vacanze italiane piobesi
Viaggi
di Sandro Giorello 9 Agosto 2016

Vacanze Italiane: sigarette, motorino, eurodance a Piobesi d’Alba

La nostra rubrica dell’estate: dove siamo stati in vacanza fino ai 18 anni?

piobesi_sandro  Gif di Gabriele Ferraresi

 

Giugno 1993. Sul Fifty ci sono Enrico e Paolo: lui è il mio migliore amico dell’epoca, l’altro è il ragazzo di Milano che ogni anno, in estate, si trasferisce qui. Radio Deejay sta passando il megamix di Molella & Fargetta e, quando è finito, i due partono lasciando tutto acceso. Poco dopo vedi il motorino che scende la collina, curva dopo curva, attraversa la piazza e tira dritto verso il campetto di cemento dove ogni pomeriggio si gioca a calcetto. Tre mesi così, un paradiso.

 

4940341 panoramio.com/ - Piobesi d’Alba

 

Tutte le estati fino ai 18 anni le ho passate a casa. Messa così sembra triste ma in realtà non lo era. Vivevo in collina, a Piobesi d’Alba (1300 abitanti ancora oggi): siamo nel Roero, patrimonio dell’Unesco, abbiamo il vino, la nocciola trilobata e paesaggi verdi che, poi, in autunno si tingono di colori bellissimi. Tutte cose che quando sei un ragazzo valuti poco, anzi, il più delle volte ti annoi da morire. Va detto però che l’estate del 1993 è stata una delle più belle in assoluto, e così quelle successive. La mia pre-adolescenza è stata davvero una figata.

 

fifty_mistral_91 mopedtuning

Cosa facevamo? Sigarette, motorino, eurodance. Io, Enrico e Paolo la sera andavamo alla croce luminosa sul bricco di Piobesi – che in piemontese significa collina – e si cazzeggiava insieme ad altri. Loro fumavamo le sigarette di nascosto io stavo a guardarli dal momento che avevo solo undici anni e no, non ho mai fumato sigarette in vita mia.

Poi, organizzavamo la feste: quando qualcuno aveva la casa libera portavamo lo stereo in giardino, montavamo alcune luci stroboscopiche comprate da una discoteca andata in fallimento e ordinavamo la pizza. Io venivo chiamato “il dj” ma, in realtà, non avevamo una vera consolle e mi limitavo a portare i cd e a schiacciare play sul lettore. Compravo molti dischi: Dee Jay Parade Compilation, Megamix PlanetDisco Prezioso, gli Alba Volume 1-2-3-4-5, fino ad arrivare a cose più pericolose come Ricky le Roy, Z100 o Robert Miles che incontra i Desireless creando un mash-up tamarrissimo tra Voyage Voyage e Children.

 

 

E poi c’era la discoteca mobile: dal momento che eravamo tutti troppo piccoli per entrare nelle discoteche tradizionali, seguivamo ogni festa di paese in cerca di serate dove andare ballare. Quelle più famose erano organizzate dalle radio locali – Radio Valle Belbo o Radio Alba – ma spesso erano cose ancora più improvvisate, ovvero un impianto nella piazza e un dj che pompa hit fino all’ora stabilita dal messo comunale.

Per me era un sogno, conoscevo tutti i pezzi a memoria e mi atteggiavo come se fosse la cosa più seria del mondo, vestito con pantaloni corti sfrangiati sul fondo e le maglie senza maniche (tutto rigorosamente della ‘Energy). In realtà i tre motivi principali per cui un ragazzo poteva andare alla discoteca mobile era: rimorchiare, ubriacarsi o fare rissa (di solito chi non riusciva con il primo obiettivo poi ripiegava sugli altri due).

 

energie-felpa  Un reperto dell’epoca

 

Facevamo cose illegali? No, e mi stupisco ancora a pensarci. Alle feste trovavi giusto qualche birra e una – dico, una – bottiglia di vodka (di solito alla banana o al melone). La cosa più pericolosa che si faceva era andare in motorino in due o oppure spingere i Fifty oltre i 110 km/h (chi ci riusciva). E c’è da ammettere che molti di quei bolidi non avevano marmitte proprio regolari. La prima canna l’ho vista al concerto dei Pitura Freska nel 1996 in un altro paese non troppo distante dal mio. A quel punto ho smesso con la dance ed è iniziato il periodo rasta.

L’intera collezione di dischi tamarri l’ho poi baratta nel 1999 in cambio di un casco di seconda mano. Uno dei più grandi sbagli di sempre.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >