TV e Cinema
di Sandro Giorello 9 Novembre 2016

Vent’anni fa andava in onda “Se io fossi… Sherlock Holmes”, il programma più assurdo della tv italiana

Meno di un’ora per scoprire l’identità di una persona servendosi solo di un elenco telefonico e di un telefono fisso

se-io-fossi-sherlock-holmes youtube.com - Se io fossi… Sherlock Holmes

 

A novembre del 1996 veniva inaugurata su TMC l’ultima stagione di Sei io fossi… Sherlock Holmes. Scritto e condotto dall’autore/regista/cantante/ballerino/veejay Jocelyn Hattab, era già andato in onda due anni prima sulla Rai in una versione ridotta, durava appena venti minuti ed era messo subito dopo il TG2. Su TMC, invece, durava cinquanta minuti e veniva trasmesso tutti i giorni, dal lunedì al sabato, alle cinque del pomeriggio.

Sei io fossi… Sherlock Holmes era un gioco a premi con un solo concorrente. In palio c’era un viaggio e, per vincerlo, bisognava risalire al proprietario di un oggetto smarrito – poteva essere una valigia, uno zaino, uno strumento musicale o anche solo un’agenda – usando esclusivamente un telefono fisso ed un elenco telefonico (le due parole sono linkate per tutti i millennial che, quasi sicuramente, non sanno cosa sono). Lo studio era realizzato in una stanza il cui arredamento ricordava vagamente quello di una casa inglese e il giocatore aveva a disposizione 40 minuti per scoprire, come un novello Sherlock Holmes, chi avesse perso l’oggetto in questione.

 

Tenete presente il periodo: è il 1996, Non è la rai è appena finito, manca poco al lancio di MTV Italia e tra i programmi più visti in assoluto c’è Carramba che sorpresa. In mezzo a show iper-stimolanti tutto ritmo e ballerine, Sei io fossi… Sherlock Holmes proponeva una persona seduta a una scrivania che stava al telefono per quasi un’ora, il più delle volte sempre inquadrata nello stesso modo. Gli unici punti leggermente più frizzanti del programma consistevano nelle battute di Yoo, un gatto siamese parlante dall’umorismo decisamente discutibile. Nonostante questo, io facevo di tutto per non perdermi nemmeno una puntata.

Era bello seguire il giocatore, scoprire con lui i dettagli di questo misterioso proprietario, frugare tra le sue foto e tra le sue abitudini. Anticipava quello che poi, anni dopo, ci avrebbe fatto gola dei reality show – il voyeurismo, la telecamera fissa nella stanza, la gente normale che vive la sua vita normale – ma aveva un’immagine già elegantemente rétro. Più che un reality era un gioco in scatola – tipo Cluedo o Scotland Yard – ma fatto in televisione e utilizzando le storie delle persone comuni.

E poi era divertente capire gli stratagemmi dei concorrenti per avere le informazioni di cui avevano bisogno: dal momento che non potevano dire ufficialmente che stavano partecipando a un programma televisivo, si inventavano le peggiori balle possibili, tipo fingersi il padre che cerca lo spasimante della figlia, un datore di lavoro che non conosce il nome dei suoi dipendenti, un’innamorata alla ricerca del ragazzo conosciuto in spiaggia o il responsabile di una lotteria che deve trovare il suo fortunato vincitore. Telefonata dopo telefonata, passavano in rassegna osterie, giornalai, fiorai, negozi, tracciando un disegno immaginario della provincia italiana e di tutti i personaggi che la abitano.

Per molti – in primis Antonio Ricci di Striscia La Notizia – era tutto finto ma, in fondo, non era così importante. Lo spettatore voleva crederci e questo era sufficiente. Sei io fossi… Sherlock Holmes è andato in onda per una novantina di puntate ed è stato poi sospeso definitivamente a febbraio del 1997. È stato sicuramente uno dei programmi più assurdi della tv italiana e sarebbe giusto che tornasse presto in onda. Cioè, Rischiatutto sì e Sherlock Holmes no? Chissà quante valigie sperano ancora che Jocelyn le riporti a casa.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >