TV e Cinema
di Simone Stefanini 19 Gennaio 2016

Oggi nel 1980 usciva Un sacco bello di Verdone, un film che abbiamo imparato a memoria

È l’anniversario di “Un sacco bello”, il mitico esordio di Verdone

sbello wikipedia

 

Il 19 gennaio del 1980 la commedia all’italiana si arricchiva di un capitolo imprescindibile, di quelli che visione dopo visione sono ormai perfettamente imparati a memoria, come si faceva con le poesie a scuola. Carlo Verdone appena trentenne debuttava col suo primo lungometraggio in cui interpretava alcuni tra i suoi personaggi più mitici nel film Un sacco bello.

 

tumblr_mvxxogtX1W1qz6z2wo1_400-1 db

 

Al film lavorarono personaggi del calibro di Ennio Morricone alle musiche e il grande Sergio Leone che aiutò Verdone durante le riprese. Regia perfetta, colonna sonora d’eccezione, i personaggi ce li mette Carlo e sono di quelli che non si dimenticano.

 

ag01861n internazionale

 

Il primo è Enzo, quello che vuol andare in Polonia a fare il tour del sesso con il suo amico Sergio, che però non è proprio convinto e alla fine si sente pure male. Totale la scena in cui Enzo descrive come fare sue le attraenti polacche:

“Tu a quelle mica je devi fa ‘na conferenza, le voi riscallà music, le voi fa fumà smoke, le voi fa beve drinke, le voi sbragà fuck… quanto sebbono dio mio quanto quanto!”

 

Il secondo personaggio è Leo, quello ingenuotto con la maglietta rossa troppo stretta, che quando non capisce alza gli occhi al cielo e poi ti dice “In che senso?” e che s’innamora di Marisol, una bella spagnola in vacanza. Uno dei primi esempi di friendzone al cinema. Di Marisol quell’anno ci siamo innamorati tutti, l’abbiamo portata al mare e allo zoo e alla fine siamo stati rifiutati, condividendo con Leo la malinconia per il primo amore fallimentare.

 

veronica_niriel-telefono-labbra schiuse-denti blogspot

 

Il terzo personaggio però è quello che ridi solo a guardarlo, quello il cui dialogo col padre Mario Brega dovrebbe essere insegnato alla scuola dell’obbligo: Ruggero, il fricchettone che dopo una visione mistica in Toscana (in cui era troppo desideroso di conoscere città come Firenze, Siena, Pisa, Lucca, Monteriggioni e tutta la Val di Chiana) si spoglia nudo sul Ponte Vecchio e cammina in campagna finché non intravede la figura di un uomo dalla faccia di luce che gli porge la spada di fuoco, al cui solo pronunciarla, Mario Brega dà in escandescenze.

Nell’episodio, Verdone interpreta anche il prete strabico Don Alfio, il cugino Anselmo e un anziano professore dedito alle punizioni corporali.  Uno dei punti più alti della comicità italiana.

 

Si vola altissimo nella scena in cui Fiorenza, la fidanzata di Ruggero interpretata da Isabella De Bernardi e Brega litigano furiosamente:

Mario: Ma ‘n padre pò avè un fijio così, senza ‘na casa, senza ‘na famijia, co ‘e pezze ar culo, ai semafori a chiede l’elemosina?!…E co ‘sta stronza che so du’ ore che sta a masticà! Ma che te ciancichi, aoh!!?

Fiorenza: Guarda che io a mi padre j’ho già sputato in faccia, attento, fascio, che nun ce metto niente!

Mario: A me fascio? Io fascio? A zoccolè, io mica so’ comunista così, [alza il pugno sinistro] sa! So’ comunista così!! [alza entrambi i pugni]

 

tumblr_mxr0iwuNbf1qz6z2wo1_400

 

Il finale è amarissimo, con un’esplosione terroristica a Roma (siamo sempre negli anni di piombo) che sveglia i tre personaggi principali sempre più irrisolti: Enzo cerca qualcuno con cui partire, nel suo sogno latino da forever young mentre tutti intorno a lui crescono, Leo si sveglia di nuovo da solo, nostalgico per l’amore perduto prima di nascere e Ruggero torna nella comunità hippie senza aver riallacciato un dialogo con il padre.

10485_big cinemadelsilenzio

Un ritratto caricato e geniale della società italiana a cavallo tra il decennio dell’amore libero e quello dei soldi facili. Carlo Verdone si muove come un Peter Sellers romano dando ai sui personaggi una caratterizzazione perfetta, sempre accentuata ma mai parodistica.

 

unsaccobello2 spietati

Grazie al film, Verdone vinse un David di Donatello, un Globo d’Oro come miglior attore e un Nastro d’Argento al migliore attore esordiente.

Qui sotto, Verdone ricorda perché scelse Mario Brega per fare il padre del fricchettone, rendendo il suo personaggio immortale.

 

Stasera chiamate gli amici. Riguardarlo è un obbligo morale. Love Love Love a tutti.

hqdefault ytimg

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >