Viaggi
di Simone Stefanini 7 Ottobre 2015

Abbiamo intervistato l’uomo che vuole trasformare un monumento fascista nel deposito di Zio Paperone

Daniele Caluri ha lanciato una proposta che ha fatto impazzire Facebook

ciano7 facebook - Il progetto di Daniele Caluri

 

Ieri su Facebook hanno tenuto banco le foto di un illustratore livornese, Daniele Caluri (inventore di Don Zauker e disegnatore per la Bonelli alle testate Martyn Mystere e Dylan Dog) che ha lanciato una proposta talmente comica e surreale da fare il giro d’Italia.

A sud di Livorno, in mezzo alla macchia mediterranea, proprio di fronte al mare, c’è un curioso cubo di cemento. Si tratta dei resti del Mausoleo di Ciano, costruito a partire dal 1939 per diventare la tomba del gerarca fascista Costanzo Ciano e della sua famiglia. In origine il monumento avrebbe dovuto ospitare anche una statua marmorea del gerarca alta 12 metri e un faro gigante a forma di fascio littorio alto più di 50 metri. I lavori procedettero con velocità, ma la guerra e la fine del regime impedirono la conclusione dell’opera: il mausoleo rimase incompiuto, nulla più di un blocco squadrato abbandonato in mezzo al bosco.

 

ciano panoramio - Quello che resta del mausoleo a Ciano, foto © Roberto Rubiliani

 

Da qui, l’idea di Caluri: vista la forma, perché non trasformarlo nel deposito aureo di Zio Paperone? Sì, quello in cui Paperon De Paperoni si fa delle gran nuotate nelle monete d’oro e che è sempre preso di mira dalla Banda Bassotti.

Su Facebook il disegnatore ha caricato un paio di foto del possibile progetto e tutti si sono innamorati dell’idea, talmente strampalata da aver trovato il favore degli utenti di Facebook, con 10.000 like e più di 4.000 condivisioni. Probabilmente dissacrare le opere fasciste ha ancora il suo fascino. A questo punto, ne abbiamo voluto sapere di più e lo abbiamo contattato per avere qualche informazione.

 

ciano7 multimedia - Il Mausoleo di Ciano com’è oggi

 

Come ti è venuta l’idea di trasformare quel triste basamento nel deposito di Zio Paperone?
Ah, quella ce l’ho da anni, ma è sempre stata una boutade per far ridere gli amici. Il mausoleo è un ignobile cubo di cemento, che deturpa la macchia mediterranea senza che abbia mai avuto un reale significato, proprio perché non si tratta neanche di una rovina, o di una tomba, ma di un’opera strozzata sul nascere. E visto che la struttura c’è ed è in totale abbandono e disfacimento, perché non utilizzarla per farne qualcosa di caratteristico, oltre che, ovviamente, di dissacratorio?

 

ciano topolino.it - Zio Paperone che si tuffa nei dollaroni all’interno del suo deposito

 

A parte l’aspetto esteriore, dentro cosa ci dovrebbe essere?
Ma anche nulla. Il luogo non è adatto alle visite: vi si accede per un sentiero sterrato e in mezzo alla boscaglia, tant’è che per decenni è stato la camporella per antonomasia. Lì intorno ci sono più preservativi usati che foglie.
Certo, a quel punto sarebbe bello immaginare un possibile utilizzo, sempre che l’amministrazione comunale voglia costruire una strada per accedervi senza essere esperti di survivor. S’apra il dibattito.

 

ciano facebook - La vista della collina con il progetto di Caluri

 

Dunque saresti disposto a parlarne col sindaco di Livorno e a ufficializzare il progetto, magari aprendo un crowdfunding?
Ah, ma io al sindaco gliene avevo già parlato. E non solo ne aveva riso, ma mi aveva confidato che aveva avuto anche lui un’idea simile, tempo addietro. Al momento ha molto più potere decisionale di me, quindi lo invito a dare corpo a questa follia, fosse anche ricorrendo al crowdfunding, visto che, almeno su Facebook, migliaia di persone sembrano essere pronte ad aderire. 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >