TV e Cinema
di Sandro Giorello 30 Gennaio 2017

È morto Pietro Giordano, uno dei protagonisti poetici e grotteschi di Cinico TV

Morto all’età di 69 anni, è stato tra i protagonisti di uno degli esperimenti più importanti e geniali della tv italiana

Pietro Giordano gazzettadelsud.it - Pietro Giordano

 

È morto all’età di 69 anni Pietro Giordano, uno dei volti più noti di Cinico Tv. Maschera surreale e tragica, ce lo ricordiamo perché si additava da solo quel “Testa di minchia”, ripetuto in maniera ossessiva sullo sfondo di una spiaggia desolata e triste.

 

 

L’attore/non-attore della celebre striscia grottesca dei registi Daniele Ciprì e Franco Maresco,  è mancato nella sua abitazione di Palermo giovedì sera. I due registi lo vollero anche ne Il ritorno di Cagliostro (2003) dove recitò insieme Robert Englund, il Freddy Krueger di Nightmare. Moresco lo ricorda come un uomo di “straordinaria intelligenza, ironia e cinismo”.

Non era nato povero come molti potrebbero sospettare” — racconta il regista su Repubblica — “Era figlio di un camionista e per un periodo a casa ebbe la cameriera. Aveva una ricca collezione di polo Lacoste ma era ossessionato da due paure: rimanere indigente ed essere obbligato a lavorare”.

 

 

Per chi non lo conoscesse, Cinico tv consisteva in una serie interviste fuori dagli schemi fatte ai personaggi siciliani più assurdi e grotteschi. Sono andate in onda su Rai 3 a partire dal 1992, ospitate, di volta in volta, da programmi diversi come Fuori orario, Avanzi o Blob. I protagonisti erano persone poco comuni che venivano riprese con un bianco e nero greve e contrasto, mentre erano lasciati liberi di dire cosa volevano e di comportarsi come meglio credevano. Vedere sulla tv nazionale persone lasciarsi andare alle flatulenze più rumorose, togliersi dall’orbita un occhio  di vetro o che esprimere il loro bisogno di avere una compagna, raccontando candidamente quanto era triste la loro esistenza, è stato qualcosa di assolutamente potente e rivoluzionario.

 

Giuseppe Paviglianiti storie.it - Giuseppe Paviglianiti

 

Le loro facce e le loro espressioni, sempre così in bilico tra la più rozza ignoranza e quei tiepidi accenni poetici, li trasformavano in delle figure assolutamente iconiche. Il grande talento di Ciprì & Maresco consisteva nel riuscire a stare ben lontani dalla presa in giro o dal ritratto trash, pur ottenendo risultati comici e ironici. Cinico tv era una sintesi di sentimenti contrastanti: erano immagini potenti e destabilizzanti, raccontate senza mai cadere nella macchietta o nella critica sociale spicciola.

Il nostro non è un discorso assimilabile a categorie ideologiche o prese di posizioni politiche” – racconta Maresco – “I nostri attori – che non sono nemmeno attori – non hanno alcuna identità sociale, non sono proletari e non sono nemmeno sottoproletari. Li abbiamo scelti, credo, perché hanno un tipo di faccia, un tipo di corpo che li avvicina al cinema che ci piace. […] La nostra scelta è quella di mostrare la bellezza, la forza di tanta ostinazione. Mi rendo conto che in qualche modo la denuncia la facciamo: basta guardare gli scenari di Cinico Tv,  il loro degrado… È anche vero che noi, attraverso i nostri personaggi, raccontiamo più le nostre inquietudini che le loro”.

 

 

Giordano non è l’unico dei personaggi di Cinico Tv che ci ha lasciato negli ultimi anni: nel 2008 è morto il “semi-afasico” Fortunato Cirrincione, nel 2001 è mancato il “ciclista” Francesco Tirone e l’anno prima Giuseppe Paviglianiti, quello affetto da meteorismo. Sarebbe un peccato che questi nomi venissero dimenticati, hanno avuto ruolo fondamentale nella nostra storia televisiva. Quello di Ciprì & Maresco è stato uno degli esperimenti più importanti e geniali che la tv italiana si è concessa negli ultimi 30 anni. A volte basta un peto per fare la rivoluzione.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >