TV e Cinema
di Sandro Giorello 30 Gennaio 2017

È morto Pietro Giordano, uno dei protagonisti poetici e grotteschi di Cinico TV

Morto all’età di 69 anni, è stato tra i protagonisti di uno degli esperimenti più importanti e geniali della tv italiana

Pietro Giordano gazzettadelsud.it - Pietro Giordano

 

È morto all’età di 69 anni Pietro Giordano, uno dei volti più noti di Cinico Tv. Maschera surreale e tragica, ce lo ricordiamo perché si additava da solo quel “Testa di minchia”, ripetuto in maniera ossessiva sullo sfondo di una spiaggia desolata e triste.

 

 

L’attore/non-attore della celebre striscia grottesca dei registi Daniele Ciprì e Franco Maresco,  è mancato nella sua abitazione di Palermo giovedì sera. I due registi lo vollero anche ne Il ritorno di Cagliostro (2003) dove recitò insieme Robert Englund, il Freddy Krueger di Nightmare. Moresco lo ricorda come un uomo di “straordinaria intelligenza, ironia e cinismo”.

Non era nato povero come molti potrebbero sospettare” — racconta il regista su Repubblica — “Era figlio di un camionista e per un periodo a casa ebbe la cameriera. Aveva una ricca collezione di polo Lacoste ma era ossessionato da due paure: rimanere indigente ed essere obbligato a lavorare”.

 

 

Per chi non lo conoscesse, Cinico tv consisteva in una serie interviste fuori dagli schemi fatte ai personaggi siciliani più assurdi e grotteschi. Sono andate in onda su Rai 3 a partire dal 1992, ospitate, di volta in volta, da programmi diversi come Fuori orario, Avanzi o Blob. I protagonisti erano persone poco comuni che venivano riprese con un bianco e nero greve e contrasto, mentre erano lasciati liberi di dire cosa volevano e di comportarsi come meglio credevano. Vedere sulla tv nazionale persone lasciarsi andare alle flatulenze più rumorose, togliersi dall’orbita un occhio  di vetro o che esprimere il loro bisogno di avere una compagna, raccontando candidamente quanto era triste la loro esistenza, è stato qualcosa di assolutamente potente e rivoluzionario.

 

Giuseppe Paviglianiti storie.it - Giuseppe Paviglianiti

 

Le loro facce e le loro espressioni, sempre così in bilico tra la più rozza ignoranza e quei tiepidi accenni poetici, li trasformavano in delle figure assolutamente iconiche. Il grande talento di Ciprì & Maresco consisteva nel riuscire a stare ben lontani dalla presa in giro o dal ritratto trash, pur ottenendo risultati comici e ironici. Cinico tv era una sintesi di sentimenti contrastanti: erano immagini potenti e destabilizzanti, raccontate senza mai cadere nella macchietta o nella critica sociale spicciola.

Il nostro non è un discorso assimilabile a categorie ideologiche o prese di posizioni politiche” – racconta Maresco – “I nostri attori – che non sono nemmeno attori – non hanno alcuna identità sociale, non sono proletari e non sono nemmeno sottoproletari. Li abbiamo scelti, credo, perché hanno un tipo di faccia, un tipo di corpo che li avvicina al cinema che ci piace. […] La nostra scelta è quella di mostrare la bellezza, la forza di tanta ostinazione. Mi rendo conto che in qualche modo la denuncia la facciamo: basta guardare gli scenari di Cinico Tv,  il loro degrado… È anche vero che noi, attraverso i nostri personaggi, raccontiamo più le nostre inquietudini che le loro”.

 

 

Giordano non è l’unico dei personaggi di Cinico Tv che ci ha lasciato negli ultimi anni: nel 2008 è morto il “semi-afasico” Fortunato Cirrincione, nel 2001 è mancato il “ciclista” Francesco Tirone e l’anno prima Giuseppe Paviglianiti, quello affetto da meteorismo. Sarebbe un peccato che questi nomi venissero dimenticati, hanno avuto ruolo fondamentale nella nostra storia televisiva. Quello di Ciprì & Maresco è stato uno degli esperimenti più importanti e geniali che la tv italiana si è concessa negli ultimi 30 anni. A volte basta un peto per fare la rivoluzione.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >