Foto di Mercurioblu da Wikimedia
Viaggi
di Gabriele Ferraresi 15 Gennaio 2020

Il castello di Pagazzano è l’ideale per una gita fuori porta

Il Castello di Pagazzano si trova in provincia di Bergamo, risale al XIV secolo, ed è una piccola meraviglia nascosta da visitare assolutamente

Prima cosa: se volete scoprire questa meraviglia dell’Italia nascosta, andate subito! C’è poco tempo, giusto giusto questo sabato 30 luglio, se volete visitare il Castello di Pagazzano, in provincia di Bergamo a meno di un’ora d’auto da Milano. Mica per altro: perché ad agosto è chiuso.

Ma da settembre potrete di nuovo tornare a farci un giro – tutte le info sul loro sito – magari accompagnato a una scampagnata mangereccia da quelle parti, nella bergamasca, dove tra casoncelli e altre prelibatezze c’è da tornare a casa con qualche etto in più: ma di sicuro felici.

Vediamo però un po’ della storia del Castello di Pagazzano, questo edificio imponente, con tanto di fossato: perché scorrendola ritornano nomi che abbiamo già visto in altre residenze di cui vi abbiamo raccontato in questi mesi. La struttura del castello attuale risale al XIV secolo, quando i Visconti dominano la zona. Prima Giovanni, poi Bernabò Visconti organizzano anche fastosi ricevimenti nel castello, uno dei quali dedicato a Filippo Borromeo, nel 1355.

Sempre in quel periodo dal Castello di Pagazzano passa anche un ospite illustre: il poeta Francesco Petrarca, che soggiornò a lungo protetto da quelle mura “La vicenda della permanenza del poeta a Pagazzano (parliamo di permanenza, non di passaggio) era già stata documentata.  La questione, ormai già dibattuta ed esposta anni fa, si riduceva sostanzialmente a questo problema: è accertato che il poeta era ospite tra il 1353 e il 1364 dei Visconti di Milano i quali gli avevano offerto alcune dimore di campagna per sollevarsi e rinfrancarsi dagli impegni politico – culturali cui era sottoposto“.

 

 

Per circa trecento anni il castello rimase di proprietà dei Visconti, per poi passare nel 1657 alla famiglia Bigli – della quale potete scoprire qualcosa di più su LombardiaBeniCulturali: e se siete di Milano da via Bigli sarete passati di certo – che nel 1828 tramite Fulvia Bigli passò la proprietà al marchese Paolo Crivelli, la cui famiglia conservò la proprietà fino al 1968. Da lì in poi il castello ebbe altri proprietari, fino al 1999, quando fu acquisito dal Comune di Pagazzano.

Oggi il Castello di Pagazzano contiene al suo interno anche spazi museali: c’è un museo di civiltà contadina che vanta fino ad ora circa 2000 pezzi e fa vedere com’eravamo – e coma lavoravamo se non ieri, l’altroieri – ma non solo, a maggio si è conclusa una mostra dedicata ad Andy Warhol, e insomma, vale certamente una visita.

 

 

Domani, o a settembre, o quando volete voi, un po’ come tutte le altre meraviglie dell’Italia nascosta di cui vi abbiamo raccontato in questi mesi: giusto per restare nei paraggi di Milano, il Ninfeo di Lainate, o per esempio Villa Cicogna Mozzoni a Bisuschio, vicino Varese, oppure il Castello di Agliè, in provincia di Torino.

Cerca ristoranti a Pagazzano

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >