I Goonies contro Stand By Me, quale di questi cult anni ’80 ti piace di più?

Due icone assolute degli anni ’80. Qual è il tuo preferito?

I Goonies (1985) e Stand By Me (1986) sono due film icona degli anni 80. Entrambi parlano di un gruppo di amici alle prese con l’avventura più importante della loro vita, che li porterà a a diventare grandi. Il primo è diretto da Richard Donner e prodotto da Steven Spielberg, la regia del secondo invece è di Rob Rainer, tratto da un racconto di Stephen King.  I Goonies (che tradotto suonerebbe come “gli Svitati”) cercano un tesoro per salvare la propria comunità, i ragazzi di  Stand By Me invece cercano un cadavere per tornare in città e riscuotere la fama che meritano. Entrambi i gruppi di amici sono in cerca di riscatto, perché la società li reputa dei perdenti e vengono bullizzati dai ragazzi più grandi.

 

I due film sono simili nella trama e nei personaggi, anche se I Goonies è raccontato dal punto di vista di un bambino, mentre Stand By Me da quello di un adulto che ricorda la sua infanzia negli anni ’50. Entrambi i film iniziano con una mappa del tesoro. I Goonies la scoprono in soffitta e decidono di andare alla ricerca del tesoro, mentre in Stand By Me, la mappa del tesoro perduta da Vern  fa da incipit alla narrazione. Andiamo a vedere le principali affinità e divergenze tra i due cult, senza i quali non sarebbe mai stata girata la serie tv più spettacolare di quest’anno, Stranger Things.

 

Personaggi simili: il sognatore.

Ogni film anni ’80 ha un sognatore. Ne I GooniesMikey Walsh (interpretato da Sean Astin, che diventerà Sam, l’hobbit  che aiuterà Frodo ne Il Signore degli Anelli) è quello che convince il resto della gang a non rinunciare ai propri desideri e a cercare il tesoro. E riesce pure a limonare.

 

In Stand By Me il sognatore è Gordie Lachance (interpretato da Wil Wheaton, che poi diventerà il nemico giurato di Sheldon in The Big Bang Theory), lo scrittore e narratore della storia. Egli ha una vasta immaginazione ed è capace di inventarsi racconti, non a caso poi da grande sarà scrittore. Non sollecita particolarmente i ragazzi ad andare a cercare il cadavere, ma è il collante del gruppo. E alla fine rivela un coraggio insospettabile.

 

Il pauroso

Non esiste film anni ’80 senza il pauroso, di solito interpretato da un ragazzo sovrappeso. Nei i Goonies era Chunk Cohen (interpretato da Jeff Cohen), che dà vita a uno dei personaggi più di culto di tutto l’intero immaginario anni ’80.

 

stand_by_me_05_stor

In Stand By MeVern Tessio (interpretato da Jerry O’Connell,  diventato poi attore belloccio). Entrambi, in italiano, doppiati da Luca Lionello, che con la sua erre moscia rende ancora più simili e comici i personaggi.  Entrambi, nonostante siano inizialmente scherniti dagli altri ragazzi del gruppo, alla fine sono essenziali per la storia (Vern è quello che dà la notizia del ragazzo morto e Chuck fa amicizia con Sloth, che aiuterà i ragazzi a scappare dai Fratellis). È interessante notare che sia Chunk e Vern  hanno  problemi a entrare a nascondigli del loro banda. Chunk è costretto a fare la danza del ventre per ottenere l’ingresso mentre Vern invece dimentica la parola d’ordine.

 

Il fratello maggiore

In Stand By Me, i flashback mostrano Denny Lachance (interpretato da John Cusack) come un fratello maggiore perfetto, sempre pronto ad ascoltare il fratellino Gordie, a differenza dei genitori. Muore tragicamente in un incidente. Durante tutto il film, Chris Chambers (interpretato dal mai troppo compianto River Phoenix) riprende il ruolo del fratello maggiore per Gordie. Allo stesso modo Brand Walsh (interpretato da Josh Brolin) interpreta il ruolo, all’inizio un po’ cafone, ma poi attento e protettivo, di fratello maggiore per Mickey. Sulle prime si rivela meno coraggioso dei ragazzini, ma sul finire li aiuta a combattere i cattivi.

 

Corey Feldman

 

 

Il mito degli 80s ha recitato in entrambi i film, ecco perché ancor oggi, nonostante una carriera conclusa anni fa e sfociata nel ridicolo, rimane uno degli idoli più indiscussi di tutti i tempi. È Bocca nei Goonies e Teddy Duchamp in Stand By Me, hanno entrambi la brutta abitudine di parlare troppo, sono svitati e mettono nei casini il resto della gang.

 

 

 

Il finale

Le differenze più sostanziali, sono proprio nel finale. I Goonies, essendo un film scritto da Steven Spielberg, alla fine mostra la riunione gioiosa tra i teenager e i genitori. In Stand By Me, invece, i genitori sono introvabili alla fine del film. Lo spettatore ha l’impressione che i ragazzi non la passeranno proprio liscia. Per almeno un paio di quei ragazzi, i genitori non sono esattamente i migliori modelli. In realtà, la maggior parte degli adulti in Stand By Me viene mostrata in una luce negativa o neutra. In questo senso, Stand By Me potrebbe essere considerato l’anti Goonies. Però ha il finale che piangere tutte le lacrime del mondo.

 

Location

Se vi sembra che le scene nella natura in entrambi i film siano simili, è perché sono state girate in Oregon.

 

Colonna sonora

“Goonies ‘R Good Enough” di Cindy Lauper è una canzone ottimista, che ispira speranza.

 

 

Al contrario “Stand By Me” di Ben E. King racconta una storia di un futuro oscuro che può essere affrontato solo insieme a qualcuno di importante accanto.

E voi, quale preferite?

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >