Spiaggia-rosa-isola-budelli-allucinazione-surrealista
Viaggi
di Matteo Scotini 26 giugno 2018

La Maddalena, la spiaggia rosa salvata dalla maleducazione dei turisti

La spiaggia rosa si trova nell’arcipelago della Maddalena e fino al 1994 ha subito lo scempio dei turisti irrispettosi che portavano via la meravigliosa sabbia. Ora fa parte di un parco naturale protetto e le visite sono strettamente regolamentate.

 

Budelli è una piccola isola che appartiene all’arcipelago di La Maddalena, in Sardegna. Tutta la regione è ben nota per le sue bellissime spiaggie, ma questa ha una particolarità davvero rara: la sabbia della costa sud-orientale dell’isola, presso Cala di Roto, è di un colore rosa pallido e il paesaggio che ne deriva sembra non essere di questo mondo.

 

Questo colore dai tratti onirici e surreali è dato dalla composizione della sabbia stessa, formata da un agglomerato di piccoli frammenti di miniacina miniacea, un organismo unicellulare dal guscio calcareo rosa. Il senso di meraviglia portato da questa spiaggia era ben noto al maestro del cinema Michelangelo Antonioni che scelse questo luogo tra le location del suo primo film a colori Il deserto rosso“.

 

 

Un tempo il colore di questa spiaggia era molto più acceso di quanto lo sia oggi, l’impallidire del rosa è il risultato dell’atteggiamento di folle di turisti irrispettosi tra cui si era diffusa l’abitudine di portare con sè la meravigliosa sabbia per tenerla come souvenir o peggio venederla.

Tutto questo fino al 1994 quando la spiaggia rosa fu inclusa nell’allora neonato parco nazionale Arcipelago di La Maddalena vietandone l’accesso ai visitatori in modo da preservarne la mervigliosa tonalità naturale. Gli sforzi del governo italiano per difendere questa spiaggia portarono alla bocciatura, nel 2013, del progetto di costruzione di un resort eco-friendly con osservatorio biologico proposto dal banchiere neozelandese Michael Harte.

 

Da qualche anno è possibile ammirare la sabbia rosa percorrendo il sentiero situato ad est della cala e dalla passerella situata a ridosso della spiaggia stessa, ma è vietato calpestare l’arenile e fare il bagno. Se siete provvisiti di un’imbarcazione la navigazione è possibile fino al confine delle boe, posizionate a circa 70 metri dalla riva. Come si suol dire guardare e non toccare, proprio come nei musei.

 

Spiaggia Rosa (Pink Beach) owes its typical color to microscopic fragments of shells called “Miniacina miniacea”. Nowadays nobody can reach the beach due to the fact that the tourists were taking away the sands, ruining the magic beauty of this place. I admired it from a path along the beach with the keeper, who told me about the acts of vandalism that are still happening. What are you doing with a bag of pink sand in your house, conscious that you’re destroying one of the most beautiful places in the world? . . . #spiaggiarosa #spiaggiarosabudelli #budelli #lamaddalena #sardinia #pinkbeach #magicplace #beautyofitaly #ig_sardinia #landscapephotography #paradise #playa #summertime #treasureisland #treasuresofitaly #lanuovasardegna #volgosardegna #sardegna_reporter #focusardegna #thehub_sardegna #ig_sardegna #sardinien #hiddenparadise #hiddenplace #unhabitat #nature #outdoors #wildlife #naturaleza #water

Un post condiviso da S O F I A 🇮🇹🇩🇪 (@sofiabisoffi) in data:

Ci sono altre spiagge che presentano la stessa colorazione rosa sparse per il globo, ma se non avete voglia di varcare i confini italiani per vederle, la spiaggia rosa presso Cala di Roto è il posto che fa per voi.

CORRELATI >