Labyrinth compie 32 anni e rimane uno dei film più belli della nostra infanzia

David Bowie, Jennifer Connelly, il creatore dei Muppets e uno dei Monty Python: il risultato è Labyrinth, un film bellissimo da vedere e e rivedere ancora oggi per tornare bambini

 

Il 28 giugno del 1986, negli Stati Uniti esce Labyrinth, un film destinato a diventare un cult assoluto. Il regista è Jim Henson, il creatore dei Muppets e basterebbe questo per fidarsi, ma di certo non è tutto. La storia è sceneggiata da Terry Jones dei Monty Python e la trama è un incanto di per sé.

Labyrinth è la storia di Sarah, una quindicenne che deve, svogliatamente, fare da babysitter al fratellino mentre la famiglia è assente. C’è un temporale, il bambino non la smette di piangere e lei, quasi per gioco, leggendo un libro fantasy decide di evocare gli gnomi che portino via suo fratello. Fato vuole che il rapimento gnomesco accada davvero. Dopo un fugace incontro con Jareth, il re dei goblin, Sarah entrerà nel mondo magico e supererà tutte le insidie per ritrovare Toby, il suo fratellino.

 

 

Scritta così, sembra la trama di uno dei tanti fantasy degli anni ’80, ma Labyrinth è molto di più. Intanto, la storia è il sunto di tutte le favole che hanno per protagonista una ragazza che deve affrontare un percorso pieno di pericoli: Alice nel paese delle meraviglie, Il mago di Oz, Biancaneve ma anche Nel paese dei mostri selvaggi di Sendak e le opere di Escher.

 

 

La ragazza in questione è la bellissima Jennifer Connelly agli esordi, nel film che l’avrebbe resa famosa in tutto il mondo. Non è il suo debutto, aveva già recitato una particina in C’era una volta in America di Sergio Leone ed era stata protagonista dell’horror paranormale Phenomena di Dario Argento, ma è grazie a Labyrinth se è diventata una bambina prodigio prima e un’attrice affermata da adulta.

 

 

Stiamo prendendo tempo, lo sappiamo, perché a pensarci scappa la lacrima facile. Jareth, il re dei goblin è interpretato da David Bowie al meglio della sua forma, con i capelli biondi in pieno stile gothic e un pesante trucco agli occhi che lo rende la versione androgina della strega cattiva. Labyrinth è anche un musical, quindi non possono mancare le canzoni, cantate proprio da Bowie: Magic Dance, Chilly Down, As the World Falls Down, Within You, e il singolo realizzato per il film, Underground

 

 

Come se non bastasse tutto questo ben di Dio, i veri protagonisti della pellicola sono le creature, i pupazzi animati alla vecchia, tutti a mano senza l’ausilio della computer grafica che sarebbe arrivata anni dopo. Tutti i mostriciattoli parlanti in cui s’imbatte Sarah sono stati realizzati partendo dai disegni di Brian Froud, che aveva già collaborato con Jim Henson e Terry Jones in Dark Crystal, un film fantasy del 1982 tutto girato coi pupazzi.

 

 

 

Labyrinth è un film praticamente perfetto, in cui si ride, si balla, ci si impaurisce e si tenta di evitare la Gora dell’Eterno Fetore per fare ritorno a casa. Splendido da far vedere ai ragazzi nati sotto il segno dello smartphone ma anche per riguardarlo ancora e ancora, per ritornare in un attimo bambini alla ricerca di un’avventura che non passa mai di moda. Poi, cantare Magic Dance e replicare tutto il balletto a memoria non ha prezzo.

 

 

Labyrinth – Edizione speciale 30° Anniversario

Compra | Amazon

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >