Web
di Giulio Pons 9 Agosto 2012

La Google Car che guida da sola e sembra Kitt di Supercar

La NASA qualche giorno fa ha mandato su Marte un robot che deve muoversi da solo su un altro pianeta e ieri Google ha detto che la sua macchina, senza pilota, tutta automatica, ha raggiunto le 300.000 miglia percorse senza fare incidenti. Beh, che dire, la tecnologia sta correndo e un mondo con veicoli guidati da programmi è sempre più vicino.

Per lo staff di Google Car la scommessa e l’obiettivo del progetto è restituire il tempo perso guidando alla gente e dare la possibilità di andare in auto a tutti quelli che non possono o non sanno guidare (oltre, penso, a lucrarci poi sopra, ma questo, si sa, Google non lo dice mai chiaramente).

Tu cosa faresti tutti i giorni in quelle due ore che perdi alla guida? Giocheresti col cellulare, certo, oppure dormiresti e, in realtà, recuperare due ore al giorno, per leggere o dormire è già fattibile perchè basta prendere i mezzi pubblici, però l’idea di farlo nella propria auto è stuzzicante.

Ecco il video che sta girando e che promuove la Self-Driving Car di Google, alla non-guida c’è un non vedente:

Sembra Kitt di Supercar, ve lo ricordate? Era un telefilm degli anni ’80 dove un belloccio su una macchina sportiva supertecnologica e automatica lottava contro il male… aveva tutto quello che la tecnologia di adesso sembra poter raggiungere. La prima serie era del 1982, 30 anni fa. Ecco un piccolo estratto di un episodio dove Kitt combatte contro un’altra auto automatica, le strade del futuro saranno percorse da auto così?

La cosa di Google che mi soprende e che trovo decisamente superiore rispetto al mondo, non è solo la potenza tecnologica raggiunta, ma è la visione: prima catalogano il web, poi mappano il mondo intero con foto e strade, poi mandano aerei per fare più foto e mappare le città anche in 3D, poi aggiungono tonnellate di informazioni geolocalizzate e tirano fuori un progetto come la macchina che guida da sola e che era solo nelle menti degli autori di fantascienza.

La Self-driving Google Car ancora non è in commercio, certo, ma è evidente che manca poco ormai, forse tre o quattro anni. Di certo i bimbi che nascono adesso potranno scegliere di non prendere la patente perchè tanto la macchina guiderà da sola.

Google dice che l’auto non è ancora pronta per il pubblico perchè devono migliorare i controlli di sicurezza per gestire le condizioni “difficili”, come forte pioggia o neve. Infine, mi permetto di dare un piccolo suggerimento: sarebbe bello che la macchina di Google facesse almeno un incidente, almeno un piccolo tamponamento, su ingegneri, dategli un po’ di umanità!

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >