snowden oliver stone recensione
TV e Cinema
di Gabriele Ferraresi 18 Novembre 2016

Snowden, di Oliver Stone: la sorveglianza globale ci interessa ancora?

Joseph Gordon-Levitt interpreta Edward Snowden, il consulente di NSA e CIA che svelò al mondo la rete di controllo globale degli Stati Uniti

Snowden, di Oliver Stone snowden oliver stone recensione  Joseph Gordon-Levitt nei panni di Edward Snowden

 

Snowden, di Oliver Stone, 2016, ricostruisce la vicenda di Edward Snowden, il consulente dell’agenzia governativa NSA che nel 2013 decise di svelare al mondo i segreti della sorveglianza globale della National Security Agency.

Per farlo Snowden trafugò documenti riservati e fuggì dalle Hawaii verso Hong Kong per incontrare i tre giornalisti che lo avrebbero aiutato a diffondere lo scoop, ovvero la regista di documentari Laura Poitras insieme a Glenn Greenwald ed Ewen MacAskill del Guardian.

Li vediamo nei primi minuti del film blindati, con la paranoia della sorveglianza, nella stanza d’albergo dove Snowden sta per consegnare loro documenti scottanti e raccontare così tutta la sua verità in una video intervista, dove squaderna il rodatissimo piano di sorveglianza globale dell’agenzia governativa statunitense.

Da lì il film parte e ricostruisce per flashback la vicenda di Snowden, fino a oggi, con Snowden che da ormai tre anni vive in una località segreta in Russia, dove gli è stato concesso asilo politico.

 

 

I fatti che coinvolgono Snowden sono ricostruiti abbastanza fedelmente nel film di Stone e risalgono appena al 2013, tre anni fa: la distanza che divide quel 2013 dal nostro oggi però, l’oggi del neoeletto Donald Trump, dell’alt-right, di Barack Obama ex Presidente degli Stati Uniti, l’oggi della post-verità parola dell’anno, è siderale, e la privacy online sembra un tema lontano dall’agenda di tutti.

Il film di Oliver Stone però funziona, non annoia malgrado i 134′, oltre due ore: la ricostruzione è pensata per il grande pubblico e per forza di cose si prende qualche licenza che forse farà storcere il naso agli esperti di sicurezza informatica, ma regge bene. Un po’ fuori luogo Nicolas Cage, che per carità, è sempre fantastico, gli vogliamo bene e lo vorremmo vedere pure sui cartoni del latte, ma come guru emarginato della crittografia è credibile quanto un lemure ai vertici del CERN.

Insieme a Cage anche Rhys Ifans è un po’ sopra le righe – Rhys Ifans interpreta uno degli istruttori di Snowden, Corbin O’Brien – e gioca da grande antagonista e “manovratore” di Snowden nel film. Il personaggio di O’Brien omaggia l’O’Brien di 1984 di Orwell. Ah: completamente inutile la scena di sesso tra Snowden e la fidanzata Heather Mills.

 

Snowden, di Oliver Stone snowden oliver stone recensione  Rhys Ifans, il mefistofelico Corbin O’Brien di Snowden

 

Nel finale a un credibile Joseph Gordon-Levitt che interpreta Edward Snowden si sostituisce il vero Snowden, per una chiusa parecchio retorica, ma che può emozionare, anche se forse se ne sarebbe potuto fare a meno: ma ricordiamoci che per chi vuole un documentario su Edward Snowden, c’è Citizenfour, girato proprio da Laura Poitras.

In conclusione: decisamente più alti che bassi in Snowden di Oliver Stone, tanto che c’è chi dice che questo sia il suo film migliore dai tempi di JFK.

È da capire però quanto Edward Snowden – la gola profonda che ha svelato i segreti della sorveglianza NSA e come l’America possa conoscere ogni nostro movimento online – sia ancora presente nel nostro immaginario: ci pensiamo ogni tanto a Snowden? O più che a lui, alla possibilità che governi e agenzie governative possano entrare e spiare ogni nostra comunicazione digitale in qualunque momento? No, non ci pensiamo.

 

Snowden, di Oliver Stone snowden oliver stone recensione  L’ultima consulenza di Snowden per la NSA, alle Hawaii, prima di volare a Hong Kong

 

Forse però Snowden serve anche a questo, a riportare l’agenda su un tema, quello della sorveglianza di massa e della nostra privacy online, che abbiamo lasciato perdere, ma la grande paura è che sarà più che altro un film che predica ai convertiti, ammesso che ci sia ancora o ci sia mai stata una “religione della privacy”, cosa di cui dubito molto.

Ci pensiamo ancora che siamo potenzialmente, tutti, nel 2013 come oggi, sorvegliati o sorvegliabili come mai lo siamo stati, in nessun altro momento della storia dell’umanità, grazie agli smartphone, grazie ai social media, grazie in definitiva a internet? No. Non ci pensiamo, anche perché impazziremmo.

La privacy è ancora o è mai stata un’autentica preoccupazione per noi, e intendo per la maggioranza di noi? Non per la minoranza che sa cos’è Tor, che magari si muove nel deepweb, o anche solo per la minoranza che ricorda e ha seguito nel 2013 le vicende di Snowden? No.

E mi pare che questa preoccupazione – in un’immaginaria agenda delle preoccupazioni – sia scesa di parecchi posti in classifica dal 2013 a oggi, perché non ce ne frega più niente della privacy, se mai qualcosa ci è importato, e abbiamo tutti, tutti, consciamente o meno scelto questa strada: “Ma tanto non ho nulla da nascondere”, che è già tanto, è un pensiero. Sbagliato, ma è un pensiero.

La mia opinione è che la maggior parte di noi sia a un livello ancora inferiore, non ha mai avuto tempo di pensarci, di metterci la testa. Che la vita è già tanto complicata.

 

Snowden, di Oliver Stone

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >