Society
di Simone Stefanini 14 Novembre 2017

Cosa significa l’estate del Mondiale senza l’Italia

Ieri siamo invecchiati tutti di 10 o 20 anni. Il Mondiale senza l’Italia renderà la nostra estate un po’ più fredda.

 ilpallonegonfiato

 

L’Italia è fuori dai Mondiali di Russia 2018. La doppia sfida con la Svezia ha mostrato tutte le debolezze tecnico tattiche e caratteriali della nazionale di Giampiero Ventura e di colpo noi tifosi ci siamo risvegliati adulti, invecchiati di dieci o vent’anni, pronti per archiviare il 2006 e i suoi fasti, gli abbracci in piazza, le canzoni gridate fino a perdere la voce, tutta quella birra finita sulla maglietta, le bandiere e i caroselli coi motorini, il tricolore disegnato in faccia e la maglia azzurra portafortuna, da indossare solo quando serve davvero.

Anche la canzone derivata dal riff di Seven Nation Army dei White Stripes, quel po-po-po-po che ha fatto da colonna sonora all’Italia di Buffon, Cannavaro, Totti, Del Piero, Pirlo e Fabio Grosso, oggi sembra una melodia fuori moda.

Tolta la compagine dei menefreghisti, dei cinici da tastiera che si dichiarano felici per l’esclusione dell’Italia di Ventura dalla competizione sportiva più sentita del mondo, resta tutta una nazione che ancora non ci crede.

I segnali c’erano tutti e da tempo: una squadra senza un modulo di gioco coerente, che si dimentica di attaccare e quando lo fa, ha le punte spuntate, senza leader al centrocampo e bomber là davanti, con un commissario tecnico poco carismatico e un presidente di Lega che ne ha combinate più di Kevin Spacey, coi giovani che somigliano a cantanti di trap e i vecchi che non ce la fanno più.

Eppure l’Italia ce l’ha sempre fatta, anche se sembra ne abbia prese più di Rocky nel primo film, l’incontro finale lo vince di culo e furbizia e genio e guizzo tecnico e quel quid che l’altra squadra, sempre più forte di noi, non ha. È con questo spirito che ci siamo messi davanti alla tv ieri sera: per vedere come fare ad appassionarsi a questa nuova Nazionale, che dovremmo tifare la prossima estate durante i Mondiali di Russia.

 

 corriere della sera

 

Finita la partita abbiamo realizzato cosa sia successo veramente: la fine dell’estate. Per quanto ci sforzeremo di tifare Kamchatcka o Prussia, sai alla fine il cazzo che ce ne frega davvero? Abbiamo perso l’occasione più nazionalpopolare per fare pace, per parlare con persone che non vorremmo vedere neanche dipinte, per godere di un rito che nella sua ipocrisia rimane puro e istintivo, come il piacere di stare insieme solo per criticare, per dirla con Battiato.

La vera entità di ciò che perdiamo è nelle piccole cose: le grigliate alcoliche a casa di amici, le resse davanti ai maxischermi, l’emozionante pre partita in cui si diventa tutti tecnici di livello e quei 90 minuti che quando li aspetti valgono la giornata intera. La Nazionale è un simbolo, diverso dalla squadra di club e i tanti che negli ultimi anni si sono allontanati dalla Serie A e dai suoi scandali, non riescono ad ignorare l’Italia al Mondiale.

Ascoltando l’inno sale di tutto, dai ricordi sbiaditi della corsa di Tardelli dell’82 alla posa tipo statua di sale di Balotelli e tutto quello che ci sta nel mezzo. Il tifo per la Nazionale accoglie tutti e non sentirai mai nessuno dire “L’Italia si tifa sempre, non solo quando gioca le partite importanti”, perché il fine ultimo è farcela, tutti insieme. Gli azzurri, quando vincono, danno la percezione a quelli che perdono ogni giorno di farcela, ecco perché sono importanti. Tengono alto il morale degli altri, quelli che tutto l’anno stanno a dire “Guadagnano miliardi, devono correre”.

 

 

Quando ieri Gigi Buffon ha pianto tutte le lacrime del mondo in diretta e ha salutato “Il mio Chiello, il mio Barza, il mio Leo, il mio Lele”, riferendosi al reparto difensivo formato dai grandi vecchi, non era mica facile nascondere la commozione anche da casa. Lui al prossimo Mondiale non ci sarà, e neanche parte di quelli che ha nominato.

Ma poi, chi vuole davvero disputare Qatar 2022, il primo Campionato del Mondo giocato d’inverno, il primo che guarda in modo plateale più ai soldi che ai tifosi? E soprattuto: come glielo spiego a mio padre, che si sta facendo anziano, che dopo la batosta dell’Italia fuori dal Mondiale, non si faranno le grigliate neanche nel 2022? È dal 1958 che non accade, e lui era piccolo, non può ricordare. Mi dispiace più per lui che per me. Ecco perché ieri, la Svezia, se la dovevano mangiare.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >