TV e Cinema
di Simone Stefanini 16 Ottobre 2017

Mindhunter è la serie tv che ti porta nella mente dei serial killer

Mindhunter è la nuova serie tv di Netflix prodotta da David Fincher che mostra i primi profiler dell’FBI alle prese con le interviste ai serial killer

C’è una nuova serie tv su Netflix, un crime a metà tra il thriller e la biografia. Si chiama Mindhunter e vi farà esplorare la mente deviata dei serial killer americani degli anni ’70. L’ideatore è Joe Penhall, lo sceneggiatore inglese  famoso per il film La strada, mentre l’apporto visivo è reso splendidamente dalle inquadrature chirurgiche, stilisticamente perfette che sono un po’ il marchio di fabbrica di David Fincher, regista tra gli altri di Seven, Fight Club, The Social Network e L’amore bugiardo – Gone Girl. Il regista statunitense ha anche prodotto Mindhunter (con Charlize Theron), e ha diretto anche 3 episodi, settandone lo stile.

L’argomento è uno dei più sfruttati dalle produzioni americane: FBI e serial killer, da un regista che ha il pallino per gli assassini seriali, basti pensare alla trama di Seven o a Zodiac, il film biografico sul killer dello zodiaco che seminò morti nei tardi anni ’60 e non venne mai arrestato.

 

 

 

Con un pedigree così, è il regista perfetto per raccontare la storia del primo agente speciale dell’FBI che si trova a studiare una nuova tipologia di assassino nel 1977, creando la stessa definizione “serial killer” che anni dopo sarà sulla bocca di tutti. Storia che è stata adattata dal libro Mind Hunter: Inside FBI’s Elite Serial Crime Unit, di Mark Olshaker e John E. Douglas, quest’ultimo un vero ex agente FBI, uno dei primi esperti di profiling criminale degli assassini seriali.

La trama in due parole: Holden Ford è un negoziatore al quale viene l’idea di intervistare i criminali più feroci per capirne i processi mentali e utilizzare queste nozioni per prevenire altri crimini. Assieme a Bill Tench, il collega più anziano e la dottoressa Wendy Carr, convincerà non senza fatica i piani alti dell’FBI ad acconsentire a intervistare assassini seriali (veramente esistiti) come Ed Kemper o Jerry Brudos.

 

 

Mindhunter ha una marcia in più, non si perde nelle strategie tipiche della serialità, seminando cliffhanger a fine puntata oppure lasciando troppe cose in sospeso nei momenti cruciali, ma va dritto per dritto come se fosse un lungo film. Gli attori sono tutti perfettamente a fuoco: Jonathan Groff interpreta la curiosità. l’ingenuità e la (non troppo) candida perversione di Holden Ford rimanendo adeso a un protagonista pacato e spesso cupo, con la scintilla negli occhi. Holt McCallany è perfetto come Bill Tench, il collega anziano scorbutico e diffidente, abituato alla vecchia scuola ma con un occhio di riguardo per le nuove tecniche, così come Anna Torv e Hannah Gross, rispettivamente la dottoressa che aiuta i due detective e la fidanzata psicologa di Holden.

 

 

Inutile dirlo, ma i momenti più appassionanti sono quelli che riguardano le interviste ai veri serial killer della storia americana nei tardi anni ’70, uno su tutti il gigantesco e pacato Ed Kemper, la cui particolarità era quella di decapitare le sue vittime e fare sesso con la testa mozzata. Cameron Britton, l’attore che lo interpreta, restituisce tutta l’intelligenza deviata e la fisicità di un mostro con la mentalità folle ma in qualche modo, lucidissima.

Il quid di Mindhunter è proprio la violenza che si respira in ogni secondo delle 10 puntate, senza che venga mai sfogata o esposta, se non nelle foto degli omicidi. Un lento discendere negli abissi della mente criminale, che sembra fin troppo vicina a quella di chi criminale non lo è, che avvalora la tesi che nessuno nasce assassino, le circostanze fanno germinare il crimine e la perversione tra chi è predisposto. Qui il tocco di Fincher è tangibile e la tensione toglie il fiato, compressa in alcuni faccia a faccia compiaciuti che non vedevamo da Il silenzio degli innocenti.

 

 

Holden Ford rischierà di perdersi nel labirinto, e noi con lui. Aspettando frementi la seconda stagione, su Netflix.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >