I Gremlins e tutti gli altri, 10 mostriciattoli che ci hanno terrorizzato negli anni ’80

Una trentina d’anni fa c’è stata un’epidemia di piccoli mostri assassini. Ve li ricordate?

Una trentina d’anni fa, i giovani amavano un sacco i film horror. Era il loro modo per trasgredire, protetti dalle spesse mura del cinema o in sala dei genitori grazie al videoregistratore VHS. I film dell’orrore, come sapete, sono suddivisi per collane, per cicli. I mostri storici, quelli tipo Dracula o Frankenstein, gli assassini della nuova generazione, cioè i vari Freddy Krueger, Jason Voorhees, Leatherface e compagnia bella, gli zombie, le pestilenze e i nuovi mostri.

Tra questi ultimi, c’è stato un trend iniziato all’incirca nel 1984, grazie al successo dei Gremlins, che però ha degli antenati storici: quello dei piccoli mostri malefici e super cattivi, che spuntano da ogni dove per ridurre la tua vita un inferno o per porvi fine in modo altamente doloroso.

Praticamente l’equivalente cinematografico degli orsetti che si strappano la faccia, delle creature che potrebbero essere carine e coccolose ma che invece sono canaglie assassine. Ve ne mostriamo una decina, così almeno potrete scegliere di quale morte morire.

 

1) I Gremlins

gremlins via

I capi di tutto. Nati dalla fantasia di Chris Columbus e prodotti da Steven Spielberg per il film cult di Joe Dante del 1984 e il suo delirante sequel del 1990. Nascono dal tenero mogwai di nome Gizmo, comprato in un oscuro negozietto di cianfrusaglie di Chinatown. Il tenero coso-tipo-orsetto è il perfetto animaletto domestico, a patto di rispettare tre regoline fondamentali: non esporlo alla luce (lo uccide), non bagnarlo mai (si riproduce) e non nutrirlo dopo la mezzanotte (lo fa diventare un mostro). Il mogwai dà vita a una serie infinita di pericolosissimi Gremlins, esseracci verdi di tipo rettile, dispettosi nel migliore dei casi. Nel peggiore, assassini. Il film è piaciuto talmente tanto da diventare una delle proiezioni di natale e ha dato vita al culto dei mini mostri.

 

2) I Ghoulies

a61 via

Sono spiriti maligni evocati da un giovane direttamente nella sua cameretta. La saga, iniziata con il film di Luca Bercovici del 1985, ha avuto 4 sequel e ci ha ricordato l’importanza di non giocare con le pratiche occulte. Chi vorrebbe trovarsi  un mostro del genere che esce dalla tazza del cesso?

 

3) I Critters

7hS9qPMbL0fl via

Altra saga, iniziata nel 1986 con il film di Stephen Herek, che poi ha avuto 3 sequel. In realtà gli extraroditori carnivori e sanguinari sono stati pensati prima dei Gremlins ma per mancanza di fondi sono usciti al cinema dopo. Più cibo ingurgitano, più diventano grossi.

 

4) I Munchies

munchies-drive-car-cult-movies-download via

Questo è un film del 1987, inedito in Italia ma che si recupera facilmente un po’ ovunque. Ne hanno fatti 3, tutti rifacimenti a basso costo dei Gremlins. Ammazza quanto sono brutti i Munchies.

 

5) Il Demone di Non aprite quel cancello

giphy-61 via

Un cancello da aprire, sacrifici umani da compiere e mostri da adorare. Un film del 1987 di Tibor Takàcs, horror a tutti gli effetti, con il suo bel mostriciattolo proveniente dagli inferi. Tutto bellissimo.

 

6) I Troll

giphy-62 via

Carini, no? Non sono quelli che rompono le scatole su internet, somigliano di più a quelli del nord Europa, che vanno accarezzati in testa così portano fortuna. Sembra che questo film del 1986 di John Carl Buechler sia stato di ispirazione a J.K. Rowling per il suo Harry Potter. Come vedete, i troll non sono esattamente tipi simpatici.

 

7) Chucky, la bambola assassina

tumblr_m1d4f7HH6y1qdd44xo1_500 via

Chucky è la bambola più famosa del mondo. Mica perché sia particolarmente bella, intendiamoci. Perché prende vita e ha voglia di uccidere. Dal 1988 al 2013 son stati girati 6 film sul tema e la bambola assassina è entrata di diritto tra i mostri più sadici della storia del cinema horror.

 

8) I burattini di Puppet Master

tumblr_lq1fb8dWhe1qcyom9 via

Puppet Master – Il burattinaio è un film del 1989 di David Schmoeller che ha avuto la bellezza di 10 sequel. Siamo nel 1939 e un burattinaio americano si suicida per evitare di essere trovato da due spie naziste. I suoi burattini si risvegliano e si trasformano in spietati killer.

 

9)  Belial di Basket Case

tumblr_mn7vkcyidt1rfznfjo1_500 via

Il simpatico Belial è il fratello siamese del protagonista di Basket Case (regia di Frank Henenlotter, 1982), uno dei film splatter / gore a basso budget più celebrati degli anni ottanta. Girato da attori non professionisti nei bassifondi di New York, racconta del complicato legame tra Duane e il “gemello” Belial, mentre i due sono impegnati in una serie di vendette. Ma quando Duane s’innamora, Belial diventa geloso: e se guardate bene l’immagine qui sopra, non potrà certo finire bene.

 

10) Il Facehugger di Alien

e119fa9d141dd26c059937f4ca43f188 via

Che carino. Il primo vero mostriciattolo orribile e schifoso è lui, il parassita di Alien. Una specie di ragno/scorpione che in realtà è il secondo stadio del ciclo vitale dello Xenomorfo, l’extraterrestre assassino di Alien di Ridley Scott (1979). È un parassita che abbraccia la faccia del malcapitato tramite i propri arti e strangola la gola con la sua coda. Tiene in vita il suo ospite finché può servirsene, poi lo lascia morire. Dai, i Gremlins erano senz’altro più simpatici.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione  completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >