abbonamento netflix confronto

Ho fatto l’abbonamento a Netflix, Sky OnLine, Infinity e Tim Vision per capire qual è il servizio migliore

Ho sfruttato il primo mese gratuito, poi è stata come una droga

abbonamento netflix confronto   Ormai sono posseduto.

 

È successo tutto per caso, poi è diventata una droga. Netflix è stata la prima a tentarmi, ne parlavano tutti e sembrava che il suo servizio fosse assolutamente imperdibile. Ho sottoscritto l’abbonamento a 9.90 €, quello che consente la visione dei contenuti in HD e due sessioni di streaming contemporanee.

Nel primo mese gratuito ho guardato di tutto, evitando accuratamente di uscire la sera e concentrandomi sulla novità. Documentari, serie tv, pochi film in verità. Poi mi sono ricordato di Infinity, il servizio streaming di Mediaset. Avevo fatto l’abbonamento un paio d’anni prima, quando è stata lanciata ma dopo un mese avevo disdetto perché all’epoca i siti di torrent andavano sempre come schegge.

Mi ricordavo che in catalogo aveva dei bei film e ho preso la palla al balzo per un’offerta a cui è impossibile dire di no: un anno a 4.99 € (altrimenti sarebbe 7,99 €).

 

abbonamento netflix confronto  photobucket.com

 

Poi ho cambiato casa e ho fatto un nuovo allacciamento adsl con la Tim. Per posta mi è arrivato anche il decoder TimVision, che per curiosità ho collegato immediatamente alla tv, scoprendo qualche film e serie tv interessante. Costo dell’operazione: 2 € mensili in bolletta.

Alla fine però avevo un buco dentro che non riuscivo a colmare: perché con 3 tv on demand, dovevo sempre scaricare Game of Thrones, Gomorra, Leftovers, Fargo o The Walking Dead? Mi sembrava una cosa talmente ingiusta che ho sottoscritto un abbonamento anche a Sky Online, detentore di tutti questi titoli. 9.99 € per il canale Intrattenimento, in cui oltre alle serie tv posso vedere anche gli show originali di Sky.

Costo totale dell’operazione, al mese: 26,97 €. Se ci pensate, al tempo del videonoleggio, se volevate vedere 10, e dico 10 film in un mese, erano già 30 € esclusa la cauzione per il ritardo.

 

abbonamento netflix confronto

 

Con la tv on demand ho a portata di mano migliaia di film che lascio a metà e non riprendo, oppure di serie tv che inizio senza avere la costanza e il tempo di portare a termine.

Mi capita di stare per quarti d’ora a switchare tra le app nell’attesa dell’ispirazione, che puntualmente non arriva e allora ripiego sui titoli da comfort zone, roba già vista oppure innocua, perché ormai s’è fatto tardi e un film tutto intero non ce la faccio a guardarlo senza addormentarmi. Ma questo in realtà è un falso problema.

 

abbonamento netflix confronto

 

Il primo problema vero con questo switching selvaggio l’ho avuto al momento di dover configurare una Smart TV, perché ogni azienda fa accordi con altrettante ditte produttrici di Smart TV o Smart Bluray. Per esempio, nel decoder TimVision c’è Netflix e basta, nella tv o lettore smart Sony ci sono Netflix e Infinity, ma niente TimVision né Sky.

La Samsung invece ha quasi tutte le app disponibili, ma io non ho hardware Samsung e allora mi sono dovuto accontentare della buona vecchia Playstation 3, sulla quale ho configurato tutte e 4 le app, anche se devo subire il disagio di farle partire col joypad, con conseguenti danni al sistema nervoso quando non capisco le funzioni e premo tasti a caso.

 

abbonamento netflix confronto

 

Ma veniamo al punto vero e proprio della discussione: tra queste 4 piattaforme, qual è la migliore? In questa tabella di Smartworld.it potete vedere prezzi, periodo di prova e dispositivi connessi. tenete presente che ogni giorno possono cambiare le offerte (Infinity in quel caso è imbattibile) e che TimVision senza l’offerta adsl, costa 5 € al mese.

 

abbonamento netflix confronto streaming smartworld.it

 

La prima esclusione dal campionato è proprio quella della piattaforma Tim Vision: troppo macchinosa la sua app per consultare i film in abbonamento (dispone anche di una sezione per il noleggio a pagamento, un po’ come Infinity). Per vedere tutti i film in catalogo occorre visualizzare 99 schermate, per una notevole  perdita di tempo. Fosse organizzato meglio, l’offerta sarebbe abbastanza interessante, anche se non vi sono prime visioni o serie tv imperdibili. La consigliamo solo a chi ce l’ha in abbonamento con un piano tariffario Tim.

 

abbonamento netflix confronto

 

Passiamo a Netflix: la app ha una grafica elegante, una velocità di esecuzione pressoché perfetta e i film sono facilmente consultabili perché categorizzati e suddivisi per generi o per contenuti simili a ciò che ti piace. Non vi sto a spiegare come funziona perché scommetto che il mese gratuito l’avete provato praticamente tutti. Ottimi i contenuti originali, le serie tv in esclusiva tipo Daredevil, Master of None e simili, però una volta che le hai guardate tutte (e non ci metti un’eternità, anzi, grazie al binge watching te le spari a decine nel giro di un paio di mesi), il resto del catalogo per ora è sempre un po’ povero, soprattutto per quanto riguarda i film, che sono datati oppure davvero inconsistenti. Cosa molto interessante: un contenuto, una volta entrato in catalogo ci resta per sempre, mentre in tutte le altre piattaforme dopo un po’ se ne va (poi ritorna, poi se ne va di nuovo).

 

abbonamento netflix confronto

 

Sky Online, parliamoci chiaro, è la Sky dei poveri. Di quelli che non vogliono spendere oro per la parabola o per il decoder. 10 euro al mese e fai finta di avere Sky. La grafica della app e i suo utilizzo non sono esattamente intuitivi, anzi, risultano un po’ macchinosi e anche la qualità video non è definita come quello dei competitor. Per il resto, chiaro, piace a tutti guardare alcune tra le migliori serie tv (anche se non sono moltissime in catalogo) o programmi tipo MasterChef, E poi c’è Cattelan o X Factor quasi in diretta. Sarebbe perfetta se l’app fosse disponibile in più smart TV e se fosse del tutto reinventata, per stare al passo con quelle più moderne in stile Netflix.

 

abbonamento netflix confronto

 

Infinity è stata una sorpresa. Sono partito prevenuto perché è Mediaset, però la sua app è intuitiva e scorre bene, senza intoppi. Tra le serie tv in catalogo, anche Shameless e The Girlfriend Experience, mentre il reparto film è fornitissimo. È l’unica piattaforma che ha l’esclusiva per i film dello Studio Ghibli di Miyazaki (ed è già un segno + sulla pagella), poi la Silvio Berlusconi Communication e la Medusa Film (sempre dell’ex Cavaliere) hanno avuto per anni l’esclusiva sui capolavori di Fellini, Pasolini e Antonioni, che si trovano anche su Infinity, insieme a tutti i film comici italiani di nuova generazione e a ogni tipo di blockbuster. Accorgimento: con Google Chrome non funziona e a volte l’app lagga, interrompendo di fatto l’esecuzione del film per bufferare.

 

abbonamento netflix confronto

 

Tirando le somme del confronto, non ci può essere un solo vincitore. La piattaforma perfetta sarebbe una app come Netflix con in aggiunta al suo catalogo i film di Infinity e  le serie tv di Sky.

Chiaramente, ciò non avverrà mai quindi il modo migliore per giudicare è provarle tutte, forti del primo mese gratuito e della facilità di interruzione in qualsiasi momento dell’abbonamento, perché lo sapete anche da voi, l’erba dei servizi streaming on demand a cui non siamo abbonati è sempre più verde. E ora scusate ma vado a guardare un po’ di tv.

 

abbonamento netflix confronto

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >