TV e Cinema
di Matteo Corradini 23 Ottobre 2015

Game Therapy: il film di Favij ha rubato 97 minuti della nostra vita

Il film costruito su misura per la creme degli youtuber italiani

I protagonisti di Game Therapy Spettacolomania - I protagonisti di Game Therapy

 

Oggi non avevo un cazzo da fare. Così, quando sono stato contattato per andare a vedere al cinema e poi dire la mia su Game Therapy (che per chi non conosce il fenomeno più grosso degli ultimi 2 anni e mezzo, oppure non ha 14 anni, è un film sui gamers) ci ho pensato per 5 minuti e poi ho accettato, pensando che oh, alla fine uno non può parlare male di qualcosa se non lo conosce. Ve lo ricordate quel discorso che vi ha fatto vostro zio sui trans, no?

Quindi nulla, mi reco all’Atlantic, noto cinema boro della semiperiferia sud est romana in orario. Pago il biglietto, 5 Euro non rimborsati. 5 Euro perché è pomeriggio non perché il film sia in “promozione”. Il cinema è abbastanza vuoto, anche se la programmazione è in orario merenda proprio per attirare i prepuberali che per adesso si limitano a fare i compiti di geografia, chiamarsi tra di loro amichevolmente, cito testualmente “Ah bocchinaro!” e costringere i loro genitori a portarli a vedere un film con Federico Clapis.

 

 

Essì cari amici, questo film vanta la partecipazione di alcuni dei volti più influenti del mondo YouTube dei nostri giorni. Primo tra tutti la star, l’inimitabile FaviJ: reduce dal quarantacinquesimo miliardo di iscritti sul suo canale e (finalmente) dallo sviluppo puberale, è il protagonista della nostra storia. Viene seguito a ruota da Clapis, co-protagonista della faccenda. È proprio vedendo quest’ultimo in azione che ho fatto la mia prima riflessione in sala: ma quanto sarebbe stato un film più figo se al posto di Clapis ci fosse stato Jerry Calà? Pensateci, sono molto simili, stessa voce, stesso accento, stesso modo goffo di recitare. Solo uno dei due però è un cocainomane. Ovviamente avete capito quale. No, comunque Clapis fa schifo forte, ma poverino, non per lui, lui è un po’ imbranato, anche divertente in alcuni atteggiamenti, ma si vede in maniera abbastanza chiara che col mondo del cinema non c’entra niente. Per carità non è che se ti dicono “ti do 80k se fai un film con FaviJ” ha senso rispondere con “eh ma io non c’entro un cazzo con il cinema”, era così per dire, per spezzare una lancia in suo favore, povera stella. Seguono a ruota tra i nomi grossi del cast di youtubersz gamersz Leonardo de Carli e Zoda. Che regà, vi giuro non ci sono nel film. Cioè ci sono nei titoli ma poi nella trama uno si è ritirato a fare il santone in India (davvero!) e l’altro fa il bullo fuori scuola. 4 battute a testa, nome in locandina, un buon quantitativo di soldi per l’operazione e tutti contenti, ufficio stampa compreso. Quello che fa il bullo sembra divertente però, parla come un personaggio di un film di Caligari.

 

I nostri eroi in missione Movieforkids - I nostri eroi in missione

 

Comunque, il film parla di questi due ragazzi che giocano con i videogames e ci stanno abbastanza sotto, tanto da costringere Favij a creare o reperire o boh un macchinario che li fa “vivere” all’interno di un videogame. E ok, fin qui le premesse mi sembrano buone. Quello che il film in realtà nasconde, cioè la cosa che mi ha un po’ infastidito è che tutta la trama è solo l’ennesima enorme metafora per descrivere l’eterno scontro tra i due elementi che governano il nostro universo. Lo yin e lo yang dell’era moderna, la luce e il buio, l’acqua e il fuoco. Sto ovviamente parlando dell’opposizione videogames – fregna. Praticamente tutto il film è la storia di Clapis che si vuole bombare sta ragazza di classe sua e litiga ogni tanto con FaviJ, che vuole invece giocare al macchinario dei videogiochi appena da lui scoperto, perché giustamente gli da buca per la tipa.

Il film si presenta quindi carico di misteri, tra cui il più importante che è: “come cazzo ha fatto la produzione a parlare di videogames per un’ora e mezza senza neanche sganciare un dollaro alle relative case produttrici?“. Esatto signori miei, questi eroi del producing moderno hanno infatti fatto un film che ruba a piene mani da Assassin’s Creed, Tomb Raider, Uncharted ed altri titoli tripla A americani, senza mai mostrare un logo, dire un nome riconoscibile. Geni. Bravissimi.

La domanda diventa quindi: cosa ci hanno fatto con l’enorme quantitativo di soldi sborsati da Carrefour per finanziare la più grossa e dispendiosa operazione di product placement mai realizzata? No, davvero, c’è una scena nel supermercato con Clapis e FaviJ in cui ci sono più stacchi sui prodotti Carrefour che sulle loro facce mentre parlano. I piani d’ascolto li hanno fatti sui fagioli in scatola Qualità Natura Carrefour.

 

game-therapy-clapis-favij

 

Per fortuna il personaggio di FaviJ è il più simpatico di tutti, vive infatti il dramma di fottersene totalmente della realtà, delle ragazze, dei motorini e della scuola (ma sicuramente non del ca$h) e spinge più volte l’amico Clapis a sfanculare la tipa mezza americana. Lui è il vero eroe del film, il vero ribelle, porta avanti la teoria che i videogames sono meglio della realtà, teoria nella quale ho sempre creduto e mi riconosco. Addirittura alla fine decide di rimanere nel macchinario dei videogames foreva, costringendo i suoi amici Clapis e gli altri due che hanno fatturato con pochissimo sforzo ad andare a riprenderlo, anche se sanno benissimo che gli stanno solo facendo un danno.

E niente, in conclusione non ho nulla da dire. Sul serio, non so cosa ho visto, il film sembrava abbastanza fatto male, ma parlerei di qualcosa che non conosco se cercassi di esprimere un parere critico. La morale? La morale non c’è, ricordatevi solo che la vita è un posto di merda, in cui nasci cresci ti riproduci e muori. E a un certo punto devi anche portare tuo figlio a vedere Game Therapy.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >