TV e Cinema
di Simone Stefanini 16 Ottobre 2017

Mindhunter è la serie tv che ti porta nella mente dei serial killer

Mindhunter è la nuova serie tv di Netflix prodotta da David Fincher che mostra i primi profiler dell’FBI alle prese con le interviste ai serial killer

C’è una nuova serie tv su Netflix, un crime a metà tra il thriller e la biografia. Si chiama Mindhunter e vi farà esplorare la mente deviata dei serial killer americani degli anni ’70. L’ideatore è Joe Penhall, lo sceneggiatore inglese  famoso per il film La strada, mentre l’apporto visivo è reso splendidamente dalle inquadrature chirurgiche, stilisticamente perfette che sono un po’ il marchio di fabbrica di David Fincher, regista tra gli altri di Seven, Fight Club, The Social Network e L’amore bugiardo – Gone Girl. Il regista statunitense ha anche prodotto Mindhunter (con Charlize Theron), e ha diretto anche 3 episodi, settandone lo stile.

L’argomento è uno dei più sfruttati dalle produzioni americane: FBI e serial killer, da un regista che ha il pallino per gli assassini seriali, basti pensare alla trama di Seven o a Zodiac, il film biografico sul killer dello zodiaco che seminò morti nei tardi anni ’60 e non venne mai arrestato.

 

 

 

Con un pedigree così, è il regista perfetto per raccontare la storia del primo agente speciale dell’FBI che si trova a studiare una nuova tipologia di assassino nel 1977, creando la stessa definizione “serial killer” che anni dopo sarà sulla bocca di tutti. Storia che è stata adattata dal libro Mind Hunter: Inside FBI’s Elite Serial Crime Unit, di Mark Olshaker e John E. Douglas, quest’ultimo un vero ex agente FBI, uno dei primi esperti di profiling criminale degli assassini seriali.

La trama in due parole: Holden Ford è un negoziatore al quale viene l’idea di intervistare i criminali più feroci per capirne i processi mentali e utilizzare queste nozioni per prevenire altri crimini. Assieme a Bill Tench, il collega più anziano e la dottoressa Wendy Carr, convincerà non senza fatica i piani alti dell’FBI ad acconsentire a intervistare assassini seriali (veramente esistiti) come Ed Kemper o Jerry Brudos.

 

 

Mindhunter ha una marcia in più, non si perde nelle strategie tipiche della serialità, seminando cliffhanger a fine puntata oppure lasciando troppe cose in sospeso nei momenti cruciali, ma va dritto per dritto come se fosse un lungo film. Gli attori sono tutti perfettamente a fuoco: Jonathan Groff interpreta la curiosità. l’ingenuità e la (non troppo) candida perversione di Holden Ford rimanendo adeso a un protagonista pacato e spesso cupo, con la scintilla negli occhi. Holt McCallany è perfetto come Bill Tench, il collega anziano scorbutico e diffidente, abituato alla vecchia scuola ma con un occhio di riguardo per le nuove tecniche, così come Anna Torv e Hannah Gross, rispettivamente la dottoressa che aiuta i due detective e la fidanzata psicologa di Holden.

 

 

Inutile dirlo, ma i momenti più appassionanti sono quelli che riguardano le interviste ai veri serial killer della storia americana nei tardi anni ’70, uno su tutti il gigantesco e pacato Ed Kemper, la cui particolarità era quella di decapitare le sue vittime e fare sesso con la testa mozzata. Cameron Britton, l’attore che lo interpreta, restituisce tutta l’intelligenza deviata e la fisicità di un mostro con la mentalità folle ma in qualche modo, lucidissima.

Il quid di Mindhunter è proprio la violenza che si respira in ogni secondo delle 10 puntate, senza che venga mai sfogata o esposta, se non nelle foto degli omicidi. Un lento discendere negli abissi della mente criminale, che sembra fin troppo vicina a quella di chi criminale non lo è, che avvalora la tesi che nessuno nasce assassino, le circostanze fanno germinare il crimine e la perversione tra chi è predisposto. Qui il tocco di Fincher è tangibile e la tensione toglie il fiato, compressa in alcuni faccia a faccia compiaciuti che non vedevamo da Il silenzio degli innocenti.

 

 

Holden Ford rischierà di perdersi nel labirinto, e noi con lui. Aspettando frementi la seconda stagione, su Netflix.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >