Il Campionato mondiale di Quidditch babbano diventa una cosa sempre più seria

Il quidditch è lo sport magico dei film di Harry Potter, ma forse non sapevate che esiste anche la versione per babbani, cioè per non maghi. Recentemente si è svolto il campionato a Firenze

Si è conclusa domenica la IQA World Cup e la Gazzetta del Profeta sbatte in prima pagina gli USA, squadra che si porta a casa il torneo a colpi di boccini d’oro. Ah, scusate babbani, non avete di che cosa io stia dicendo vero? Eppure il Campionato mondiale di Quidditch esiste davvero e quest’anno è stato ospitato proprio in Italia, a Firenze, dopo essere partito da Oxford durante le Olimpiadi del 2012, in Canada nel 2014 e in Germania nel 2016, torneo vinto dall’Australia che quest’anno ha dovuto lasciare il primo posto agli Stati Uniti, accontentandosi di arrivare quinti. Molto bene l’Italia ottava, una bella soddisfazione per una nazionale novizia nel mondo del magico sport.

 

 

Si tratta della versione babbana del più famoso Quidditch, lo sport ufficiale della scuola di Hogwarts, quella frequentata da Harry Potter. A trasformare la fantasia in realtà nel 2005 è stato Xander Manshel, uno studente del Middlebury College in Vermont, che cercava un’alternativa ai soliti sport della domenica. Dopo averne codificato una versione giocabile dai poveri babbani che non possono volare sulle scope, Xander è diventato il primo Commissario di quidditch babbano, avviando un torneo intrauniversitario prima, che è diventato piano piano un’organizzazione senza scopi di lucro, sviluppandosi in Europa, che ha anche un suo torneo, e un po’ in tutto il mondo.

Lo scopo del quidditch nella versione magica è segnare punti infilando le palle “pluffe” in uno dei tre cerchi posti ai due estremi del campo: vince la squadra il cui cacciatore riesce a catturare per primo il boccino d’oro, guadagnando 150 punti; il tutto naturalmente, a bordo delle scope, mentre pericolose palle “bolidi” cercano di disarcionare i giocatori. Ogni squadra ha tre cacciatori, che si occupano di segnare punti; un portiere di guardia ai propri anelli; due battitori, di cui uno che si dedica a colpire la squadra avversaria con i bolidi e l’altro a difenderla; infine un cercatore, che si occupa del boccino, ruolo in cui eccelleva lo stesso Harry Potter.

 

 

La versione babbana è simile, ma naturalmente si svolge al suolo, i giocatori stanno tutto il tempo cavalcioni a un bastone che devono obbligatoriamente tenere con una mano e non a contatto col suolo, e vince la squadra che fa più punti indipendentemente dalla cattura del boccino. Ogni goal con la pluffa vale 10 punti, la cattura del boccino d’oro ne assegna 30.

Per l’evento fiorentino sono arrivate in città 3000 presenze tra giocatori e curiosi appassionati di Harry Potter a tifare le proprie squadre preferite, ma naturalmente lo scopo del Quidditch babbano va oltre l’agonismo, proponendo un messaggio molto attuale: è infatti uno dei rari sport in cui è richiesta la parità di genere, con la regola di “Massimo 4” giocatori dello stesso sesso in campo, e si propone una serie di altri obiettivi, come creare uno sport inclusivo e pulito, rispettoso nei confronti di atleti di ogni età, genere e preparazione.

Sì, il Campionato Mondiale di Quidditch sta diventando una cosa maledettamente seria, e dopo che l’Oxford Dictionary ha inserito la parola Quidditch nel vocabolario, chissà che il prossimo passo non sia l’ingresso alle Olimpiadi. Per tutte le info visitate il sito ufficiale.

 

Harry Potter Collection – Edizione Limitata 16 Bluray

Compra | Amazon

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >