Il Campionato mondiale di Quidditch babbano diventa una cosa sempre più seria

Il quidditch è lo sport magico dei film di Harry Potter, ma forse non sapevate che esiste anche la versione per babbani, cioè per non maghi. Recentemente si è svolto il campionato a Firenze

Si è conclusa domenica la IQA World Cup e la Gazzetta del Profeta sbatte in prima pagina gli USA, squadra che si porta a casa il torneo a colpi di boccini d’oro. Ah, scusate babbani, non avete di che cosa io stia dicendo vero? Eppure il Campionato mondiale di Quidditch esiste davvero e quest’anno è stato ospitato proprio in Italia, a Firenze, dopo essere partito da Oxford durante le Olimpiadi del 2012, in Canada nel 2014 e in Germania nel 2016, torneo vinto dall’Australia che quest’anno ha dovuto lasciare il primo posto agli Stati Uniti, accontentandosi di arrivare quinti. Molto bene l’Italia ottava, una bella soddisfazione per una nazionale novizia nel mondo del magico sport.

 

 

Si tratta della versione babbana del più famoso Quidditch, lo sport ufficiale della scuola di Hogwarts, quella frequentata da Harry Potter. A trasformare la fantasia in realtà nel 2005 è stato Xander Manshel, uno studente del Middlebury College in Vermont, che cercava un’alternativa ai soliti sport della domenica. Dopo averne codificato una versione giocabile dai poveri babbani che non possono volare sulle scope, Xander è diventato il primo Commissario di quidditch babbano, avviando un torneo intrauniversitario prima, che è diventato piano piano un’organizzazione senza scopi di lucro, sviluppandosi in Europa, che ha anche un suo torneo, e un po’ in tutto il mondo.

Lo scopo del quidditch nella versione magica è segnare punti infilando le palle “pluffe” in uno dei tre cerchi posti ai due estremi del campo: vince la squadra il cui cacciatore riesce a catturare per primo il boccino d’oro, guadagnando 150 punti; il tutto naturalmente, a bordo delle scope, mentre pericolose palle “bolidi” cercano di disarcionare i giocatori. Ogni squadra ha tre cacciatori, che si occupano di segnare punti; un portiere di guardia ai propri anelli; due battitori, di cui uno che si dedica a colpire la squadra avversaria con i bolidi e l’altro a difenderla; infine un cercatore, che si occupa del boccino, ruolo in cui eccelleva lo stesso Harry Potter.

 

 

La versione babbana è simile, ma naturalmente si svolge al suolo, i giocatori stanno tutto il tempo cavalcioni a un bastone che devono obbligatoriamente tenere con una mano e non a contatto col suolo, e vince la squadra che fa più punti indipendentemente dalla cattura del boccino. Ogni goal con la pluffa vale 10 punti, la cattura del boccino d’oro ne assegna 30.

Per l’evento fiorentino sono arrivate in città 3000 presenze tra giocatori e curiosi appassionati di Harry Potter a tifare le proprie squadre preferite, ma naturalmente lo scopo del Quidditch babbano va oltre l’agonismo, proponendo un messaggio molto attuale: è infatti uno dei rari sport in cui è richiesta la parità di genere, con la regola di “Massimo 4” giocatori dello stesso sesso in campo, e si propone una serie di altri obiettivi, come creare uno sport inclusivo e pulito, rispettoso nei confronti di atleti di ogni età, genere e preparazione.

Sì, il Campionato Mondiale di Quidditch sta diventando una cosa maledettamente seria, e dopo che l’Oxford Dictionary ha inserito la parola Quidditch nel vocabolario, chissà che il prossimo passo non sia l’ingresso alle Olimpiadi. Per tutte le info visitate il sito ufficiale.

 

Harry Potter Collection – Edizione Limitata 16 Bluray

Compra | Amazon

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >