Viaggi
di Marta Blumi Tripodi 21 Settembre 2015

Le renaissance fair americane sono le ricostruzioni storiche più assurde che ci siano

Lo strano fenomeno per cui gli americani rievocano periodi storici che non hanno mai vissuto

scarborough-faire-parade-670x503  La ricostruzione di un villaggio alla fiera di Scarborough in Texas.

 

Sicuramente vi sarà capitato di ascoltare Simon & Garfunkel cantare Scarborough Fair, ballata tradizionale dello Yorkshire che parla di una fiera di paese molto nota nel medioevo. La cosa buffa è che la fiera di Scarborough esiste ancora, ma non dove ve la immaginate voi: si tiene ogni anno a Waxahachie, Texas, ed è uguale identica a quella di allora. Peccato che in Texas il medioevo non ci sia mai stato, visto che è stata proprio la scoperta dell’America nel 1492 a porvi fine. Benvenuti nel bizzarro mondo delle cosiddette renaissance fair, una tradizione tutta americana che ogni anno richiama centinaia di migliaia di visitatori rievocando tradizioni che non sono mai esistite.

Le renaissance fair esistono fin dagli anni ’50, quando all’improvviso gli Stati Uniti si scoprirono grandi appassionati di storia grazie al boom dei kolossal in costume. In sostanza, si tratta di festival che replicano più o meno fedelmente le feste di piazza che si svolgevano in Inghilterra ai tempi di dame e cavalieri. Esistono due tipi di renaissance fair: quelle “soft”, che assomigliano più che altro a una specie di Gardaland a tema medieval-rinascimentale, e quelle filologicamente corrette, in cui anche i visitatori devono essere in costume e non possono uscire mai dal personaggio. Come quella a cui vorrebbero partecipare Leonard, Sheldon, Howard e Raj in un episodio di The Big Bang Theory, diventato talmente famoso che sono state create delle action figure con i travestimenti che indossano in quell’occasione.

 

big bang theory renaissance fair dolls bambole  Le action figure di Big Bang Theory dedicate alla loro gita alla Renaissance Fair di Pasadena.

 

I visitatori delle fiere sono chiamati patrons, e possono contare su un’ampia gamma di intrattenimenti. Se avvertono un certo languorino, ad esempio, le opzioni sono numerose: dal banchetto reale, che di solito è su prenotazione, fino alla taverna malfamata, dove potrete degustare pasticcio di interiora di pecora in compagnia di mercenari e briganti (che sono comparse, ovviamente). Non mancano gli workshop di cucina medievale, dove si impara a cucinare piatti prelibati come l’ottimo cigno ripieno, basandosi su ricette di secoli fa.

 

banchetto medievale renaissance fair   Due avventori entusiasti durante un banchetto.

 

La musica, ovviamente, è un altro aspetto centrale delle renaissance fair: senza la giusta colonna sonora è impossibile creare l’atmosfera. In America esistono decine di gruppi specializzati, che riescono a sbarcare il lunario girando di fiera in fiera: dai Madrigali, un supergruppo con decine di componenti, alle nuove promesse Children Medieval Band, passando per il medieval metal dei Faun e degli In Extremo, importato dalla Germania. Gli appassionati li considerano delle vere e proprie rockstar. Anche equilibristi, giocolieri, saltimbanchi, giullari e acrobati sono presenze fisse e richiestissime.

 

tartanic renaissance fair band musica  I Tartanic, una delle band più richieste alla Renaissance Fair.

 

L’hobby che andava per la maggiore all’epoca, comunque, era prendersi a mazzate: letteralmente, non in senso figurato. Se la violenza vera non è ammessa alle renaissance fair (per motivi legali, sia chiaro, perché i più integralisti sarebbero dispostissimi a vedere scorrere un po’ di sangue pur di rendere la ricostruzione storicamente più fedele), esistono molte valide imitazioni: quasi ogni fiera ha la sua giostra di cavalieri, che di solito sono stunt-man ben addestrati. In alcuni casi, però, anche i visitatori possono tentare la sorte sfidandosi a vicenda.

 

giostra stone tower guerra cavalieri renaissance fair  Due fan in borghese se le danno di santa ragione alla renaissance faire di Stone Tower, in Virginia.

 

Negli ultimi anni moltissimi appassionati di fantasy hanno cominciato a frequentare le renaissance fair in costume da elfo, stregone, centauro, orco e via dicendo.

 

elfi ansonia fantasy renaissance fair www.mfrenfaire.com Due aspiranti elfi alla renaissance fair di Ansonia.

 

Le fiere più serie scoraggiano quest’abitudine, così gli amanti del genere hanno deciso di fare di necessità virtù e hanno creato le fantasy renaissance fair, come la Midsummer di Ansonia, in Connecticut. Quando Khaleesi incontra La Spada nella Roccia, insomma.

 

ansonia www.mfrenfaire.com Game of Thrones miete vittime: una simil-Daenerys ad Ansonia.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >