zia yetta la tata morta
Zia Yetta, ovvero Ann Morgani Guilbert, è morta il 14 giugno a Los Angeles all'età di 87 anni

È morta Yetta, l’indimenticabile zia de La Tata

Addio a una star della tv americana dagli anni sessanta a oggi: aveva 87 anni

zia yetta la tata morta  Zia Yetta, ovvero Ann Morgan Guilbert, è morta il 14 giugno a Los Angeles all’età di 87 anni

 

Chi si ricorda de La Tata? Era una serie trasmessa in Italia a partire dal 1995 prima su Canale5 e poi su Italia1 con protagonista, appunto, una tata, interpretata dall’attrice Fran Drescher.

Nella versione nostrana la tata prendeva un accento ciociaro, mentre nell’originale aveva ascendenze ebraiche: tra i comprimari più amati della serie c’era zia Yetta (nella versione originale: nonna Yetta), l’attrice Ann Morgan Guilbert, morta il 14 giugno scorso a Los Angeles all’età di 87 anni.

Yetta Rosenberg, anziana petulante, sagace, disinibita, se ne fregava di tutto, faceva gaffe in continuazione, era una regina dell’equivoco con la battuta sempre pronta, fumava in continuazione e vantava un guardaroba a dir poco sopra le righe: amatissima dai fan della serie, era ispirata alla vera nonna di Fran Drescher, la protagonista.

Il personaggio di Yetta aveva poi origini misteriose e mai spiegate del tutto – Romania? Polonia? – e si diceva fosse stata addirittura imbarcata sul Titanic… e naturalmente aveva una storia con Ray Charles.

 

 

Insomma Yetta era uno dei casi in cui il comprimario della serie era più amato del protagonista.

 

Che stile. Persino Lady Gaga l'aveva omaggiata più di una volta  Che stile. Persino Lady Gaga l’aveva omaggiata in più di un’occasione

 

Prima di diventare Yetta però l’attrice Ann Morgan Guilbert aveva avuto una lunga carriera in tv negli Stati Uniti, passando per programmi entrati nella storia del costume americano, come il leggendario Dick Van Dyke Show, che la portò a una successiva lunghissima carriera da guest, passando anche dall’Andy Griffith Show, forse la cosa che evoca più l’America sandwich-bicchiere di latte-guerra fredda alle porte degli anni sessanta.

Andy Griffith Show non vi dice niente? Ok. Ascoltate questa sigla.

 

https://www.youtube.com/watch?v=Lli9ABUFZCU

 

In caso in onore di Yetta vogliate rivedervi qualche puntata de La Tata, su Youtube c’è tutto quanto.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >