TV e Cinema
di Sandro Giorello 4 Novembre 2016

Cinque film stupidi e imperdibili scelti da Luca Ravenna di Quelli che il calcio

Chi meglio di un comico può consigliarci dei film che fanno ridere?

luca-ravenna

Ritorna la nostra nuova rubrica dedicata ai film che fanno ridere, in cui chiediamo ad un comico quali sono stati i titoli che più l’hanno divertito. Non parliamo, però, dei grandi classici di Woody Allen o di Gene Wilder ma di pellicole decisamente meno autorevoli – a cavallo tra il thrash e la più completa assurdità – considerati ugualmente dei piccoli capolavori.

Dopo la cinquina scelta da Saverio Raimondo, ecco la selezione di Luca Ravenna. Classe 1987, di Milano ma trasferitosi da tempo a Roma, se non lo conoscete di nome molto probabilmente l’avrete visto in tv nella sua stupenda imitazione di Marzullo a Quelli che il calcio….

 

Luca Ravenna si posiziona di diritto tra gli stand up comedian più interessanti del momento: attualmente è uno dei nomi di riferimento di Natural Born Comedians su Comedy Central ed ha collaborato con i The Pills al film Sempre meglio che lavorare. L’anno scorso ha realizzato per Repubblica.it la web-serie Non c’è problema, un piccolo gioiellino di comicità dove analizza le sue paure più grandi e le sue ansie.

Ha uno stile unico e surreale. Ha idee assolutamente semplici ma geniali, riesce a prendere i lati più intimi e trasformarli in gag divertenti senza, per forza, ricorrere all’uso di caricature o di esagerazioni volgari. La sua idea di comicità è sicuramente tra le più originali tra le proposte italiane, e la scelta dei suoi cinque film stupidi preferiti non poteva essere da meno.

 

cover1

Yuppies – I giovani di successo (1986)
Si dice che La Terrazza di Scola rappresenti l’epilogo della più florida stagione cinematografica del Belpaese, quella delle Commedia all’italiana.  Non penso di essere originale nel dire che le ultime gocce di quel fiume in piena siano rappresentate dai primi film dei fratelli Vanzina.  Sapore di Mare, Vacanze di Natale e  Yuppies.  Con questa pellicola dell’86 si aprono le porte ad un’epoca,da cui non si tornerà più indietro, nel bene e nel male. Si accetta la deficienza come concetto alto e apprezzabile. È un film che segna un passaggio temporale fondamentale nella storia del nostro Paese.
E poi i fab4 della comicità anni 80 qui suonano insieme in maniera perfetta, indimenticabile.

Ezio Greggio: Come ti chiami scusa?
Corinne Clery: Françoise
Ezio Greggio: Ah, Françoise… Come mia sorella Carla

Rido mentre la riscrivo e penso che come scambio sarebbe stata bene in bocca anche a Vittorio Gasmann e Sofia Loren.

Bellissimo.

 

 

Dreamland – La terra dei sogni (2010)

1739 euro d’incasso in tutt’Italia.  Penso di essere uno dei pochissimi  ad averlo visto, in assoluto. Mi ero preso la briga di andare  all’anteprima mondiale (sic) all’Isola del Cinema a Roma. A fine proiezione mi ricordo che il regista invitò il prete di non so quale paesino pugliese (il film è ambientato fra Stati Uniti e Puglia), per fare un commento. E il prete disse: ” eh… eh… eh… Il Vaticano non lo voleva far vedere e… Non so perché… No ma veramente, non sto scherzando…”. Ho riso fino a farmi zittire da una fila di spettatori che si stava innervosendo con me e i miei due amici.  Dal trailer non si comprende come sia stato possibile realizzare un kolossal del genere. Fra tutte le scene ricordo questa: bar, notte, il protagonista svita il tappo di una bottiglia di “alcolico xxx”  e viene aggiunto il suono di uno stappo, tipo quello della pubblicità del vino Ronco. Il film è tutto così: una somma di momenti, suoni, idee, amori, completamente scollegati fra loro. L’attrice protagonista ha querelato il regista perché non l’ha pagata o per averla fatta partecipare. Non ricordo, ma fa poca differenza. Io l’ho visto e lo ricordo felicemente.

 

amore_14_spl

Amore 14 (il film che mi ha fatto più ridere nella mia vita, 2009)

Se Tre uomini e una gamba è il film che ha cambiato la mia vita e la percezione di cosa significhi “far ridere al cinema”, ma non solo al cinema, Amore 14 è il film che mi ha fatto stare peggio. Fisicamente. Ricordo di averlo visto in sala con mio fratello. Il racconto scriteriato della gioventù, del sesso, della vita, della società, di Roma, unito alla coscienza quasi clinica di come “non sapere utilizzare” il mezzo cinematografico è stata un’esperienza mistica. Passaggi di luce, invenzioni di sceneggiatura ai limiti dell’iperrealismo, transizione narrative da video della comunione in Bulgaria (con tutto il rispetto, eh), la colonna sonora,  i dialoghi, il product placement, tutto. Non c’è un solo fotogramma che non faccia ridere. Sulla scena dell’incontro fra i due protagonisti nella libreria di Prati , con Beautiful di James Blunt, sono praticamente decollato nella troposfera. Ho riso fino ad aver pensato di perdere sangue dal naso.

 

foto-parlami-d-amore-3-low

Parlami d’amore (2008)

“Io non faccio il parquettista, io faccio rivivere il legno”.

Sasha (Silvio Muccino), si presenta così alla donna che ha conosciuto la sera precedente dopo un incidente. Lui è figlio di tossici, è nato in comunità, è povero, è colpevole di un passato che non gli appartiene, è un sognatore e parla come una ragazzina di 12 anni. Lei è una donna depressa, sola, ricca che odia il marito. Nella Roma del 2008 decidono che lei gli spiegherà cos’è l’amore. Riassunto così, potrebbe sembrare un film orribile. Ma attenzione: Parlami d’Amore costituisce una delle pietre miliari nella storia dei film comici della cinematografia contemporanea. Forse per renderlo tale ci sarebbe stato il bisogno di un personaggio che ogni tanto avesse detto, per esempio: ” ma in che senso fai rivivere il legno?”.

Non saprei dire.  Non giudico. So che lo sforzo di rappresentazione che hanno fatto gli autori è stato straordinario e che se ci fosse stata una punta di autoironia in più da parte loro, avrebbero fatto uno dei più grandi capolavori del cinema contemporaneo. Sarebbe stato un film bruttissimo e comico in modo involontario, ma l’avrebbero fatto apposta. Un’opera d’arte, come si suol dire. Ma l’arte, anche quando non è esibita in un museo, bisogna saperla cogliere. E mi permetto, con grande immodestia, di averlo fatto io, che l’ironia ce l’ho sempre messa da solo e l’avrò visto almeno 20 volte.

 

foto-bianco-e-nero-10-low

Bianco e Nero (2008)

Se vogliamo è anche un film comico. Nel senso che è così brutto e distante dalla realtà che si può anche ridere. Però devo ammettere che è il film che mi ha fatto più innervosire nella mia vita. Al confronto, Nascita di una nazione di Griffith è una delicata allegoria della questione razziale nell’America ai primi del 900.

Mi prudono le mani a scriverne. Basta vedere il trailer per capire di cosa stia parlando. Bianchi e Neri che non si capiscono, creano casini. Neri che sono “anche simpatici”, bianchi un po’ razzisti, che sono anche “aperti”. Tutto questo ambientato sull’Aventino romano. È un film sul rapporto bianchi, neri, superficiale, a volte comico, e allora è normale che la canzone che accompagna il trailer non possa che essere: Pata Pata di Miriam Makeba.

Serve altro?

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >