Viaggi
di Simone Stefanini 28 Settembre 2017

In Francia stanno costruendo un castello usando solo tecnologie medievali

Da 20 anni, gli ideatori e un sacco di volontari stanno costruendo un castello utilizzando solo materiali e tecniche medievali

Per quanto il Medioevo non sia esattamente l’età del benessere, è comunque un periodo storico molto affascinante da tanti punti di vista. Pensate alla vita nel castello fortificato, alle battaglie corpo a corpo in cui rimanere orrendamente sfigurati o alla pece bollente da prendere in testa per morire male, a tutte le malattie e le piaghe ad esse correlate, alle torture elaboratissime che venivano promosse dalla Chiesa, all’uguaglianza sociale inesistente e all’aspettativa di vita intorno ai 35 anni.

Se volete rivivere quel ridente periodo storico, non avrete bisogno per forza di una macchina del tempo. Potreste andare a Burgundy, in Francia. Un luogo in cui dal 1997, Michel Guyot e Maryline Martin stanno costruendo un castello con il solo ausilio della tecnologia del 13° secolo, utilizzando le tecniche e i materiali che si trovavano solo ai tempi.

Un luogo affollato, che viene visitato da oltre 300.000 turisti l’anno.

Tutte le foto via Bored Panda

C’è  anche una storia di fantasia che riguarda la costruzione del castello: i titolari del progetto fingono che l’inizio dei lavori sia partito nel 1228, quindi oggi siamo nel 1248. È stato inventato anche un signore a capo del castello, tale Guilbert, un lord feudale a cui è stato concesso l’onore di costruire il castello perché ha fiancheggiato la corona durante una ribellione nel 1226.

 

Foto © Guedelon bored panda - Foto © Guedelon

 

Il completamento dell’opera sembra sia previsto per il 2023. D’altra parte, spaccando ogni singolo mattone col martelletto e fabbricando le chiavi alla vecchia maniera, il lavoro è parecchio lungo.

 

Foto © Jacky Naegelen bored panda - Foto © Jacky Naegelen

 

Anche i trasporti sembrano non essere proprio semplici, visto che gli operai possono utilizzare solo traballanti carriole artigianali.

 

Foto © Jacky Naegelen bored panda - Foto © Jacky Naegelen

 

Alcune gru speciali sono state costruite per portare il materiale ai piani alti. No, decisamente durante il Medioevo non era per niente semplice costruire i castelli.

 

Foto © Guedelon bored panda - Foto © Guedelon

 

Le decorazioni all’interno del castello sono perfettamente in linea con quelle dei castelli medievali, i progettisti hanno pensato davvero a ogni dettaglio.

 

Foto © Jacky Naegelen bored panda - Foto © Jacky Naegelen

 

Ogni anno, 650 volontari sperimentano la vita medievale all’interno delle abitazioni create per gli operai del castello. Nessuna concessione alla modernità, né per il cibo, né per l’abbigliamento.

 

Foto © Guedelon bored panda - Foto © Guedelon

 

Qui sotto, ad esempio, vedete Clement Guerard, fabbro del castello dal 1999, nella sua bottega.

 

Foto © Jacky Naegelen bored panda - Foto © Jacky Naegelen

 

Per tutte le informazioni, visitate il sito ufficiale.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
40,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >