Se il finale di Game of Thrones fosse una cazzatona?

Potrebbe essere tutto ma, ora che siamo prossimi, temiamo il peggio

SPOILER NON PROSEGUIRE SE NON SEI IN PARI

.

.

.

.

.

NO SUL SERIO, POI NON VENIRE A LAMENTARTI DOPO

Toccarla piano è il nostro mestiere e ok, ma gli ultimi episodi di Game of Thrones hanno attirato un sacco di lamentele in tutto il mondo e stamattina, i fan italiani sono piuttosto divisi: alcuni reputano l’episodio 5 dell’ultima stagione, quello che dà il la al Gran Finale di domenica prossima, uno dei più belli mai scritti/diretti/recitati mentre gli altri lo schifano quasi del tutto.

Riassuntone: l’altra settimana Dany è arrivata garrula ad Approdo del Re ma c’ha trovato Euron che le ha ammazzato un drago e Cersei che le ha ammazzato Missandei, la quale in punto di morte le ha suggerito di dare fuoco a tutto. Ella, ormai smunta e coi capelli messi male per l’anticipato pensionamento eterno dell’amata parrucchiera, sapete che fa? Dà fuoco a tutto. Innocenti, colpevoli, Varys, Cersei, Jaime, cavalli, eserciti, donne & bambini. Si sente tradita e ce lo fa pesare, proprio lei che è venuta a liberare i popoli dalla schiavitù dell’oppressore, trattata così? E allora tango di fuoco sopra il drago, per delle scene con effetti speciali drammaticamente simili a quelli de La Storia Infinita cento anni dopo.

 aminoapps

Dunque, alla fine Dany ha vinto il suo trono, ammesso e non concesso che non sia bruciato pure lui, ma il modo lascia molte perplessità e non di carattere etico: non è che sia una metafora tanto difficile, quella della tipa che porta la libertà tra i popoli con le bombe, alla fine il motto Bombing for freedom is like fucking for verginity è sempre vivo in noi e abbiamo capito che anche in una sorta di Europa medievale fantasy dobbiamo metterci il riferimento all’America, ma è tutto così dannatamente semplice e sbrigativo da eliminare ogni empatia.

Varys era un personaggione, un capo dei servizi segreti che col cavolo sarebbe mai soccombuto in modo così elementare, tradendo Dany per Jon Snow alla luce del sole. Il problema forse è proprio questo: dobbiamo sbrigarci perché abbiamo messo in produzione solo 6 episodi per dare una risoluzione a un milione di storyline lasciate in sospeso e allora non c’è più tempo per lo sviluppo dei personaggi, ora si punta al far accadere le cose. Varys tradisce e muore in 5 minuti. Peggio, molto peggio, è la sorte dei fratelli coltelli Lannister, che si amano poi si odiano, poi figliano e intanto povera Brienne inconsolabile: morti sotto le macerie, senza un confronto, senza una storia che sia una. Due personaggi scritti benissimo fino a che i libri di George R.R. Martin reggevano gran parte della sceneggiatura, diventati comparse prive di senso. 

 

Calcoliamo che se Dany è impazzita non è colpa del padre pazzo, anche perché il pover’uomo era in realtà incalzato dalle voci di Bran, come abbiamo scoperto quando GoT era bella. La colpa è tutta di quel deficiente di Jon Snow, che sarà pure più mite di Dany ma sono 32 stagioni che non ne fa una a diritto. Rara inettitudine per il nickname di Aegon Targaryen che prima spiffera alle sorelle chi è veramente, lasciando che Sansa lo dica anche al cane di corte, poi non riesce più a fare sesso con Dany perché ormai ci vede su zia e lo sappiamo che brividi può dare ‘sta cosa, quindi al momento potrebbe essere il Re finale, ma lo schifiamo.

Che succede ora? Partendo dal fatto che gli showrunner stanno semplificando tutto, probabilmente sul trono ci siederà Tyrion, Arya ucciderà Dany, Jon morirà a caso tipo gli cade il gelato mentre guida e per raccoglierlo fa un frontale, oppure potrebbe anche lui uccidere Dany e venire ucciso allo stesso tempo, tanto non ce ne frega più niente della sua sorte. Di sicuro, Dany siederà sul Trono pochi minuti e ci sarà una scena che proprio non ci aspettiamo, ma ormai ce l’aspettiamo già, quindi, insomma, un po’ di delusione preventiva c’è.

 YouTube

Cos’è stata questa fretta di concludere la saga che un tempo dedicava sei episodi solo alla decisione se andare o meno a un matrimonio, in sei episodi speed run in cui far morire quasi tutto il cast per un finale che non si capisce neanche che senso lato, metaforico abbia? In cuor nostro non aspettiamo altro che farci stupire da qualcosa di assolutamente non previsto, ma ad oggi, ogni teoria dei fan è stata di gran lunga migliore della scrittura degli episodi e stiamo perdendo le speranze. Di certo, prima di pensare ai prequel, sarebbe stato necessario far godere i fan del presente, quelli che sono rimasti affamati di GoT e delle sue sottigliezze.

Vi lasciamo con una remota speranza: che Sam Tarly (vero idolo di tutta la baracca) uccida sia Jon che Dany e con un dubbio atroce: se non esiste il teletrasporto, ci vuole un po’ di tempo per salpare da Grande Inverno ad Approdo del Re, giusto? Radunare gli uomini, preparare le navi, vogare intensamente e tutto il resto: allora perché alla povera Cersei non allungano i capelli? Che destino orribile per la vera Regina Cattiva di Game of Thrones: morire coi capelli di merda dopo tutta una stagione passata a guardare dalla finestra.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >