TV e Cinema
di Fausto Murizzi 5 Novembre 2013

#killdana, l’hashtag/campagna per eliminare l’insopportabile Dana Brody di Homeland

dana-brody-killdana-homeland

[ATTENZIONE: SPOILER SULLA SECONDA E TERZA STAGIONE DI HOMELAND!]

La rete, lo sappiamo, non perdona!

Se poi si tratta di serie tv con un seguito particolare, le occasioni si moltiplicano. E’ il caso ad esempio di Homeland, lo show dell’emittente americana Showtime attualmente in onda con la terza stagione. Stagione che, diciamolo subito, proprio sulla rete viene stigmatizzata da fan storici per il ritmo tutt’altro che avvincente.

Ma c’è un motivo in più: gli autori, probabilmente per sopperire ad una mancanza di idee, stanno dando sempre più spazio alle vicende di Dana Brody, la figlia di Nicholas Brody, facendo indispettire il pubblico puntata dopo puntata. Scrive infatti Giorgio Viaro sul suo blog della sua “frustrazione accumulata dopo la visione delle prime due puntate della terza stagione di Homeland, in cui viene dato molto (mooooolto) spazio alla sottotrama incentrata sulla figlia cozza di Brody, Dana“.

Ma questo è solo l’aperitivo, siccome qualche riga dopo rincara non poco la dose: “Ragazzi, diciamolo: a chi gliene importa qualcosa? Dana tenta il suicidio, Dana va in un centro di recupero, Dana si innamora del pupillo di Dexter (questa la capiscono in pochi), Dana fa sesso davanti alle lavatrici, Dana si confessa con la mamma. Dana di qua, Dana di là. Ora, quelli di Homeland hanno ampiamente dimostrato di saperci fare – nonostante lascino un po’ troppo la briglia sciolta a Claire Danes – e l’aver fatto fuori David Estes insieme ad altri non meglio specificati 216 agenti della CIA alla fine della season 2 non può che riempirci di fiducia. Però, lì a Showtime, sappiano che la pazienza ha un limite.

Il pezzo si conclude aizzando ancora la folla: “Lancio quindi ufficialmente la campagna Kill Dana!, con tanto di hashtag (si fa così no?): #killdana. Un incidente d’auto, una ricaduta seguita da suicidio, il fidanzato che si rivela un pazzo: non importa, fate voi. Uccidete Dana o le ritorsioni saranno terribili: avete ancora qualche episodio a disposizione.”

Applausi!

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione  completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >