Abbiamo visto La tartaruga rossa, il film europeo dello Studio Ghibli

Nella nostra società iperconnessa, la storia lenta, dolorosa e magica del naufrago e del suo amore senza parole non può fare che bene

Il 27,28 e 29 marzo il cinema si tinge di poesia animata con La tartaruga rossa, di Michaël Dudok de Wit, regista olandese. Il film è diventato famoso ancor prima di uscire nelle sale perché è prodotto dallo Studio Ghibli di Hayao Miyazaki e Isao Takahata, che ne ha curato la produzione artistica.

La mano del maestro giapponese si vede in alcune sequenze particolarmente oniriche, che ricordano il suo capolavoro, La storia della principessa splendente (2013).  Il logo dello studio, la sagoma del muso di Totoro, appare all’inizio del film su sfondo rosso invece che azzurro, forse per fare il paio col colore della tartaruga del titolo, forse per differenziare la produzione dal film originale, in ogni caso per la promozione dell’opera, quel marchio è stato vitale.

 

 

Se vi raccontassimo la trama vi toglieremo tutte le sorprese del film, ma a grandi linee si tratta della storia d’amore di un naufrago su un’isola deserta con una tartaruga rossa che si trasforma in una donna,  del loro figlio e di come farcela senza arrendersi mai, neanche al più terribile dei destini.

Non vi aspettate però il tipico film Ghibli coi personaggi dagli occhi grandi e le creature magiche, questo è un film europeo anche nel tratto, che prende spunto dal fumetto occidentale. Altra particolarità, è un film muto, non ci sono dialoghi. A volte i protagonisti urlano, ma non dicono niente più di “Hey”.

 

 

Neanche il naufragio del protagonista del film è spiegato, l’uomo si trova letteralmente immerso nell’acqua fin dall’inizio, tra le onde terrificanti e il temporale inarrestabile, finché sfinito non approda all’isola che fa da sfondo a tutto il film. La sua solitudine e la sua disperazione sono palpabili e ogni immagine potrebbe essere un bellissimo quadro coi colori del verde e del celeste.

 

 

Per la prima mezz’ora, il protagonista rimane da solo e lo vediamo alle prese con la nuova vita di naufrago, in compagnia dei granchietti dell’isola, l’unica concessione del film a dei personaggi ironici che potremmo trovare in un anime. Quando l’uomo tenta di lasciare l’isola, la sua zattera viene affondata dall’enorme tartaruga rossa del titolo e lui, disperato, compie un atto estremo. Dal questo sacrificio nasce una donna dai capelli rossi che vivrà con lui, lo amerà e gli darà un figlio, il resto lo scoprirete da soli.

 

 

Il regista Michael Dudok de Wit è stato contattato dalla casa di produzione giapponese dopo il toccante cortometraggio Father and Daughter, che ha vinto il premio Oscar nel 2001. Lo Studio Ghibli gli ha proposto un lungometraggio e da quel momento, lui si è recato spesso a Tokyo, per tenere aggiornato lo studio e per ascoltare le storie di Takahata riguardanti il simbolismo e le metafore, che poi ha usato nel film.

La sua è un’animazione a pastello che prende esempio dal fumetto francese in particolare e, cosa ancor più preziosa, nel vasto panorama di film d’animazione fatti al computer, il suo è un gioiello fatto a mano, utilizzando soprattutto la tecnica tradizionale.

 

 

Le reazioni al film possono possono essere soltanto due: la magia o la noia, eventualmente declinabili nella terza, la magia della noia. Gli spettatori che entreranno dentro le splendide immagini, le metafore sorprendenti e si tufferanno letteralmente nell’acqua cristallina che costeggia l’isola deserta, usciranno dalla sala col cuore pieno di buoni sentimenti, di speranza e di amore, ma anche di amarezza e di nostalgia, come se avessero assistito al film di una vita intera guardato in età avanzata. Per alcuni però potrebbe non scattare l’empatia, a causa della lentezza del film e allora potrebbero annoiarsi. Non è un film d’intrattenimento che si può guardare dopo un’estenuante giornata di lavoro, il rischio sonnellino è davvero reale.

Siamo però convinti che a una società a mille all’ora come la nostra, iperconnessa e  bisognosa di continui feedback dall’esterno, la storia del naufrago e della sua vita abitudinaria, dolorosa e magica faccia bene, sia agli occhi che all’anima. Una storia d’amore pura  per un’esperienza che ci sentiamo di consigliare anche ai più dubbiosi.

 

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >