Un professore di Stanford spiega come comportarsi con gli stronzi

Il Dr. Sutton ha pubblicato alcuni libri che hanno come tema il comportamento da tenere con gli stronzi

Libri
di Simone Stefanini facebook 28 settembre 2017 12:00
Un professore di Stanford spiega come comportarsi con gli stronzi

Robert Sutton è docente di psicologia alla Stanford University, una delle più famose Università private americane. Da un po’ di tempo, il professore è anche scrittore di successo e la sua poetica vuoi non vuoi, spesso va a toccare un argomento che interessa un po’ tutti: come comportarsi con gli stronzi.

La sua definizione di stronzo è “qualcuno che ci lascia senza scopo, senza energie, ci manca di rispetto o ci opprime in qualche modo” e non possiamo che dargli ragione. Sembra proprio la definizione di tutti gli stronzi con cui abbiamo avuto a che fare in tutta la nostra vita, a scuola, in famiglia, a lavoro, in coda alla posta, al bar, su Facebook, in discoteca, a un concerto e in ogni altra occasione di socializzazione.

 

 stanford.edu

 

In un’intervista a Vox, il Dr. Sutton ha rivelato la formula definitiva per comportarsi con gli stronzi. Difficile ma non impossibile e sì, è quella a cui ci siamo già arrivati tutti:

“Uno dei modi più semplici (e allo stesso tempo più difficoltosi) per aver a che fare con uno stronzo è imparare a fregarsene. Quando uno fa lo stronzo, non lo cagare. Questo toglie il vento dalla vela dello stronzo. Quando fa lo stronzo, ignoralo.”

Facile, no? Chissà quante litigate, quanti fegati pieni di bile ci eviteremmo se semplicemente facessimo cuocere gli stronzi nel loro brodo, senza degnarli di un’attenzione che sia una.

“Io lavoro all’Università e ci sono un sacco di stronzi che non si possono licenziare, ma possiamo comunque tenerli fuori in qualche modo dalla nostra vita. Non dobbiamo per forza invitarli a uscire e se anche capita, possiamo evitarli in modo educato oppure scambiare un sorriso di circostanza e poi ignorarli il resto del tempo. Ecco come ci comportiamo con gli stronzi.”

 

 

Penserete “Beh, ma è la scoperta dell’acqua calda” e in qualche modo, ogni cosa che profuma di zen lo è, ma in capo a una giornata, quante discussioni potreste evitare se vi comportaste davvero così?

Per tutti gli approfondimenti del caso, potete leggere il suo libro del 20120 Il metodo antistronzi. Come creare un ambiente di lavoro più civile e produttivo o sopravvivere se il tuo non lo è 

Compra | Amazon

Oppure potete optare per il nuovo libro, ancora non tradotto in italiano, dal titolo The Asshole Survival Guide: How to Deal with People Who Treat You Like Dirt

Compra | Amazon

COSA NE PENSI? (Sii gentile)