I Gremlins e tutti gli altri, 10 mostriciattoli che ci hanno terrorizzato negli anni ’80

Una trentina d’anni fa c’è stata un’epidemia di piccoli mostri assassini. Ve li ricordate?

Una trentina d’anni fa, i giovani amavano un sacco i film horror. Era il loro modo per trasgredire, protetti dalle spesse mura del cinema o in sala dei genitori grazie al videoregistratore VHS. I film dell’orrore, come sapete, sono suddivisi per collane, per cicli. I mostri storici, quelli tipo Dracula o Frankenstein, gli assassini della nuova generazione, cioè i vari Freddy Krueger, Jason Voorhees, Leatherface e compagnia bella, gli zombie, le pestilenze e i nuovi mostri.

Tra questi ultimi, c’è stato un trend iniziato all’incirca nel 1984, grazie al successo dei Gremlins, che però ha degli antenati storici: quello dei piccoli mostri malefici e super cattivi, che spuntano da ogni dove per ridurre la tua vita un inferno o per porvi fine in modo altamente doloroso.

Praticamente l’equivalente cinematografico degli orsetti che si strappano la faccia, delle creature che potrebbero essere carine e coccolose ma che invece sono canaglie assassine. Ve ne mostriamo una decina, così almeno potrete scegliere di quale morte morire.

 

1) I Gremlins

gremlins via

I capi di tutto. Nati dalla fantasia di Chris Columbus e prodotti da Steven Spielberg per il film cult di Joe Dante del 1984 e il suo delirante sequel del 1990. Nascono dal tenero mogwai di nome Gizmo, comprato in un oscuro negozietto di cianfrusaglie di Chinatown. Il tenero coso-tipo-orsetto è il perfetto animaletto domestico, a patto di rispettare tre regoline fondamentali: non esporlo alla luce (lo uccide), non bagnarlo mai (si riproduce) e non nutrirlo dopo la mezzanotte (lo fa diventare un mostro). Il mogwai dà vita a una serie infinita di pericolosissimi Gremlins, esseracci verdi di tipo rettile, dispettosi nel migliore dei casi. Nel peggiore, assassini. Il film è piaciuto talmente tanto da diventare una delle proiezioni di natale e ha dato vita al culto dei mini mostri.

 

2) I Ghoulies

a61 via

Sono spiriti maligni evocati da un giovane direttamente nella sua cameretta. La saga, iniziata con il film di Luca Bercovici del 1985, ha avuto 4 sequel e ci ha ricordato l’importanza di non giocare con le pratiche occulte. Chi vorrebbe trovarsi  un mostro del genere che esce dalla tazza del cesso?

 

3) I Critters

7hS9qPMbL0fl via

Altra saga, iniziata nel 1986 con il film di Stephen Herek, che poi ha avuto 3 sequel. In realtà gli extraroditori carnivori e sanguinari sono stati pensati prima dei Gremlins ma per mancanza di fondi sono usciti al cinema dopo. Più cibo ingurgitano, più diventano grossi.

 

4) I Munchies

munchies-drive-car-cult-movies-download via

Questo è un film del 1987, inedito in Italia ma che si recupera facilmente un po’ ovunque. Ne hanno fatti 3, tutti rifacimenti a basso costo dei Gremlins. Ammazza quanto sono brutti i Munchies.

 

5) Il Demone di Non aprite quel cancello

giphy-61 via

Un cancello da aprire, sacrifici umani da compiere e mostri da adorare. Un film del 1987 di Tibor Takàcs, horror a tutti gli effetti, con il suo bel mostriciattolo proveniente dagli inferi. Tutto bellissimo.

 

6) I Troll

giphy-62 via

Carini, no? Non sono quelli che rompono le scatole su internet, somigliano di più a quelli del nord Europa, che vanno accarezzati in testa così portano fortuna. Sembra che questo film del 1986 di John Carl Buechler sia stato di ispirazione a J.K. Rowling per il suo Harry Potter. Come vedete, i troll non sono esattamente tipi simpatici.

 

7) Chucky, la bambola assassina

tumblr_m1d4f7HH6y1qdd44xo1_500 via

Chucky è la bambola più famosa del mondo. Mica perché sia particolarmente bella, intendiamoci. Perché prende vita e ha voglia di uccidere. Dal 1988 al 2013 son stati girati 6 film sul tema e la bambola assassina è entrata di diritto tra i mostri più sadici della storia del cinema horror.

 

8) I burattini di Puppet Master

tumblr_lq1fb8dWhe1qcyom9 via

Puppet Master – Il burattinaio è un film del 1989 di David Schmoeller che ha avuto la bellezza di 10 sequel. Siamo nel 1939 e un burattinaio americano si suicida per evitare di essere trovato da due spie naziste. I suoi burattini si risvegliano e si trasformano in spietati killer.

 

9)  Belial di Basket Case

tumblr_mn7vkcyidt1rfznfjo1_500 via

Il simpatico Belial è il fratello siamese del protagonista di Basket Case (regia di Frank Henenlotter, 1982), uno dei film splatter / gore a basso budget più celebrati degli anni ottanta. Girato da attori non professionisti nei bassifondi di New York, racconta del complicato legame tra Duane e il “gemello” Belial, mentre i due sono impegnati in una serie di vendette. Ma quando Duane s’innamora, Belial diventa geloso: e se guardate bene l’immagine qui sopra, non potrà certo finire bene.

 

10) Il Facehugger di Alien

e119fa9d141dd26c059937f4ca43f188 via

Che carino. Il primo vero mostriciattolo orribile e schifoso è lui, il parassita di Alien. Una specie di ragno/scorpione che in realtà è il secondo stadio del ciclo vitale dello Xenomorfo, l’extraterrestre assassino di Alien di Ridley Scott (1979). È un parassita che abbraccia la faccia del malcapitato tramite i propri arti e strangola la gola con la sua coda. Tiene in vita il suo ospite finché può servirsene, poi lo lascia morire. Dai, i Gremlins erano senz’altro più simpatici.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >