TV e Cinema
di Marco Villa 21 Luglio 2016

Stranger Things è la perfetta serie tv contemporanea

Stranger Things è fatta su misura per chi è cresciuto negli anni ’80

I ragazzi protagonisti di Stranger Things, nuova serie originale di Netflix  I ragazzi protagonisti di Stranger Things, nuova serie originale di Netflix

 

Tutto, in Stranger Things c’è semplicemente tutto. Non è un’esagerazione, perché Stranger Things è uno dei primi casi in cui una serie tv sembra tagliata su misura sui millennial, sul loro immaginario e sulla loro ossessione per l’infanzia. È la nuova serie tv di Netflix, rilasciata in tutto il mondo il 15 luglio scorso e accolta con entusiasmi rari, riconducibili a un unico fattore di fondo.

Stranger Things funziona perché poggia sul sentimento che da circa un decennio va per la maggiore in quelli che un tempo erano giovani e ora sono adulti: la nostalgia. Chi è nato nei primi anni ‘80, appartiene a una generazione che ha iniziato a essere nostalgica prima ancora di invecchiare: con la comparsa dei primi siti blog, è iniziata anche la corsa a un amarcord tutto basato su cartoni animati e relative sigle -un business che sta garantendo una serena mezza età a Cristina D’Avena, ma anche sui film di formazione degli anni ‘80. Dove per film di formazione si intendono pellicole nazionalpopolari entrate a pieno diritto nella storia del cinema, da Ritorno al Futuro a E.T., passando per I Goonies, ma anche per Ghostbusters, Stand By Me Gremlins. Film ormai considerabili classici e icone del cinema hollywoodiano di quegli anni, esattamente come i film di Billy Wilder segnarono il proprio tempo un paio di decenni prima.

 

Mike e Eleven in Stranger Things  Mike e Eleven in Stranger Things

 

Quelli citati sono tutti film usciti a distanza di pochi anni, tra il 1982 e il 1986 e hanno formato l’immaginario cinematografico della generazione ipernostalgica citata in precedenza, quella che si è ritrovata improvvisamente in una seconda infanzia pochi minuti dopo aver schiacciato play sulla prima puntata di Stranger Things. Bastano quattro ragazzini sulle bmx per tornare a quei film e a quei mondi e se a questo aggiungete un livello di tenerezza assoluto dato dagli autori ai protagonisti, il gioco è presto fatto e lo spettatore è catturato in un istante. A quel punto, la storia è quasi irrilevante: esperimenti strani del governo, uno dei ragazzini sparisce, compare dal nulla una ragazzina dai capelli rasati, tutti cercano di capire cosa è successo al desaparecido.

La bravura dei fratelli Ross e Matt Duffer, 32enni gemelli creatori della serie, è stata quella di prendere questo punto di partenza – già affascinante di suo – e di aggiungere tutta una sfilza di elementi in grado di potenziare l’effetto bolla sugli spettatori loro coetanei. In primis Winona Ryder come co-protagonista, ovvero un’attrice che negli anni ’90 sarebbe diventata uno dei sogni erotici principali di quella generazione. Ryder ci sposta verso gli anni ‘90, ovvero il periodo in cui tra i titoli più importanti troviamo X Files, altro riferimento fondamentale per Stranger Things. Dieci anni di espressione cinematografica e televisiva pop al suo massimo, condensati in una sola serie tv, con l’apertura a una maggiore presenza di elementi horror, perché nel frattempo il pubblico è cresciuto e cambiato e può sopportare un po’ di paura in più.

 

Quanti link vi accende questa immagine di Stranger Things?  Quanti link vi accende un’immagine come questa?

 

Tutto questo rende Stranger Things semplicemente contemporanea, perché riesce a intercettare il mondo di un’intera generazione, portando a compimento quanto J.J. Abrams -uno sempre un passo avanti- aveva provato a fare con Super8 e, più recentemente, quanto tentato con Piccoli Brividi, tentativo di proporre un film stile Goonies ai ragazzini di oggi.

Può sembrare strano che una serie così retrò e citazionista possa essere considerata un esempio perfetto di produzione contemporanea, ma di fatto questa è la cifra del nostro tempo: una retromania che si mischia al nerdismo e quindi all’elogio di loser e sfigati. Un equilibrio perfetto tra le parti, che poteva essere realizzato solo da autori che fossero a loro volta cresciuti in quel mondo. Dei trentenni insomma, proprio come i fratelli Duffer. In Italia sarebbe possibile qualcosa del genere? In televisione per ora probabilmente no, al cinema qualcosa sta cambiando e Lo chiamavano Jeeg Robot è lì a dimostrare che si-può-fare.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione  completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >