Perché Topolino indossa i guanti?

Finalmente rispondiamo a una di quelle domande che ci hanno sempre devastato la mente

 lospettacolo

 

Questa domanda ha tormentato la nostra infanzia per generazioni, oggi potrebbe trovare una risposta chiara e definitiva. No, non parliamo della formula per ottenere la pace nel mondo o evitare il riscaldamento globale, bensì di un’annosa questione di costume: perché Topolino indossa i guanti?

Un dubbio che assaliva già Claudio Bisio nei suoi primi spettacoli di cabaret, quando si domandava il motivo di un topo guantato e della discriminazione canina alla Disney, luogo in cui Pippo, un bracco, andava in giro a dire yuk yuk come un umano un po’ scemotto, protagonista delle proprie avventure mentre Pluto, un altro bracco, stava al guinzaglio e si comportava da cane.

Recentemente, i capi marketing della Disney stanno vendendo nei loro negozi oltre alle orecchie di Topolino, anche i famosi guanti bianchi a 4 dita, indossati dal loro personaggio più iconico. Ecco: perché i guanti? Li indossano anche Bugs Bunny, Woody Woodpecker, Tom (ma non Jerry), tutti personaggi di altre famose case d’animazione, successivi al topo Disney.

 

 

La risposta è molto più semplice delle varie congetture complottistiche che abbiamo elaborato nel corso degli anni, tipo nascondere le impronte digitali o una malattia orribile delle mani. In realtà nascono per praticità.

Durante l’epoca dell’animazione in bianco e nero, quasi ogni animale aveva il corpo tutto nero, che spariva contro i fondali inchiostrati, quindi hanno deciso di disegnare i guanti del colore opposto per renderli visibili. Non è tutto.

 

 

Questa scelta ha aiutato gli animatori, perché disegnare i guanti stilizzati era molto più semplice che disegnare mani con falangi realistiche. L’ha spiegato anche lo stesso Walt Disney: “Non volevamo che avesse le zampe da topo, perché somigliava più a un essere umano, quindi gli abbiamo messo i guanti. Cinque dita però sarebbero state troppe per la sua figura minuta, e ne abbiamo tolta una.”

C’è anche un altro motivo: ai tempi di Steambot Willie, il primo cartone animato in cui figura Topolino, datato 1928, in America erano famosi i Ministrel Show, in cui alcuni attori bianchi interpretavano i neri tingendosi la faccia, in spettacoli razzisti e offensivi, indossando sempre guanti bianchi. Brutto da dire, ma il pubblico che seguiva questi spettacoli era lo stesso che andava a vedere il film d’animazione Disney. Dal cartone animato seguente, anche Topolino aveva i guanti bianchi.

 

 

FONTE | Open Culture

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

50,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >