Web
di Simone Stefanini 3 Aprile 2017

42 anni fa Bill Gates ha fondato la Microsoft, croce e delizia del mondo informatico

Dalle stalle alle stelle e ritorno: storia e gloria dei sistemi operativi Windows

uhuhuh via

 

Solamente 42 anni fa, la vita era del tutto differente. No, non è il racconto di formazione del nonno che poi finisce col fatto che lui ha visto la guerra e voi no. È piuttosto una constatazione che la tecnologia ci ha inevitabilmente cambiati e buona parte del merito lo dobbiamo a quell’ometto chiamato Bill Gates e alla fondazione della sua Microsoft, avvenuta oggi nel 1975.  Nel 1980, Bill ha lanciato l’MS-DOS (acronimo per Microsoft-Disk Operating System) e da allora il mondo dell’informatica è cambiato per sempre.

 

MS-DOS

 

Qui sotto la presentazione ufficiale del primo sistema operativo Windows, nel 1985. Non certo affascinante come quelle di Steve Jobs but still.

 

 

Certo, l’argomento è controverso, perché Windows ne ha fatte di tutti i tipi, robe geniali e orrori mai visti, però pensate come sarebbe oggi la comunicazione senza i programmi che si aprono nelle apposite finestre. Due anni dopo il rivoluzionario MS-DOS, Bill lanciò questo nuovo sistema operativo, ben più accessibile alla massa e in grado di lavorare su più programmi contemporaneamente grazie, appunto, alle finestre. In dotazione Windows Writer (l’antenato di Word), l’inossidabile Paint, l’eterna calcolatrice e un gioco troppo avvincente, Othello.

 

e5ace3c569_43-othello-windows futura science - Othello

 

Oggi siamo arrivati a Windows 10 e Microsoft nel frattempo ha attirato ammiratori e detrattori in egual misura. Se però siete di quelli che non si sono mai voluti inchinare allo strapotere hipster Apple, guardate questo video. In 4 minuti, lo stesso computer cambia da Windows 1.01 a Windows 8, passando per 95, 98, ME, XP, Vista e tutti gli altri. Voi vi gaserete e vi scenderà una lacrimuccia geek.

 

 

Windows 1.0 in realtà non riscosse un grandissimo successo, a differenza del 2.0 (1987) che permetteva di sovrapporre le finestre e superava (pensate) i 640 k di memoria. Pensate, meno di un documento di testo odierno. L’unica cosa: i colori che dopo un po’ bruciavano la retina.

 

Windows_2.0_desktop wikipedia - Windows 2.0

 

Windows 95 è stato il primo sistema operativo di tantissimi nerd odierni nel mondo. Pensate, è stato commercializzato fino al 2001, una bella prova di resistenza. Fu lanciato da una campagna pubblicitaria notevole, aveva il menu Start dal quale far partire i programmi e la barra delle applicazioni. In più, si collegava (più o meno macchinosamente) a internet. Praticamente, il progresso.

 

 

Una cosa è certa, per almeno un ventennio, Internet Explorer è stato il programma per navigare sul web più lento e buggato di tutti.

 

tumblr_nn62waZrZe1qd5mq1o1_1280 tumblr - AAAARGH!

 

Dopo arrivò Windows 98, che migliorava il predecessore ma che a volte si piantava e dava la schermata blu della morte. Ok, lo faceva anche il 95, ma il 98 di più. Un po’ come quella che avvenne a questa presentazione, di fronte a Bill Gates, ad opera di un tipo del quale non si hanno più notizie.

 

 

Probabilmente il più famoso OS Windows è stato l’XP, per alcuni insuperabile, per altri un orrido covo di virus.

 

tumblr_nszjcq6o3D1s3n8y2o1_1280 tumblr - Paura

 

E via, fino ai giorni nostri, in cui gli OS sembrano sempre di più versioni macro dei sistemi operativi per smartphone e in cui Windows 10 può essere installato anche sopra un Mac.

 

AAEAAQAAAAAAAARUAAAAJDViNjc4NTVjLTdkMmItNDkxNy1hNjljLTBmNWE5OTY3MjcyYQ tumblr - Windows 10 su un iMac

 

Quindi questa divertente pubblicità della Apple che confrontava il figo (applefan) contro lo sfigato (pcfan) ormai non ha più tanto senso.

 

 

Per quanto vi sforziate, non ce la farete mai a convertire un detrattore di Microsoft in fan.

 

16 iskysoft - Il tuo computer ha un virus, si chiama Windows

 

Eppure Bill ha insegnato a tutti a contare fino a 10. Che insensibili.

 

tumblr_nsaufgB00f1s9dh3io1_500  In casa Microsoft, si conta fino a 10 così

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >