girolamo panzetta giappone
Web
di Gabriele Ferraresi 2 Agosto 2016

L’incredibile storia di Girolamo Panzetta, l’italiano più famoso in Giappone

Nato in provincia di Avellino ha conquistato il paese del Sol Levante, trovato l’amore, fatto lezioni di italiano in tv, pubblicizzato tutto, e indossato qualunque cosa

girolamo panzetta giappone  Girolamo Panzetta in uno spot giapponese

 

Tutto merito di Reddit, e di questo video di KJ Ericottero, youtuber giapponese di stanza in Italia, e del video in cui racconta degli stereotipi con cui i giapponesi vedono gli italiani. Il primo nome che viene in mente alla simpatica KJ è quello di Girolamo Panzetta. Eh?

Qui in redazione ci guardiamo stupiti: chi è Girolamo Panzetta, l’uomo che rappresenta l’Italia in Giappone? E cominciamo così una grande, grandissima inchiesta sull’internet, per scoprire tutto quello che c’è da sapere su questa bandiera del Made in Italy nella terra del Sol Levante.

Girolamo Panzetta è nato a Villanova del Battista, in provincia di Avellino, nel 1962: non è ben chiaro come e quando sia nato il suo interesse per il Giappone: secondo AnimeClickDa studente di architettura decide di accompagnare a Tokyo un amico che doveva scrivere un libro proprio sull’architettura giapponese. Il primo impatto non è dei migliori, perché Girolamo studia per restaurare palazzi antichi e nella metropoli di antico c’è proprio poco. Ma il viaggio non è una perdita di tempo, perché sul volo di ritorno conosce la sua futura moglie Kikuko Yazawa che sta venendo in Italia per studiare le porcellane di Capodimonte: è amore a prima vista. I due si sposano e vanno a vivere in Giappone“.

Salto a qualche decennio dopo: un sondaggio del 2006 lo ha consacrato come il secondo italiano più noto in Giappone, superato solo da Leonardo da Vinci.

Logico che volessimo saperne di più – scopriamo per esempio che nel 2013 è apparso in una puntata di un programma di PIF –  e partendo dalla sua pagina Wikipedia per un’infarinatura iniziale, è proprio andando a curiosare su Youtube che abbiamo scoperto tutto il possibile sul nostro.

A partire proprio dalle sue lezioni di italiano

 

Itariago, le lezioni di italiano in Giappone

Forse questi gli esordi di Girolamo Panzetta sugli schermi nipponici? Probabile. Come probabile che fossimo nella seconda metà degli anni novanta, ma era solo l’inizio quello, perché anni dopo lo avremmo ritrovato, ben più disinvolto davanti alle telecamere…

 

Girolamo’s Kitchen, salumi italiani in Giappone

Un format realizzato in collaborazione con l’Italia per promuovere le bontà nostrane in Giappone. Impariamo a conoscere Girolamo Panzetta qui, mentre – va detto: con grande maestria – si destreggia nell’idioma di Kurosawa descrivendo culatelli, coppe e prosciutti San Daniele al pubblico Japan. Le immagini dell’Emilia Romagna destinate al Giappone sono ovviamente un campionario di stereotipi, ma è bello e giusto così.

 

Girolamo’s e la mortadella

 

Stesso format, sempre Girolamo’s Kitchen, ma stavolta ci spostiamo in una elegante sala da pranzo giapponese, in cui si degusta mortadella come se fosse caviale. Delizioso. “Buon appetito!”.

E potremmo andare avanti a lungo: in ogni caso leggendo in giro scopriamo che Girolamo Panzetta dal 1997 in poi ha cominciato a condurre trasmissioni sulla tv giapponese NHK, e ha guadagnato di conseguenza enorme popolarità.

Il sito ItaliaJapan.net di lui diceTrasferitosi in Giappone, in seguito al matrimonio con Kikuko Yazawa, esordì in un programma della NHK come insegnante di lingua italiana dopo essere stato ingaggiato per caso, accompagnando un’amico ad una audizione. Per uno scherzo del destino l’amico venne scartato ed al suo posto scelsero lui, che con la sua personalità riuscì a colpire il pubblico giapponese aprendo le porte ad una brillante carriera che continua tutt’oggi“.

A seguirlo in video sembra più a che suo agio, come dicevamo sembra parlare benissimo giapponese, e oggi, che non siamo più nel 1997, Girolamo Panzetta vanta un account Instagram dove lo vediamo a bordo di auto sportive di ogni genere in giro per Tokyo, in giro per il mondo, a presenziare ovunque, a indossare capi di brand alla moda, e sempre – anzi, come sempre: è finito in copertina 151 VOLTE sullo stesso magazine, un record – sulla copertina della rivista maschile Leon, di cui è l’uomo simbolo e ambasciatore.

 

Leon leon leon fashion #worldwide #super#magazine#giro#jewelry

Una foto pubblicata da パンツェッタ・ジローラモ Panzetta Girolamo (@girolamo.me) in data:

 

Le copertine di Leon con Girolamo sono tutte fantastiche, questa del 2009 è un buon esempio.

Le altre sono tutte in questo filone: lui che interpreta l’uomo che non deve chiedere mai, però italiano, per cui con qualche sfumatura buffa, in contesto stiloso e internazional-giapponese. Qui c’è il suo blog, sul magazine.

 

girolamo panzetta giappone  Una copertina di Leon del 2009: uomo copertina, Girolamo Panzetta. Come del resto altre 151 volte (almeno)

 

Non solo, come se non bastasse Girolamo ha anche scritto libri che in Giappone hanno venduto centinaia di migliaia di copie. Ma quali sono le ragioni del culto di Girolamo Panzetta in Giappone? Secondo il direttore di Leon Girolamo piace perché è “romantic, passionate, fashionable and a lady-killer“, ma vedendolo da qui sembra anche e soprattutto simpatico, il che non guasta. Anzi, è la prima cosa che traspare da questa intervista che gli hanno fatto su Wakapedia.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >