TV e Cinema
di Simone Stefanini 18 Febbraio 2016

10 motivi per riguardare Scuola di Polizia

Giù il cappello per il Comandante Lassard: e in suo onore, maratona di Scuola di Polizia

mossplk via

George Gaynes è morto il 15 febbraio 2016 alla veneranda età di 98 anni. Nonostante abbia recitato accanto a Dustin Hoffman in Tootsie, è universalmente riconosciuto per il ruolo dello svampito Comandante Lassard nella saga di Scuola di Polizia.

 

tumblr_o2ocfe38V81upnvk6o1_1280 via

 

Non ve la ricordate? Impossibile. Chiunque sia cresciuto negli anni ’80 si è sbellicato dalle risate con l’addestramento dei cadetti sfigati di un’accademia di polizia americana. Se pensate che il soggetto sia di pura fantasia, dovete ricredervi: nel 1984 a Miami c’è stato un aumento ingente di criminalità e la polizia locale è stata costretta ad assumere un enorme quantitativo di persone, alcune delle quali non rispondevano esattamente ai requisiti richiesti.

 

tumblr_mucarp1sKp1swovdco1_1280 via

 

Le battute e le scene divertenti sono talmente mitiche che mi ricordo ancora il cinema strapieno per il terzo episodio, con la gente a sedere sugli scalini che si spanciava dalle risate. Certo, ne è passato di tempo, la commedia è cambiata, così come il concetto di politicamente corretto. Eppure vi sfido a non ridere durante una delle mille repliche di un episodio della saga. Per lo meno i primi tre (dei 7 totali), da antologia.

 

tumblr_ms33njKlmw1qepxcqo1_1280 via

 

Per rinfrescarvi la memoria, vi darò io 10 motivi ai quali non potete dire di no. E giù il cappello per il Comandante Lassard.

 

1) Mahoney, maschio alfa

tumblr_nlfbxmQu1E1rejh21o1_1280 via

È il figo della saga, almeno per i primi 4 episodi. Poi lascia, facendo naufragare i film successivi. È il cadetto prima e l’agente poi che nessun tenente vorrebbe sotto di sé, infatti viene sospeso in media una volta a film. Odia le regole, non gli piace lavorare, preferisce fare scherzi del menga e limonare le tipe (epica quella con la collega Karen Thompson nel primo film). Praticamente il personaggio maschile a cui tutti i ragazzini degli anni ’80 volevano somigliare.

 

2) Le mille voci di Michael Winslow

L’amicone di Mahoney è il cadetto Larvell Jones, interpretato da Michael Winslow. Ha partecipato a tutti e 7 i film della saga facendo quello che gli riesce meglio: imitare i suoni di qualunque cosa con la voce. È infatti uno dei più grandi rumoristi americani e la versione di Whole Lotta Love dei Led Zeppelin qui sopra dovrebbe chiarirvi la situazione.

 

3) Quello psicopatico di Tackleberry

Dmry6n2 via

Esperto tiratore, totalmente pazzo, viene da una famiglia con l’ossessione per le armi, ne colleziona di tutti i tipi, si fidanza con una che ha la sua stessa passione. Nel mezzo, un milione di gag in cui lui fa gli occhi da psycho e spara, spara, spara. Un idolo del centrodestra.

 

4) Hightower e la ricetta contro il razzismo

Per par condicio, dopo l’idolo dei reazionari, ecco quello dei progressisti. Hightower, interpretato da Bubba Smith, leggenda del football americano, in questa scena rovescia l’auto di un fascistello con lui dentro. La giusta punizione per aver pronunciato la parola nero con la g nel mezzo.

 

4) Il cattivo più sfigato di tutti i tempi

tumblr_niyt4dOMnj1qedb29o1_500

Dio, quanto subisce il tenente (poi capitano) Harris. Mahoney è il suo incubo peggiore ma anche gli altri non scherzano. Una nota di merito per il grande doppiatore Oreste Rizzini, che in italiano gli conferisce una voce fastidiosissima, del tutto riconoscibile. Incarna il potere costituito ed è bellissimo poterlo prendere in giro. Per noi che andavamo a scuola, la sua era la faccia di tutti i professori.

 

 

5) Il tema della saga

Un ascolto e siamo di nuovo nel 1984.

 

6) Le tette giganti di Debbie Callahan

tumblr_inline_n6wmf5CxMQ1s9x8us via

Una scena piuttosto autoesplicativa. Il sergente Debbie Callahan ha le tette enormi e durante tutta la saga resterà al suo posto, pronta a mostrarle due o tre volte a film. Siamo negli anni ’80, questo si chiama intrattenimento e a noi, ai tempi delle medie, andava benissimo così.

 

7) La scena del Blue Oyster

Quando i due aspiranti poliziotti fascistelli e leccaculo del tenente Harris vengono spediti per gag al locale gay Blue Oyster, a ballare/essere seviziati da tipi nerboruti in completi di belle e borchie, c’è una ola d’approvazione. La musica è diventata un inno.

 

8) Zed è tutto

bebe5faa via

Matto, strano, è un punk e quando parla non si capisce niente. Ama spaventare le vecchiette e i deboli ma nasconde un cuore d’oro. È Zed, il più strampalato dei cadetti e il mio personaggio preferito, del quale amo imitare la voce dopo qualche bicchiere di amarone. Vale la pena di rivedere la saga solo per la sua performance.

 

10) Il cartone animato

Bene, dopo aver guardato la saga di 7 film, potreste anche tuffarvi nel mare dei ricordi del cartone animato. Personalmente l’avevo rimosso fino a oggi, ma quando ho ascoltato la sigla (Cristina D’Avena, chi altro?) mi ha ricatapultato indietro nel tempo. Ora vi lascio che devo studiare geografia, domani interroga.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >