Viaggi
di Enrico Cassetta 14 Giugno 2018

Russia: il viaggio che avresti potuto fare se ci fossimo qualificati ai Mondiali

Scoprire la Russia grazie ai Mondiali: non è andata esattamente come avremmo voluto…

Iniziano i Mondiali di Calcio, ma come sappiamo ormai da mesi: noi non ci saremo. Sarebbe stata l’occasione per conoscere un po’ meglio la Russia e le sue città, ma i nostri adorati calciatori avevano altri programmi per l’estate: meglio Porto Cervo e Formentera a Saransk ed Ekaterinburg, che detta così, si potrebbe anche capire.

Mesi fa, mentre vagabondavo per le strade di Mosca, osservai tutti quei lavori per migliorare le infrastrutture e ampliare le strade, per preparare i russi all’arrivo dei turisti e pensai “che coglione che sono, vado in Russia l’estate prima dei mondiali quando bastava posticipare di un anno: viaggio + qualche partita dell’Italia, la combo perfetta”. Ecco, appunto. Se cercate “il gufo” che non ci ha fatto qualificare e avete ancora della rabbia repressa, potrei essere io il vostro capro espiatorio, però prima lasciate che vi racconti qualcosa sul viaggio che avreste potuto fare se l’Italia si fosse qualificata ai Mondiali.

Devo però ammettere di essere stato in sole due città russe, che poi di solito sono le uniche due che si conoscono: poca roba data l’estensione infinita della federazione. Ma con tutto il rispetto che ho per la Russia, che ci andavo a fare a Samara o a Nižnij Novgorod?

Piuttosto che spingermi verso gli Urali e addentrarmi in Siberia, decisi quindi di aggiungere al viaggio qualche più interessante città baltica: Riga, Tallin e Helsinki.

 

Mosca

I miei “highilights” sono: Lenin imbalsamato, la Piazza Rossa e il terrore che incute ogni angolo della città. Vedere il padre dell’Unione Sovietica così da vicino in carne ed ossa è stata un’esperienza tra il mistico e il leggendario, mentre la vastità della Piazza Rossa con la piccola Cattedrale di San Basilio sullo sfondo sono la conferma di un affascinante evergreen. La zona centrale di Mosca è molto bella, ma ancora più affascinanti sono le periferie fatte di casermoni decadenti, condomini sovietici e tracce di un recente passato. La sensazione che si provava in ogni luogo era di timore e in un certo senso di paura, non era una percezione legata all’insicurezza ma piuttosto a qualcosa di sinistro e maligno. Ma forse era tutto nella mia testa.

 

San Pietroburgo

Splendida e principesca. Il Palazzo d’Inverno e il museo dell’Hermitage sono da vedere almeno una volta nella vita: devo proprio dire che i Romanov non si trattavano per niente male. A lungo chiamata Leningrado, è ricca anche di parchi, meravigliose cattedrali, e l’immenso fiume Neva, i cui ponti, durante le notti bianche in estate, vengono alzati per far transitare le navi, offrendo uno spettacolo suggestivo. È la città che ha vissuto più intensamente tutte le fasi della storia russa: dai fasti degli Zar alla Rivoluzione, dal lungo assedio durante la Seconda Guerra Mondiale alla rinascita degli ultimi anni.

 

Riga

Architettonicamente sorprendente. La capitale della Lettonia è ricca di edifici in stile Art Nouveau, ha una bella piazza, una bella cattedrale, tante aree verdi e dei bei locali. I lettoni, popolo giovane e frizzante, hanno un unico grande amore che è Kristap Porzingis, loro compatriota e superstar del basket americano con i New York Knicks. Da cosa lo deduco? Il suo volto era ovunque, sembrava fosse l’unico testimonial pubblicitario esistente.

 

Tallin

La capitale dell’Estonia ha un centro storico molto grazioso, giri un angolo e ci vedi Praga, giri l’altro e ti senti a Budapest, apri la porta di casa e sei ad Edimburgo. Bel borghetto medioevale, è un piacere girovagare tra le sue vie e i suoi mercati, ma ha anche un quartiere super cool e super hipster.

 

Vilnius

Capitale della Lituania, altra celebre città baltica, ma io non l’ho vista, mi dispiace, chiedete a qualcun altro o offritemi il viaggio che ve la racconto.

 

Helsinki

A uno schiocco di navigazione da Tallin, sono circa due le ore di traghetto, io ci andai in giornata dall’Estonia. Pulita, educata, composta, la capitale finlandese è proprio la brava ragazza della porta accanto. Però manca un po’ di personalità; il suo Colosseo e la sua Piazza di Spagna sono una cattedrale luterana bianca e spoglia e una chiesa scavata nella roccia: entusiasmante.  C’è però tanto verde ovunque, ma sicuramente ci sono posti più belli da visitare.

 

La cucina

 wikimedia

No non ci siamo, la Russia è il profondo rosso. Tra ristoranti e piatti ordinati ci ho provato più volte, ma ogni volta mi sembrava di essere alla mensa dell’ospedale; unica eccezione sono i pelmeni, i classici ravioli ripieni di carne. È andata un po’ meglio nelle città baltiche, in cui si trova una cucina più vicina a quella dell’Europa continentale, con un salmone sublime e con delle ottime birre estoni. L’apice però l’ho raggiunto seduto su una panchina in un parchetto di Helsinki: Bon Iver come sottofondo e carne in scatola di renna e di orso per pranzo. Prelibatezze.

 

Le persone

Sarà il clima, sarà il passato, sarà quel che sarà, ma i russi non sprizzano troppa simpatia o voglia di conoscerti. Inoltre le difficoltà di linguaggio complicavano ulteriormente le cose, quasi nessuno parlava un minimo di inglese, cartelli e indicazioni erano tutte in cirillico: comunicare non è stato per niente facile. Meglio in Lettonia, Estonia e Finlandia, molto più aperti verso i turisti e i viaggiatori.

 

Morale della favola

 

Sono tutti luoghi con un fascino particolare e ambiguo, un po’ decadenti, un po’ proiettati al futuro, un po’ malinconici. Se proprio devo darvi un consiglio, andateci in piena estate e se riuscite partite da una qualsiasi di queste città e continuate con la transiberiana fino alla Cina. Un po’ di epicità non guasta mai, la prossima volta però.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >