Viaggi
di Enrico Cassetta 14 Giugno 2018

Russia: il viaggio che avresti potuto fare se ci fossimo qualificati ai Mondiali

Scoprire la Russia grazie ai Mondiali: non è andata esattamente come avremmo voluto…

Iniziano i Mondiali di Calcio, ma come sappiamo ormai da mesi: noi non ci saremo. Sarebbe stata l’occasione per conoscere un po’ meglio la Russia e le sue città, ma i nostri adorati calciatori avevano altri programmi per l’estate: meglio Porto Cervo e Formentera a Saransk ed Ekaterinburg, che detta così, si potrebbe anche capire.

Mesi fa, mentre vagabondavo per le strade di Mosca, osservai tutti quei lavori per migliorare le infrastrutture e ampliare le strade, per preparare i russi all’arrivo dei turisti e pensai “che coglione che sono, vado in Russia l’estate prima dei mondiali quando bastava posticipare di un anno: viaggio + qualche partita dell’Italia, la combo perfetta”. Ecco, appunto. Se cercate “il gufo” che non ci ha fatto qualificare e avete ancora della rabbia repressa, potrei essere io il vostro capro espiatorio, però prima lasciate che vi racconti qualcosa sul viaggio che avreste potuto fare se l’Italia si fosse qualificata ai Mondiali.

Devo però ammettere di essere stato in sole due città russe, che poi di solito sono le uniche due che si conoscono: poca roba data l’estensione infinita della federazione. Ma con tutto il rispetto che ho per la Russia, che ci andavo a fare a Samara o a Nižnij Novgorod?

Piuttosto che spingermi verso gli Urali e addentrarmi in Siberia, decisi quindi di aggiungere al viaggio qualche più interessante città baltica: Riga, Tallin e Helsinki.

 

Mosca

I miei “highilights” sono: Lenin imbalsamato, la Piazza Rossa e il terrore che incute ogni angolo della città. Vedere il padre dell’Unione Sovietica così da vicino in carne ed ossa è stata un’esperienza tra il mistico e il leggendario, mentre la vastità della Piazza Rossa con la piccola Cattedrale di San Basilio sullo sfondo sono la conferma di un affascinante evergreen. La zona centrale di Mosca è molto bella, ma ancora più affascinanti sono le periferie fatte di casermoni decadenti, condomini sovietici e tracce di un recente passato. La sensazione che si provava in ogni luogo era di timore e in un certo senso di paura, non era una percezione legata all’insicurezza ma piuttosto a qualcosa di sinistro e maligno. Ma forse era tutto nella mia testa.

 

San Pietroburgo

Splendida e principesca. Il Palazzo d’Inverno e il museo dell’Hermitage sono da vedere almeno una volta nella vita: devo proprio dire che i Romanov non si trattavano per niente male. A lungo chiamata Leningrado, è ricca anche di parchi, meravigliose cattedrali, e l’immenso fiume Neva, i cui ponti, durante le notti bianche in estate, vengono alzati per far transitare le navi, offrendo uno spettacolo suggestivo. È la città che ha vissuto più intensamente tutte le fasi della storia russa: dai fasti degli Zar alla Rivoluzione, dal lungo assedio durante la Seconda Guerra Mondiale alla rinascita degli ultimi anni.

 

Riga

Architettonicamente sorprendente. La capitale della Lettonia è ricca di edifici in stile Art Nouveau, ha una bella piazza, una bella cattedrale, tante aree verdi e dei bei locali. I lettoni, popolo giovane e frizzante, hanno un unico grande amore che è Kristap Porzingis, loro compatriota e superstar del basket americano con i New York Knicks. Da cosa lo deduco? Il suo volto era ovunque, sembrava fosse l’unico testimonial pubblicitario esistente.

 

Tallin

La capitale dell’Estonia ha un centro storico molto grazioso, giri un angolo e ci vedi Praga, giri l’altro e ti senti a Budapest, apri la porta di casa e sei ad Edimburgo. Bel borghetto medioevale, è un piacere girovagare tra le sue vie e i suoi mercati, ma ha anche un quartiere super cool e super hipster.

 

Vilnius

Capitale della Lituania, altra celebre città baltica, ma io non l’ho vista, mi dispiace, chiedete a qualcun altro o offritemi il viaggio che ve la racconto.

 

Helsinki

A uno schiocco di navigazione da Tallin, sono circa due le ore di traghetto, io ci andai in giornata dall’Estonia. Pulita, educata, composta, la capitale finlandese è proprio la brava ragazza della porta accanto. Però manca un po’ di personalità; il suo Colosseo e la sua Piazza di Spagna sono una cattedrale luterana bianca e spoglia e una chiesa scavata nella roccia: entusiasmante.  C’è però tanto verde ovunque, ma sicuramente ci sono posti più belli da visitare.

 

La cucina

 wikimedia

No non ci siamo, la Russia è il profondo rosso. Tra ristoranti e piatti ordinati ci ho provato più volte, ma ogni volta mi sembrava di essere alla mensa dell’ospedale; unica eccezione sono i pelmeni, i classici ravioli ripieni di carne. È andata un po’ meglio nelle città baltiche, in cui si trova una cucina più vicina a quella dell’Europa continentale, con un salmone sublime e con delle ottime birre estoni. L’apice però l’ho raggiunto seduto su una panchina in un parchetto di Helsinki: Bon Iver come sottofondo e carne in scatola di renna e di orso per pranzo. Prelibatezze.

 

Le persone

Sarà il clima, sarà il passato, sarà quel che sarà, ma i russi non sprizzano troppa simpatia o voglia di conoscerti. Inoltre le difficoltà di linguaggio complicavano ulteriormente le cose, quasi nessuno parlava un minimo di inglese, cartelli e indicazioni erano tutte in cirillico: comunicare non è stato per niente facile. Meglio in Lettonia, Estonia e Finlandia, molto più aperti verso i turisti e i viaggiatori.

 

Morale della favola

 

Sono tutti luoghi con un fascino particolare e ambiguo, un po’ decadenti, un po’ proiettati al futuro, un po’ malinconici. Se proprio devo darvi un consiglio, andateci in piena estate e se riuscite partite da una qualsiasi di queste città e continuate con la transiberiana fino alla Cina. Un po’ di epicità non guasta mai, la prossima volta però.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >