TV e Cinema
di Marco Villa 16 Febbraio 2016

Vinyl non è solo una serie tv, è un’immersione in un altro mondo

Finalmente è iniziata la serie di Martin Scorsese e Mick Jagger

vinyl-1

 

La serie più attesa di questo inizio 2016, su questo non ci sono dubbi. Presentata da mesi come l’evento degli eventi, con i nomi di Martin Scorsese e Mick Jagger pompatissimi e sempre in evidenza. E finalmente ci siamo, finalmente il primo episodio di Vinyl è andato in onda: negli Stati Uniti su HBO, in Italia in versione originale con sottotitoli su Sky, in contemporanea alle 3 di notte e poi in replica in prima serata su Sky Atlantic.

Vinyl è la storia della scena musicale di New York negli anni ‘70: ha per protagonista Richie Finestra (Bobby Cannavale), un impresario discografico, giusto per usare un termine vintage, ma in realtà dei personaggi si cura poco. Non è una critica, è un dato di fatto: nelle due ore di durata del pilot assistiamo a crisi e tentativi di risalita da parte di Richie, ma in fondo quello che interessa allo spettatore è sbirciare alle spalle dei personaggi, vedere cosa sta succedendo sullo sfondo.

 

vinyl-2

 

Perché mai come in questo caso è l’intero mondo in cui è ambientata la serie a essere interessante: un mondo in cui si mischiano ambizione e autodistruzione, eccessi di ogni tipo e ansia da successo. In questo senso è emblematica la prima sequenza: Richie è in una zonaccia di New York, in cerca di “sugar”, cocaina. La trova senza grossi problemi e inizia a stendere qualche riga, quando si accorge che un bel po’ di gente sta correndo verso un locale: li segue e si trova in un posto in cui persone collassate si mischiano ad altre che fanno pompini in mezzo ai corridoi, mentre sul palco una band sta suonando da dio. Tutti ballano, Richie osserva. Sono i due mondi raccontati da Vinyl: quello viscerale delle cose che vengono raccontate nel momento stesso in cui stanno accadendo e quello dell’industria che cerca di trasformarle in profitto, anche a costo di snaturarle.

Una storia vecchia come il mondo, ma che viene raccontata con vicinanza e immersione viste poche volte tra televisione e cinema. Qualcuno potrebbe citare Almost Famous, ma in questo caso la distanza è ancora inferiore: non c’è un personaggio esterno in grado di portarci nella storia, come accadeva con il giornalista embedded nel film di Cameron Crowe. Qui siamo solo noi, immersi in una città pulsante, attraversata dai Led Zeppelin all’apice della loro carriera e animata da figure proto-punk come quella di Kip Stevens, leader degli immaginari The Nasty Bits, interpretato da James Jagger, il figlio di Mick.

 

vinyl-3

 

E poi, elemento tutt’altro che secondario, la musica. Non c’è un istante in cui in Vinyl non suoni un pezzo potentissimo, che completa e riempie l’esperienza dello spettatore. In tutto questo, capite che i personaggi sono quasi un accessorio, un elemento addizionale che permette di raccontare questa storia, ma da cui Vinyl non dipende. Almeno per ora, perché la presenza come showrunner di Terence Winter (The Sopranos, Boardwalk Empire, The Wolf of Wall Street) è garanzia di una potenza narrativa totale. Staremo a vedere: lo spettacolo è appena iniziato.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >