TV e Cinema
di Dailybest 17 Marzo 2021

XV per Vendetta – Le nozze di cristallo del film cult

Il 17 marzo il film di James McTeigue, tratto dal romanzo a fumetti V for Vendetta scritto da Alan Moore e illustrato da David Lloyd, ha compiuto 15 anni.

Il 2020 è stato un anno terribile, non solo per la pandemia. I regimi sovranisti, ormai presenti in molti Paesi dell’Europa e dell’America, hanno favorito la diffusione dei gruppi neo-fascisti e di estrema destra. Dal Minnesota a New York, da Amsterdam a Londra, il movimento Black Lives Matter è sceso in piazza per chiedere ai governi di porre fine attivamente alla brutalità della polizia e al razzismo istituzionale. Ci ritroviamo per l’ennesima volta leggere un saggio di storia contemporanea dove noi siamo i protagonisti. Fortunatamente, V per Vendetta, ci ricorda che l’attivismo esiste. La pellicola di James Mc Teigue basa la sua trama sull’idea del triplice rapporto tra mezzi di comunicazione, potere e controllo sociale teorizzata in La fabbrica del consenso del linguista Noam Chomsky. Per il teorico, i mass media appartengono a una categoria di propaganda cui obiettivo è quello di svolgere un ruolo nel meccanismo decisionale delle persone, considerando la popolazione come un “semplice spettatore” da ipnotizzare, e influenzando così i loro gusti e l’indirizzo politico.

“Ricorda per sempre il 5 novembre il giorno della congiura delle polveri contro il Parlamento”. Il ribelle V si ispira al rivoluzionario inglese Guy Fawkes, famoso per la “congiura delle polveri” del 1605 in cui un manipolo di estremisti cattolici organizzò un complotto per uccidere il re. L’intento era far saltare il Palazzo di Westminster proprio nel giorno in cui Giacomo I Stuart avrebbe dovuto visitarlo in occasione dell’apertura dell’anno parlamentare. Ritenuto da tutti un traditore, Guy Fawkes sarà in seguito rivalutato come promotore della rivolta ed eletto a nuovo simbolo del cambiamento.

Il numero V, nella numerologia romana, rappresenta lamore per la libertà e il cambiamento. Il concetto di Vendetta, invece, è antico come il mondo ed è ben radicato all’interno di ogni cultura. È a Madame Giustizia che dedico questo concerto in onore della vacanza che sembra aver preso da questi luoghi e per riconoscenza all’impostore che siede al suo posto.” La frase appare emblematica all’interno di un momento solenne del film che si lascia trasportare dall’Overture di Tchaikovsky. Sullo sfondo appare una Londra cupa e sinistra, proprio come la graphic novel anche il film gioca sul forte contrasto di luci e ombre che rappresentano lanimo umano. Non sempre vendetta fa rima con giustizia.

Sopprimere tutto ciò che è differente diventa il fine ultimo dei media e degli stati totalitari. La maschera è un modo per esaltare l’identità a simbolo della diversità, una connotazione ancora più sottolineata dalle azioni di Anonymous, la comunità di attivisti online che si occupa di spionaggio e divulgazione di dati in Rete. Ci troviamo davanti a una forte dicotomia: da un lato un Grande Fratello alla George Orwell basato sull’oppressione e il controllo, dall’altro lato un non-regime autentico e libero che dovrebbe innestare un’anarchia illuminata in cui non esiste governo ma è il popolo ad autogestirsi. Utopia?

Nel corso del film possiamo trovare numerosi riferimenti letterari, da Macbeth al Faust di Goethe passando per il Conte di Montecristo, in un labirinto ipertestuale che svecchia e rinnova il mezzo fumettistico e cinematografico. V per Vendetta parla di coprifuoco, codici gialli e quarantene. La pellicola di James Mc Teigue è una storia destinata a rimanere immortale perché sempre attuale, ma, a 15 anni dalla sua nascita, ha toccato l’apice della sua adesione con la realtà, continuando a riflettere come uno specchio la società che cambia finendo sempre per commettere gli stessi errori.

Compra | su Amazon

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >