vacanze italiane piobesi
Viaggi
di Sandro Giorello 9 Agosto 2016

Vacanze Italiane: sigarette, motorino, eurodance a Piobesi d’Alba

La nostra rubrica dell’estate: dove siamo stati in vacanza fino ai 18 anni?

piobesi_sandro  Gif di Gabriele Ferraresi

 

Giugno 1993. Sul Fifty ci sono Enrico e Paolo: lui è il mio migliore amico dell’epoca, l’altro è il ragazzo di Milano che ogni anno, in estate, si trasferisce qui. Radio Deejay sta passando il megamix di Molella & Fargetta e, quando è finito, i due partono lasciando tutto acceso. Poco dopo vedi il motorino che scende la collina, curva dopo curva, attraversa la piazza e tira dritto verso il campetto di cemento dove ogni pomeriggio si gioca a calcetto. Tre mesi così, un paradiso.

 

4940341 panoramio.com/ - Piobesi d’Alba

 

Tutte le estati fino ai 18 anni le ho passate a casa. Messa così sembra triste ma in realtà non lo era. Vivevo in collina, a Piobesi d’Alba (1300 abitanti ancora oggi): siamo nel Roero, patrimonio dell’Unesco, abbiamo il vino, la nocciola trilobata e paesaggi verdi che, poi, in autunno si tingono di colori bellissimi. Tutte cose che quando sei un ragazzo valuti poco, anzi, il più delle volte ti annoi da morire. Va detto però che l’estate del 1993 è stata una delle più belle in assoluto, e così quelle successive. La mia pre-adolescenza è stata davvero una figata.

 

fifty_mistral_91 mopedtuning

Cosa facevamo? Sigarette, motorino, eurodance. Io, Enrico e Paolo la sera andavamo alla croce luminosa sul bricco di Piobesi – che in piemontese significa collina – e si cazzeggiava insieme ad altri. Loro fumavamo le sigarette di nascosto io stavo a guardarli dal momento che avevo solo undici anni e no, non ho mai fumato sigarette in vita mia.

Poi, organizzavamo la feste: quando qualcuno aveva la casa libera portavamo lo stereo in giardino, montavamo alcune luci stroboscopiche comprate da una discoteca andata in fallimento e ordinavamo la pizza. Io venivo chiamato “il dj” ma, in realtà, non avevamo una vera consolle e mi limitavo a portare i cd e a schiacciare play sul lettore. Compravo molti dischi: Dee Jay Parade Compilation, Megamix PlanetDisco Prezioso, gli Alba Volume 1-2-3-4-5, fino ad arrivare a cose più pericolose come Ricky le Roy, Z100 o Robert Miles che incontra i Desireless creando un mash-up tamarrissimo tra Voyage Voyage e Children.

 

 

E poi c’era la discoteca mobile: dal momento che eravamo tutti troppo piccoli per entrare nelle discoteche tradizionali, seguivamo ogni festa di paese in cerca di serate dove andare ballare. Quelle più famose erano organizzate dalle radio locali – Radio Valle Belbo o Radio Alba – ma spesso erano cose ancora più improvvisate, ovvero un impianto nella piazza e un dj che pompa hit fino all’ora stabilita dal messo comunale.

Per me era un sogno, conoscevo tutti i pezzi a memoria e mi atteggiavo come se fosse la cosa più seria del mondo, vestito con pantaloni corti sfrangiati sul fondo e le maglie senza maniche (tutto rigorosamente della ‘Energy). In realtà i tre motivi principali per cui un ragazzo poteva andare alla discoteca mobile era: rimorchiare, ubriacarsi o fare rissa (di solito chi non riusciva con il primo obiettivo poi ripiegava sugli altri due).

 

energie-felpa  Un reperto dell’epoca

 

Facevamo cose illegali? No, e mi stupisco ancora a pensarci. Alle feste trovavi giusto qualche birra e una – dico, una – bottiglia di vodka (di solito alla banana o al melone). La cosa più pericolosa che si faceva era andare in motorino in due o oppure spingere i Fifty oltre i 110 km/h (chi ci riusciva). E c’è da ammettere che molti di quei bolidi non avevano marmitte proprio regolari. La prima canna l’ho vista al concerto dei Pitura Freska nel 1996 in un altro paese non troppo distante dal mio. A quel punto ho smesso con la dance ed è iniziato il periodo rasta.

L’intera collezione di dischi tamarri l’ho poi baratta nel 1999 in cambio di un casco di seconda mano. Uno dei più grandi sbagli di sempre.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
50,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >