TV e Cinema
di Dailybest 17 Marzo 2015

Abbiamo incontrato Terry Gilliam al Lucca Film Festival dedicato a Cronenberg

Siamo andati alla lezione di cinema di Terry Gilliam e alla mostra sugli oggetti di scena di David Cronenberg. Questo è ciò che è successo.

di Eva Cabras e Simone Stefanini

L’anno scorso, l’ospite d’onore del Lucca Film Festival, arrivato quest’anno alla sua 11esima edizione, è stato David Lynch e noi l’abbiamo seguito per tre giorni. L’occasione fu indimenticabile, anche se funestata da qualche problema organizzativo di troppo, questa volta risolto mettendo gli eventi e le mostre a pagamento. Quest’anno il protagonista assoluto del Festival è David Cronenberg (Videodrome, Inseparabili, Crash, Il Pasto Nudo, giusto per citare alcuni suoi capolavori ed il nuovo Maps to the Stars), al quale sono dedicate la maggior parte delle retrospettive e delle esposizioni in calendario.

A causa di problemi (sembra) di salute, però, Cronenberg non ha potuto essere presente a Lucca, spezzandoci irrimediabilmente il cuore, ma dandoci la possibilità di incontrare un altro mostro sacro del cinema mondiale: Terry Gilliam (membro dei Monty Python e regista di capolavori come L’esercito delle 12 scimmie, Parnassus, Brazil, Paura e delirio a Las Vegas. Tideland, La leggenda del re pescatore e l’ultimo, The Zero Theorem, proiettato per la prima volta in Italia proprio al Lucca Film Festival nella serata di domenica) . La visione del Lucca Film Festival si rivela lungimirante, poiché mantiene anche nella scelta del “sostituto” un fil rouge cinematografico basato sulla visionarietà e sulla concezione dell’arte come forma di manipolazione estrema del reale.

20150316_111127

Proprio dalla concezione di realtà parte l’intervento di Terry Gilliam durante la lezione di cinema tenutasi ieri mattina al Teatro del Giglio. La domanda relativa all’uso del materiale teatrale nei film di Gilliam parte dal critico Francesco Alò, affiancato nella presentazione del Maestro da Nicolas Condemi e Federico Salvetti. La risposta del regista è chiara e forte: il cinema è finzione, gli elementi teatrali nei film servono solo a farlo notare di più. Sul palco del Teatro del Giglio, Terry Gilliam si presenta in piena forma, sorridente e carico come se i 75 anni fossero i nuovi 35 e sfoggiando dei calzini rossi e bianchi a pois che ci hanno definitivamente conquistato.

Terry Gilliam spiega i suoi inizi come regista al pubblico del Lucca Film Festival:

Gilliam ha quella spontaneità nel parlare che ci porta lontani anni luce dalla placida moderazione a cui ci aveva abituato David Lynch nella scorsa edizione del Festival. È un vulcano, ride senza freni, dice parolacce e fa le boccacce come giustamente è solito a fare, accompagnando il tutto con la saggezza dettata dall’esperienza. I suoi primi passi nel mondo del cinema sono legati all’animazione, prima a Los Angeles e poi a New York, dove sono realizzati i primissimi lavori in pellicola di Terry, con qualità pessima e scarse risorse. Se avesse avuto uno smartphone lo avrebbe certamente usato e infatti invita chiunque voglia imparare a fare cinema a utilizzare le nuove tecnologie per fare pratica. I grandi film arrivano dopo, ma per quelli è tutta un’altra storia.

Al fianco di Terry Gilliam durante la sua lezione c’è un signore con la camicia a quadri. Questo simpatico uomo riccioluto è Nicola Pecorini, direttore della fotografia di fama mondiale e inseparabile compagno del regista, con la quale ha lavorato per “Paura e Delirio a Las Vegas” e “Parnassus”, tra le altre cose. Quando Pecorini apre bocca si percepisce che la sa lunga, consigliando a tutti gli aspiranti registi di non farsi prosciugare dai propri progetti, per quanto possano essere impegnativi. Conviene sempre avere una scorta di energie psicofisiche di riserva, altrimenti il grande sogno che rincorrete per anni potrebbe trasformarsi in nulla più che un buco nero.

Le domande del pubblico danno il via ad altri interessanti spunti di conversazione, tra i quali le dinamiche produttive dei grandi film, la libertà creativa con il conseguente tira e molla sul final cut, il leggendario progetto incompiuto su Don Quixote e il sentito ricordo di Robin Williams, brillante attore che firma uno dei più bei film di Gilliam, “La Leggenda del Re Pescatore”. Non sono ovviamente mancati i riferimenti ai Monty Python e il modo migliore per riassumere l’intervento di Gilliam a riguardo è la meravigliosa interpretazione live del figlio ingordo di fagioli tratta da “Most Awful Family in Britain”, totalmente sublime. Una volta congedati dal delizioso Terry Gilliam, prodigo di autografi e gag, abbiamo visitato la mostra dedicata a David Cronenberg emblematicamente intitolata “Evolution”.

20150316_144618

Allestita negli spazi della Fondazione Ragghianti di Lucca, la mostra raccoglie una prodigiosa serie di reliquie provenienti dalle collezioni private del regista e permette di ammirare alcuni dei più folli arredi scenici dei suoi film più iconici. L’emozione che scaturisce dal ritrovarsi di fronte al televisore di “Videodrome” o alla tuta prostatica indossata da Rosanna Arquette in “Crash” è incredibilmente potente. Gli abiti di “A Dangerous Method” e la macchina per il teletrasporto di “La Mosca” sono quelle cose che si vedono una sola volta nella vita, ma la sezione espositiva dedicata a “Il Pasto Nudo” è assolutamente devastante.

20150316_144740

La piccola sala si apre agli occhi dei visitatori con le macchine da scrivere usate dal protagonista, compresa quella a forma di insetto, ma è dietro la parete divisoria che avviene la magia. Una volta svoltato l’angolo ci si trova di fronte alla ricostruzione del bar intergalattico dove la bianca creatura siede placida sorseggiando un Martini, affiancata dalla teca in vetro dove la stessa giace nel suo stadio finale di logorazione. Quegli occhi vacui in plastica fanno veramente correre brividi lungo la schiena, in un’alternanza perenne di disgusto e fascinazione, come in ogni film di Cronenberg che si rispetti.

Per tutte le info sul programma, gli incontri e le posizioni, vai sul sito ufficiale del Lucca Film Festival

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >