Viaggi
di Gabriele Ferraresi 14 Aprile 2016

Vicino Bologna c’è un castello incantato dove vivere come in una fiaba

Si chiama Rocchetta Mattei, la costruì un conte ottocentesco e da qualche tempo si può di nuovo visitare

rocchetta_mattei2 Youtube LifeFile - Rocchetta Mattei ripresa con un drone

 

Non basterebbero dieci, cento vite per goderci e vivere appieno tutte le meraviglie d’Italia: spesso poi sono meraviglie nascoste, piccole, fuori o lontano dalle metropoli o anche solo dai capoluoghi di regione.

Ma che valgono sempre il viaggio. Un po’ come la Scarzuola di Tomaso Buzzi, vicino Terni, o anche Calcata, amata anche dal regista nipponico Hayao Miyazaki, o perché no, la splendida Civita di Bagnoregio. Oggi però ci teniamo un po’ più a nord, e vi raccontiamo di Rocchetta Mattei, un affascinante castello in Emilia Romagna, a un’ora da Bologna, un luogo fiabesco.

 

 

Un buon inizio no, per presentare Rocchetta Mattei? Ma vediamo un po’ della sua storia. Perché alla base di questo castello con cupole che sanno d’oriente, architetture escheriane, piastrelline minuscole e coloratissime, c’è un uomo, come sempre. Cesare Mattei, nato a Bologna l’11 gennaio del 1809, da una famiglia decisamente benestante.

 

#rocchettamattei

Una foto pubblicata da @angstvorderangst in data:

 

Fu tra i fondatori della Cassa di Risparmio di Bologna e nel 1848 fu anche eletto deputato in Parlamento. Ma l’evento chiave che segnò la sua vita e portò anche alla nascita della Rocchetta Mattei è sicuramente la morte della madre, nel 1844. La scomparsa della genitrice generò in Mattei – quel punto anche Conte – una profonda sfiducia nella medicina tradizionale e iniziò a studiare da solo una medicina alternativa, ovvero l’elettromeopatia.

 

🔺🔸🔺

Una foto pubblicata da Sara Beaufort (@sarissimax) in data:

 

Sul sito della Rocchetta Mattei – un sito ben fatto e funzionale, bravi – si legge che Mattei “Nel 1850 acquistò i terreni dove sorgevano le rovine dell’antica rocca di Savignano e il 5 novembre dello stesso anno pose la prima pietra del castello che avrebbe chiamato “Rocchetta”, dove si stabilì definitivamente a partire dal 1859 dirigendone personalmente la costruzione“.

 

#around #rocchettamattei #art #architecture #beautifulview

Una foto pubblicata da Cauz De Rua (PrimaClasseGang) (@cauzderua) in data:


Lì proseguì i suoi esperimenti, pensate, citati anche da Dostoevskji ne I fratelli Karamàzov, in questo passo: “Ma che filosofia e filosofia, quando tutta la parte destra del corpo mi si è paralizzata e io non faccio che gemere e lamentarmi. Ho tentato tutti i rimedi della medicina: sanno fare la diagnosi in maniera eccellente, conoscono la tua malattia come il palmo delle loro mani, ma non sono capaci di curare. [..] Disperato, ho scritto al conte Mattei a Milano, che mi ha mandato un libro e delle gocce, che Dio lo benedica“.

 

rocchetta_mattei1 rocchettamattei-riola.it

 

E poi? E poi alla scomparsa del Conte Mattei alla sua Rocchetta accadde un po’ di tutto: durante la seconda guerra mondiale le truppe tedeschi la occuparono e danneggiarono gravemente, tanto che gli eredi del Conte tentarono di donarla – in vista di un restauro – al Comune di Bologna, che non accettò la donazione. Negli anni sessanta diventò un ristorante e albergo, nel 1989 quando muore il proprietario dell’albergo, Primo Stefanelli, chiude.

 

rocchetta_mattei5 Youtube LifeFile

 

Dal 1989 fino alla metà degli anni duemila la Rocchetta se la passa male, finché nel 2006 viene acquisita dalla Fondazione della Cassa di Risparmio di Bologna. Nel 2015 è stata riaperta al pubblico, e si può visitare. Tutte le informazioni su come e quando visitare questo castello da fiaba ideato da un Conte un po’ matto – si dice avesse una corte nel castello, compresa di buffone: capirete che a inizi del secolo scorso era una cosetta un po’ particolare – le trovate sul sito di Rocchetta Mattei. E volendo alla Rocchetta potete anche sposarvi.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >