TV e Cinema
di Marco Villa 18 Ottobre 2017

“Sapevamo tutti”: come è nato e ha proliferato il sistema Weinstein

Da una parte le donne che denunciano Weinstein, dall’altra gli uomini che prendono le distanze: ma come ha potuto resistere per anni questo situazione?

Harvey Weinstein  Harvey Weinstein

 

Da una parte le accuse di chi ha subito, dall’altra la presa di distanza di chi non vuole più avere niente a che fare. Da una parte le donne, dall’altra gli uomini: è più o meno questa la divisione che si sta verificando a Hollywood dopo l’esplosione del caso Harvey Weinstein, il potentissimo produttore accusato di molestie e stupro da diverse attrici che hanno lavorato con lui.

Il mare di accuse che sono arrivate e stanno arrivando testimoniano l’esistenza di uno schema chiaro e preciso: sono tantissime le donne che raccontano la stessa storia, lo stesso percorso che partiva dalla cena al tavolo di un ristorante e finiva in una camera d’albergo con la richiesta di un massaggio. L’evidenza di questa ripetizione è la prova più chiara dell’esistenza di una routine, di una prassi consolidata, che si svolgeva sotto gli occhi di tutti quelli che erano in quel giro. Per questo motivo, non si può non parlare di un “sistema”, un sistema che permetteva a Harvey Weinstein di essere nella posizione di porre un numero esagerato di ragazze di fronte a una scelta: subire o rischiare di non lavorare più.

Questa situazione è andata avanti per decenni ed è durata così a lungo per un semplice motivo: tutti quelli che avrebbero potuto parlare, avevano un motivo per non farlo. Chi subiva le molestie e le avances perché prese in una morsa di paura, tutti quelli che erano in una immaginaria stanza accanto, per convenienza. Se nei giorni successivi alle rivelazioni del New York Times e del New Yorker si sono registrate centinaia di dure prese di posizione nei confronti di Harvey Weinstein, fino a sfiorare il parossismo in alcuni casi: nessuno, però, ha avuto l’onestà di mettersi in gioco in prima persona, ammettendo se non una corresponsabilità diretta, almeno una complicità morale.

 

Scott Rosenberg  Scott Rosenberg

 

Per questo motivo, il post pubblicato dallo sceneggiatore Scott Rosenberg sul proprio profilo Facebook è particolarmente importante, perché per la prima volta getta delle colpe non solo sul mostro, ma su tutti quelli che hanno permesso che il mostro prosperasse. Rosenberg è uno sceneggiatore che ha lavorato a lungo con The Weinstein Company e che ha ammesso una cosa semplice, ma ancora poco affrontata: tutti sapevano.

Il post è stato rimosso da Facebook, ma è stato riproposto da vari siti, tra cui Mashable. Rosenberg ammette che tutti conoscevano il modus operandi di Weinstein: ignoravano che si spingesse fino allo stupro, ma era evidente quello che succedeva, quindi far finta di non sapere nulla è il modo più sbagliato di affrontare queste rivelazioni.

Scrive Rosenberg, tradotto su Dagospia:

“Per me, se il comportamento di Harvey è la cosa più disgustosa che uno possa immaginare, al secondo posto (di poco) c’è l’attuale ondata di condanne ipocrite e smentite che si infrange su queste coste di rettitudine come una marea di virtù farlocca.
Perché tutti sapevano, cazzo.
E sapete perché sono sicuro che sia così?
Perché io c’ero.
E vi ho visto.
E ne abbiamo parlato insieme.
Voi, i grandi produttori; voi, i grandi registi; voi, i grandi agenti; voi, i grandi finanzieri.
E voi, i capi dei grandi studios rivali; voi, i grandi attori; voi, le grandi attrici; voi, le grandi modelle.
Voi, i grandi giornalisti; voi, i grandi sceneggiatori; voi, le grandi rockstar; voi, i grandi ristoratori; voi, i grandi politici.
Vi ho visti.
Tutti.
E che dio mi aiuti, io ero là con voi.

[…]

Con Harvey abbiamo passato i momenti migliori.
Produceva i nostri film.
Organizzava le feste più pazzesche.
Ci portava ai Golden Globes!
Ci presentava le persone più incredibili (incontri con il vicepresidente Gore! In discoteca con Quentin e Uma! A bere con Salman Rushdie e Ralph Fiennes! A cena con Mick Jagger e Warren-oh mio dio-Beatty!).

[…]

Era glorioso.
Tutto.
Quindi che sarà mai stato se era un po’ prepotente con qualche giovane modella che aveva smosso le montagne pur di entrare a una delle sue feste?
Quindi che sarà mai stato se mostrava i genitali in qualche stanza di hotel a cinque stelle, come gli esibizionisti del parco in qualche vignetta di “MAD Magazine” (basta sostituire l’accappatoio con l’impermeabile!).
Perché avremmo dovuto noi fermare il gioco?
La gallina dalle uova d’oro non capita molte volte nella vita di un uomo.
E torniamo al discorso principale:
Tutti sapevano, cazzo.
Ma tutti si stavano divertendo troppo.
E stavano facendo un gran lavoro; stavano facendo ottimi film”

Quello di Rosenberg è un discorso meschino e per certi versi tragico, ma potente nella sua onestà, perché si stacca in maniera netta dal coro di tutte le reazioni maschili al caso Weinstein. Ci riferiamo ovviamente a chi vive in quel mondo, a chi in qualche modo ha mangiato negli stessi tavoli, ha dormito negli stessi alberghi del produttore. È questo il sistema che ruotava intorno a Weinstein e – probabilmente – a molti altri produttori come lui. Un sistema che nel corso degli anni ha costretto centinaia di donne a subire pressioni e molestie. E anche di più. Un sistema che continuava ad auto-alimentarsi perché continuava a produrre denaro. Denaro su denaro su denaro e tutto quello che si trova a monte e a valle, ovvero lavoro, carriera, opportunità, possibilità. O come ha scritto Rosenberg: divertimento. Un divertimento che ora fa vergognare, ma che nel corso degli anni è sembrato irrinunciabile.

Le denunce delle donne molestate, aggredite, stuprate e il riconoscimento da parte di chi sapeva ma non ha fatto. È da questi due punti che va portato avanti qualsiasi ragionamento, qualsiasi tipo di discorso.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione  completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >