Viaggi
di Simone Stefanini 28 Settembre 2017

In Francia stanno costruendo un castello usando solo tecnologie medievali

Da 20 anni, gli ideatori e un sacco di volontari stanno costruendo un castello utilizzando solo materiali e tecniche medievali

Per quanto il Medioevo non sia esattamente l’età del benessere, è comunque un periodo storico molto affascinante da tanti punti di vista. Pensate alla vita nel castello fortificato, alle battaglie corpo a corpo in cui rimanere orrendamente sfigurati o alla pece bollente da prendere in testa per morire male, a tutte le malattie e le piaghe ad esse correlate, alle torture elaboratissime che venivano promosse dalla Chiesa, all’uguaglianza sociale inesistente e all’aspettativa di vita intorno ai 35 anni.

Se volete rivivere quel ridente periodo storico, non avrete bisogno per forza di una macchina del tempo. Potreste andare a Burgundy, in Francia. Un luogo in cui dal 1997, Michel Guyot e Maryline Martin stanno costruendo un castello con il solo ausilio della tecnologia del 13° secolo, utilizzando le tecniche e i materiali che si trovavano solo ai tempi.

Un luogo affollato, che viene visitato da oltre 300.000 turisti l’anno.

Tutte le foto via Bored Panda

C’è  anche una storia di fantasia che riguarda la costruzione del castello: i titolari del progetto fingono che l’inizio dei lavori sia partito nel 1228, quindi oggi siamo nel 1248. È stato inventato anche un signore a capo del castello, tale Guilbert, un lord feudale a cui è stato concesso l’onore di costruire il castello perché ha fiancheggiato la corona durante una ribellione nel 1226.

 

Foto © Guedelon bored panda - Foto © Guedelon

 

Il completamento dell’opera sembra sia previsto per il 2023. D’altra parte, spaccando ogni singolo mattone col martelletto e fabbricando le chiavi alla vecchia maniera, il lavoro è parecchio lungo.

 

Foto © Jacky Naegelen bored panda - Foto © Jacky Naegelen

 

Anche i trasporti sembrano non essere proprio semplici, visto che gli operai possono utilizzare solo traballanti carriole artigianali.

 

Foto © Jacky Naegelen bored panda - Foto © Jacky Naegelen

 

Alcune gru speciali sono state costruite per portare il materiale ai piani alti. No, decisamente durante il Medioevo non era per niente semplice costruire i castelli.

 

Foto © Guedelon bored panda - Foto © Guedelon

 

Le decorazioni all’interno del castello sono perfettamente in linea con quelle dei castelli medievali, i progettisti hanno pensato davvero a ogni dettaglio.

 

Foto © Jacky Naegelen bored panda - Foto © Jacky Naegelen

 

Ogni anno, 650 volontari sperimentano la vita medievale all’interno delle abitazioni create per gli operai del castello. Nessuna concessione alla modernità, né per il cibo, né per l’abbigliamento.

 

Foto © Guedelon bored panda - Foto © Guedelon

 

Qui sotto, ad esempio, vedete Clement Guerard, fabbro del castello dal 1999, nella sua bottega.

 

Foto © Jacky Naegelen bored panda - Foto © Jacky Naegelen

 

Per tutte le informazioni, visitate il sito ufficiale.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >