TV e Cinema
di Eva Cabras 11 Febbraio 2015

Festival di Sanremo 2015: tutti i vestiti della prima serata

Accumulo is the new black. Passiamo in rassegna i vestiti della prima giornata del Festival.

Festival di Sanremo vuol dire famiglia. Molti tipi di famiglia per la precisione e non necessariamente quella super sponsorizzata da Conti con 16 figli e tanto amore per il Signore Dio nostro. Guardare il Festival da soli è un po’ come mettersi autolike, totalmente fine a sé stesso, poiché il bello di questa pazza manifestazione musicale con tutta la peggio roba uscita dai talent show è condividere. Allora via libera alla serata con i genitori che ancora guardano Sanremo per ascoltare le canzoni, via libera alle riunioni tra amici a base di birre e cori venuti male, ai messaggi e i gruppi su whatsapp creati apposta per parlar male dei vestiti delle cantanti.

La selezione di abiti visti sul palcoscenico non è niente di eclatante quest’anno. Tutto molto rosso, rosso ovunque e un sacco di lustrini, qualcosa di carino e qualcosa che avrebbe potuto rimanere attaccato alla gruccia in camerino. Vediamo nello specifico i look della serata esibiti da presentatrici e cantanti.

Emma Marrone: Nonostante la voce da minatore, Emma ha saputo mantenere una certa grazia sul palco, evitando di rendere ridicolo un vestito piuttosto impegnativo. Avevo anticipato la fissa per i lustrini ed eccoli lì, accompagnati addirittura a merletto e trasparenze. Ne viene fuori un incrocio strano tra i costumi per il pattinaggio sul ghiaccio e un matrimonio sulla spiaggia.

emma-con-abito-bianco-francesco-scognamiglio

 

 

Arisa: La prima della serata a portare il rosso e non si inizia benissimo. L’abito in sé avrebbe delle ottime potenzialità, ma addosso alla Pippa non funziona proprio. Partiamo dal presupposto che è troppo lungo, ma la cosa angosciante è stata la mancanza del reggiseno al momento dell’entrata. Dopo lo stacco pubblicitario hanno prontamente riparato al danno, ma in foto si nota la famigerata “tetta a busta”, tripudio antiestetico di ottimismo.

arisa-in-daniele-carlotta

 

 

Chiara: Prima cantante in gara, arriva, vince tutto e se ne va. Questo splendore firmato Stella McCartney si aggiudica il premio come miglior abito della serata ed ecco perché. Taglio essenziale e colore forte, ottima vestibilità, il fluo va sempre un casino anche quest’anno, spontanea e non ingessata.

chiara-galiazzo-in-stella-mccartney

 

 

Malika Ayane: Ecco di nuovo il rosso, stavolta per un abito morbido sul fondo ma troppo squadrato sul top, poco indicato viste le spalle possenti della Ayane.  Non sarà un vestito da gran gala, ma regge il palco con dignità.

malika-ayane-in-total-red

 

 

Al Bano e Romina: Che nostalgia il Festival con questi due, eh? Anche no, nessuno ha sentito la mancanza degli orribili caftani della Power, sempre uguali dal 1972, o della spallina calata con gli strass a vista. Albano ha perso il collo, per rispetto passo oltre.

albano-e-romina-a-sanremo

 

 

Grazia di Michele: Guanti sopra il gomito e via, non ci sono mezze misure. Se una si veste elegante mette il vestito lungo, con la balza, i ricami, il satin, gli orecchini pendenti e i guanti. La di Michele è della vecchia guardia, così come il suo outfit.

il-look-di-grazia-di-michele

 

 

Lara Fabian: Anonima oltre ogni più sciagurata aspettativa, la Fabian si conferma appartenente a un’altra generazione. La finta pelle della camicetta probabilmente era un tentativo di trasgressione, fallito.

il-look-di-lara-fabian

 

 

Arisa bis: Avevo già detto che a questa edizione di Sanremo piacciono un sacco il rosso e i lustrini? Maddai! Ecco il secondo look sfoggiato da Arisa, ovvero un’accozzaglia di colletto di camicia, maniche velate, doppia gonna, ricami e brillanti. Accumulo is the new black.

il-secondo-abito-di-arisa

 

 

Emma bis: Meno carica della compagna valletta, ma comunque deludente. I tagli sui fianchi sono un po’ datati e quei fogliami ricamati rendono il tutto pesante nonostante la linearità del resto dell’abito. Non ci siamo.

il-secondo-abito-di-emma

 

 

Annalisa: Si distingue con la scelta del pantalone, punta sulle frange (quest’anno faranno furore) e rischia tutto con una giacca ricamata con pennuti dorati. Lì per lì ero sdubbiata, ma a mente fredda apprezzo il coraggio e la sfrontatezza dei galletti aurei, azzardo ripagato.

annalisa-a-sanremo

 

 

Rocio Munoz Morales: Quella che doveva essere la figa della serata è apparsa più che altro come la scema del villaggio, ha parlato soltanto per proverbi e l’hanno vestita secondo più classici degli stereotipi. Rosso, con le balze e addirittura quella noiosa crocchia con la riga in mezzo da ballerina di flamenco.

rocio-munoz-morales-in-armani-prive

 

 

Rocio Munoz Morales bis: Non si sono certo voluti impegnare con la fantasia per questa povera donna. Ancora rosso, stessa crocchia, abito di nuovo senza spalline con corpetto rigido. Almeno è bello, ma dai, impegno zero.

rocio-munoz-morales-il-secondo-look

 

 

Rocio Munoz Morales tris: Ed ecco confermata la lobotomia subita dagli stylist, ancora senza spalline, corpetto rigido, balze a più non posso e buonanotte. Ancora Armani, come tutti e tre i look della Morales. Visti singolarmente avrebbero spaccato, uno dopo l’altro è una pagliacciata.

il-terzo-abito-di-rocio

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >