Viaggi
di Stefano Disastro 28 Giugno 2019

Gite belle con bambini: in camper tra Bordeaux, Cognac e il fantastico Marais Poitevin

Una bella gita in van con una bimba di 5 anni lungo la costa atlantica francese

Dopo una prima esperienza bellissima lo scorso autunno, a zonzo fra la Germania e l’Olanda, diciamo che ci abbiamo preso gusto e abbiamo ricontattato Indiecampers per riprovarci, questa volta in tarda primavera e con l’0bbiettivo di girovagare per una zona della Francia che non conoscevamo molto (se non per gli ovvi famosissimi vini e liquori). Una settimana di ponte lunghissimo di pasqua tra Bordeaux – Cognac – Angouleme e l’Atlantico.

Evviva! Volo Milano>Bordeaux. Recuperiamo il van a Bordeaux e via.
Sotto trovate per punti salienti il riassunto delle cose che ci hanno colpito di più.

On-y-va?

IL CIBO

Ok su quanto il cibo francese sia a ragione famoso e celebrato nel mondo è inutile scriverne, in questo viaggio però, come dovrebbe essere in ogni viaggio con i bambini, il cibo ha avuto un ruolo importante e super divertente di scoperta&sfida. Fidatevi e mettete alla prova i vostri figli con il “puzzolentissimo Camembert” (di cui ricordiamolo Chat Noir del cartone animato Miracolous è molto ghiotto) o con delle ostriche freschissime (la faccia che fanno i bambini dopo aver spruzzato il limone sulle ostriche per farle muovere e poi dire “dai assaggia” non ha davvero prezzo).

Poi tranquilli avrete modo di farli riappacificare con la cucina francese con crepes e soprattutto gallettes (cioè la variante salata delle crepe, fatta con grano saraceno, e farcite di formaggio filantissimo e prosciutto cotto, ovvero la combo perfetta per tutti i bambini del mondo). Matilde poi, non so se è un caso raro o meno, è letteralmente in fissa con le cozze, per cui a ogni occasione ci fiondavamo nei ristorantini moules&frites (per la gioia di Chiara che odia le cozze…) a scofanarci chili di cozze e patatine fritte. Capitolo a parte meriterebbe l’altro tempio laico del vivere francese, ovvero la Boulangerie (la panetteria), dove ogni mattina si è fatta regolare razzia di pain au chocolat, croissant, far breton e regolare baguette infilata sotto l’ascella, per il grande divertimento di Matilde che rispondeva impeccabili “Merci…Bonjour…” alle sempre gentilissime commesse al banco.

I MERCATINI

I francesi vanno pazzi per i mercatini di strada. Ma proprio pazzi. Ce ne sono ogni weekend disseminati per tutto l’esagono. A volte sono 4 tavoli messi in una piazzetta sotto i platani che propongono residui polverosi ed ammuffiti di qualche cantina, a volta sono delle vere e proprie fiere di antiquari con pezzi anche importanti, il più delle volte è uno stupendo mix di entrambe le situazioni. I francesi poi -precisi come sono- hanno termini diversi per descrivere le diverse tipologie di mercatini (un pò come noi con i tipi di pasta). Per dirvi, io ancora non l’ho proprio ben capita la sottile distinzione tra vide granier e bric-a-brac, ma tant’è. Basta farsi prendere dalla curiosità e dall’entusiasmo e via. D’altronde i mercatini sono la classica scusa per una gita fuori porta e per attraversare luoghi che non vedresti mai. Il sito perfetto che dovete conoscere è Vide-Granier.org, la bibbia del frequentatore di mercatini (e del vero flaneur delle gite fuori porta). Spesso infatti questi mercatini si svolgono in location bellissime e poco pubblicizzate e, soprattutto, per arrivarci si fanno delle strade secondarie (sempre!) e si attraversano dei posti davvero incredibili.
Nota a margine: essendo praticamente lo sport nazionale francese è difficile fare dei vari affari, ma non è raro trovare curiosità a prezzo stracciato, soprattutto nelle situazioni piccole sperdute di provincia. E poi comunque in ogni mercatino c’è un’area bimbi con gonfiabili&simili, per cui vostro figlio avrà di che distrarsi mentre voi contratterete ogni singolo euro per i bicchierini da Pastis della nonna (facendovi però fregare dalla pronuncia praticamente simile a orecchie italiane non allenate di “2 euro” e “12 euro”).

IL VERDE

Ecco questa è stata una vera scoperta. Noi non ce l’immaginavamo una Francia così verde. Basta uscire dalle autostrade e affidarsi fiduciosi a Waze (o qualsiasi altro navigatore satellitare voi usiate) per scoprire una terra fertile, campi coltivati, filari e filari e filari di vigne (ma d’altronde siamo nella regione dove si produce uno dei vini più buoni del mondo, no?), natura rigogliosa, verde verde verde (e, se sarete fortunati con il tempo, cieli azzurri e nuvole bianche da film di Miyazaki). Davvero la provincia francese, o almeno le ragioni Poitou-Charente, Vendeé, Loire Atlantique, Gironde, Dordogne, sono un incanto paesaggistico. E parliamo di natura. A questo vanno aggiunti, oltre a chiese&conventi&castelli disseminati praticamente ovunque, la bellezza e la cura di molti piccoli villaggi e quell’orgoglio tutto francese di saper valorizzare al meglio quello che si ha, sempre con stile e senza strillare (maledetti). Un giro in camper con bambini suggestivo.

POSTI PAZZESCHI (1): IL MARAIS POITEVIN

Il Marais Poitevin, per esempio, è una vera e propria perla nascosta e sconosciuta ai più. Chiamata con la solita moderatezza francese “la Venezia Verde” è in realtà una piccola regione boschiva attraversata da una fitta rete di piccoli canali navigabili con barchette a noleggio. La sensazioni di pace e relax è assoluta, i bambini tra remi e spruzzi d’acqua si divertono ovviamente da matti. L’area è attrezzata con campeggi e parcheggi camper, percorsi a bici o a piedi, piccoli villaggi pittoreschi etc etc. Tutto molto semplice e modesto, ma davvero bello. Uno dei momenti più belli del viaggio.

POSTI PAZZESCHI (2): LA DUNA DI PILAT

Una duna di sabbia altissima in riva all’Oceano, un posto davvero magico. Merita. I vostri figli impazziranno nel salirci e scendere rotolandoci giù. Voi avrete il fiato spezzato dopo dieci minuti ma ok. La vista da lassù è suggestiva. Andateci

LA DOMENICA DEI FANTASMI

Uno dei pochi punti negativi della vacanza, se non l’unico (a parte alcune notti particolarmente fredde nonostante fossimo a cavallo tra aprile e maggio) è che la domenica in Francia tutto chiude, le città si svuotano e tutto di ferma. Sembra una battuta detta così ma vi assicuro che girovagare per 1 ora per Angouleme per trovare un bar aperto dove bere 1 caffè non è proprio simpaticissimo. Idem se dovete fare spesa che siete rimasti senza cibo. Anche i grandi centri commerciali (almeno quelli della zona dove stavamo noi quella domenica tra Angouleme e Cognac erano TUTTI chiusi). Incredibile. Tenetene conto e organizzatevi bene di conseguenza, non è un dramma ma averlo saputo sarebbe stato utile :)

 

BONUS: FESTEGGIARE IN VAN E’ BELLISSIMO

In questo giretto è capitato anche il compleanno di Matilde. Figo no? Ma è bastato davvero poco per renderlo specialie: già con il fatto di essere dentro un van partivamo altissimi, parcheggio in riva al lago Hourtin sotto gli alberi, poi candeline su dolce al cioccolato di boulangerie, una fila di bandierine colorate, piatti bellissimi colorati, tutto comprato da Hema a Bordeaux (grande sorpresa e felicità trovare Hema anche in Francia, lo credevamo solo olandese. ovviamente preparatevi che quando arriverà anche in Italia spaccherà tutto). Bottigliona di Coca-cola, canzoncine di cartoni animati cantate a squarciagola e via. Tutto molto intimo e colorato. Grande entusiasmo. Bello :)

 

BONUS (2): VIVA IL MONOPATTINO

Se siete genitori lo sapete già, ma è un consiglio che ci sentiamo comunque di darvi: anche se pesa mettete il monopattino in valigia. Sarà un mezzo insostituibile e vi permetterà di visitare davvero paesini e città senza il continuo lamento “sono stanca” e senza spaccarvi braccia e schiena nel portare figli annoiati e distrutti dalla fatica. Con il monopattino c’è libertà di movimento e scoperta. (Poi Matilde si è scartavetrata un ginocchio cadendo da una discesa ma questi sono i piccoli prezzi da pagare all’avventura)

VARIE ED EVENTUALI:

  • Indiecampers.com: al secondo viaggio con loro possiamo dire che ormai ci sentiamo di famiglia :) Servizio di noleggio Van ottimo, giovane, smart. I mezzi avete visto le foto sono super carini e comodi da guidare (e anche se non siete dei pro imparerete presto a ricaricare l’acqua della doccia o svuotare il wc chimico). Ottimi quindi per giretti in camper con figli. Un consiglio è quello di ricordarvi di controllare il tetto della vostra carta di credito, il deposito è di 2000€ per cui per non avere spiacevoli sorprese controllate con la vostra banca prima di partire!
  • Campercontact.com: è il sito/app che dovete avere per cercare le aree camper o parcheggi etc. Una bomba, davvero risolutiva.
  • Marennes, piccolo villaggio sulla costa famosa per gli allevamenti ostriche. Se siete in zona e vi piacciono i molluschi una tappa è obbligatoria. Come potete ben immaginare è pieno di allevatori di ostriche con tavolini messi in strada per le degustazioni, pane&burro e vino bianco e ostriche di tutte le misure e tipologie a prezzi ridicoli.

.

  • L’idea iniziale era di arrivare da nord a Royan e da lì prendere il traghetto che attraversa la Garonne e la Dordogne e arrivare a Soulac-sur-Mer, e poi scendere da lì verso Bordeaux, ma il traghetto costa davvero un botto quindi abbiamo deciso di circumnavigare l’enorme foce (fermandoci a dormire in mezzo a dei campi di meloni coperti a filari bianchi in un paesaggio davvero fantascientifico, soprattutto con il tramonto – vedi foto sotto).

 

  • Bordeaux è una bella città, oltre alla famosa fontana piatta di fronte alla Borsa (in cui cammini dentro) e alla via centrale dei negozi e le piazzette con i barettini e la cattedrale e i palazzi etc, ci sono 2 cose che ci teniamo a segnalare. La prima è il Cinema Utopia, un multisala radicalmente d’essai con film indipendenti, documentari e film sconosciuti in VO in pieno centro in un vecchio palazzo bellissimo (solo i francesi riescono a fare queste cose). La seconda è  il classico recupero in salsa hipster/gentrificazione di alcune vecchie aree industriale dismesse al di là del fiume, La Societe des Vieux Copains , con un bellissimo bar, aree mostre, street art, produttori di birre artigianali, mercatini etc etc

  • Tips & Consigli: come vi dicevamo già la scorsa volta bastano pochi accorgimenti per stare bene, per esempio ricordatevi che anche se partite in primavera inoltrata, di notte può far freddo, per cui prevedete maglioni. Portate dei giochini per i vostri figli (soprattutto quaderni e colori) per le percorrenze più lunghe. Non abbiate fretta e non pianificate tutto da casa, un canovaccio e un itinerario a grandi linee può andare bene ma non fissatevi, non riuscirete a vedere tutto tutto (tanto poi sacrificherete qualcosa di sicuro) e soprattutto scoprirete cose che non avevate previsto.

FINE.
alla prossima :)

 

CARTINA DEL NOSTRO VIAGGIO

 

TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >