Pink si sia prestata a questa farsa. Allora la tipa, la sorella e due ragazze in affidamento, con il look punk ma con la bontà nel cuore, vanno a Hollywood per firmare il contratto. Così, senza nemmeno fare prima un ep per un’etichetta indipendente e un tour acustico da Feltrinelli. Vabbè. Intanto si scopre che il regista ha diretto anche “Justin Bieber: Never Say Never” e la bestemmia parte in automatico. Si scopre anche, con rammarico, che la direttrice dell’etichetta è Juliette Lewis (che finaccia che hai fatto, amore mio), la tipica serpe che fa cambiare nome a Jerrica (non se ne vedeva il motivo francamente) e a tutte le altre, le riveste, le trucca e sono pronte per debuttare in un palazzetto dello sport immenso pieno di fans, cantando canzoncine del cazzo, niente a che vedere con quelle strepitose del cartone. Che senso ha vestirle tipo i Dead Or Alive e farle suonare la tastiera a chitarra se poi fanno roba tipo Taylor Swift? Non capisco. Il dramma succede quando Juliette Lewis tenta di trasformare la band in una solista e quindi Jem litiga con le Holograms ecc ecc. Come se non bastasse, arriva il colpo di grazia: sul finire del trailer parte a volume 10 la canzone famosa degli One Direction, facendomi picchiare i pugni sul tavolo, chiudere video, computer e tutto.

Che merda.

Non è vero che ogni generazione ha bisogno della sua Jem, quella di quando ero piccolo io bastava e avanzava. Cos’è, ai giovani non piaceva così com’era? Cosa vogliono i giovani da me? Distruggere i miei ricordi? Se ne creassero di nuovi, invece di distruggere i vecchi. Bastardi. Ma soprattutto, le Misfits che fine hanno fatto?

GUARDA IL TRAILER E PROVA A DARMI TORTO:

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >