Bim Bum Bam compie 35 anni: 10 cose che l’hanno trasformato in un mito

35 anni fa nasceva un mito della tv per ragazzi

heurbo via

 

Se siete tra quelli che hanno partecipato alle petizioni di Change.org, vi stupirete ogni volta nel vedere quante cause vengano perorate dalla gente. C’è da perderci la testa, ci si possono trovare le più assurde ma anche le più commoventi, tipo quella per chiedere a Dio di ridarci David Bowie.

Una però ha attirato la nostra attenzione: quella per riportare lo storico contenitore per ragazzi Bim Bum Bam in versione aggiornata sulle reti Mediaset.

 

LEGANERD_046923 via

 

Non potremmo non essere più d’accordo, soprattutto in questi giorni, in cui ricorre il 35esime anniversario della nascita. L’ultima puntata di Bim Bum Bam risale invece al 2002 e da allora i bambini sono più tristi e i genitori più indaffarati. .

Certo, oggi ci sono i canali tematici per bambini, ma nel programma c’era il momento per il gioco con i conduttori, le lettere degli ascoltatori, le gag, i pupazzi e i cartoni. Per rinfrescarvi la memoria, ecco 10 cose che ancora ci ricordiamo di quella storica trasmissione.

 

1) Il diabolico pupazzo Uan

55a6d5c939266632c0b88793a470ed87

Vero simbolo del programma, era un pupazzo animato dallo Studio 80 e doppiato dal grande e indimenticato Giancarlo Muratori. Praticamente un cane rosa col monociglio fucsia che si cacciava in ogni genere di guaio facendo impazzire il giovane Paolo Bonolis.

 

2) Il giovane e tenero Paolo Bonolis

https://www.youtube.com/watch?v=O2uTHg6mLVY

Uan lo chiamava Piolo, oppure Bonolise. Comunque era lui, quello che poi avrebbe conquistato lo share con programmi come Ciao Darwin o con Affari Tuoi. In questa versione, senza occhiali e con 30 anni di meno, era il tipico sfigato che piaceva ai bambini. Poi si è vendicato ampiamente, diventando cattivissimo. D’altronde, ha passato i migliori anni della sua vita vestito come uno scemo a parlare con un pupazzo.

 

3) Licia Colò era una visione

$_35 via

Ci credete se vi dico che in giro non si trova una foto di Licia Colò mentre conduce Bim Bum Bam? A dire il vero, se ne trovano proprio poche in generale, del periodo prima che diventasse tutt’uno con la natura in programmi come Alle falde del Kilimangiaro. Resta dunque il ricordo di una dea bionda che faceva da contrappunto allo sgraziato Bonolis e che nei nostri sogni di bambini era più o meno come nella foto che vedete.

 

4) La prima versione di Cristina D’Avena

La prima versione di Cristina D’Avena, non la bella milf che conosciamo oggi, ha cominciato cantando le sigle di praticamente tutti i cartoni animati che sono passati da Mediaset. Una quantità spropositata di cui vi mostriamo un RVM mentre era ospite di Bim Bum Bam e doveva subire gli interventi invasivi di Uan.

 

5) Uanathan e le altre parodie

Il programma conteneva anche sketch come quello di Uanathan, parodia di Jonathan dimensione avventura condotta da Ambrogio Fogar. La gag era sempre la stessa: Bonolis interpretava l’inviato che fraintendeva i nomi degli animali, innescando la vendetta di Uan. Insieme hanno fatto anche parodie di Rocky, in cui Bonolis veniva sadicamente allenato dal diabolico Uan.

 

6) L’indimenticabile pupazzo Ambrogio

amb via

Chi?

 

7) Che fine ha fatto Manuela Blanchard?

uan7 via

Ottima domanda. È rimasta a Bim Bum Bam per quasi 10 anni, dopo la dipartita di Licia Colò. Faccia simpatica e spigliata, perfetta partner professionale di Bonolis. E oggi dov’è? Ha smesso con la tv e insegna arti marziali cinesi come lo Shaolin Quan, il Tai Ji Quan e il Ba Duan Jin. Ironia della sorte, tutte le discipline hanno Uan nel nome.

 

8) Che fine hanno fatto gli altri conduttori?

bim-bum-bam via

I vari Carlo Sacchetti, Debora Magnaghi, Carlotta Pisoni Brambilla, Roberto Ceriotti, Marco Bellavia e Alessandro Gobbi, dopo Bim Bum Bam, hanno fatto soprattutto comparsate e televendite, a parte la Magnaghi che è una doppiatrice proprio di cartoni animati e Bellavia, che dopo aver interpretato Steve nel telefilm di Kiss Me Licia e i Bee Hive, per un po’ è stato insieme a Paola Barale.  Fa curriculum anche quello.

 

9) Le sigle a Gardaland

Prima della Playstation, prima di internet, il sogno era quello di essere portati a Gardaland e divertirsi come i conduttori di Bim Bum Bam nella sigla iniziale.

 

10) Le prime visioni dei migliori cartoni animati

Qualche nome? Candy Candy, Georgie, Lady Oscar, Mimì e la nazionale di pallavolo, Mila e Shiro, Carletto il principe dei mostri, Pollon, Kiss Me Licia, L’incantevole Creamy, Magica Emi, Hallo Spank, I Puffi, Occhi di gatto, Gli Snorky, Il Tulipano Nero, Annette, The Real Ghostbusters, Siamo quelli di Beverly Hills, per finire, negli anni bui, con Pokemon e Rossana. Altro che Peppa Pig.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >