Web
di Vanessa Carmicino 10 Novembre 2015

Morandi fail, il social media manager esiste solo quando sbaglia

Una professionista dei social ci racconta come si vive nel cono d’ombra chi di gestisce alcune delle pagine fan più importanti d’Italia. Spesso con l’obbligo di essere infallibili

gianni

Ormai lo avrete letto tutti: Selvaggia Lucarelli dice di aver “smascherato” Gianni Morandi che si farebbe dare un aiutino da un assistente per gestire i propri mirabolanti social. A parte il noioso dibattito “è lui o non è lui” abbiamo preferito chiedere a Vanessa, professionista del settore e social media manager per una delle maggiori compagnie italiane, come ci si sente a vivere nel cono d’ombra creato da questo mestiere. Spesso alle spalle di persone importanti, in bilico tra un ghost writer e un angelo custode. Ecco cosa ci ha scritto

 

Antefatto: Gianni Morandi ha un social media manager. Un errore l’ha confermato: sul profilo ufficiale Instagram del cantante è comparsa una didascalia alla foto che recava le indicazioni per l’orario di pubblicazione. Gianni prova a difendersi dicendo che lo aveva detto, che il suo social manager è la compagna Anna ma ormai la frittata mediatica è fatta.

Internet è morto. Viva Internet.

Non voglio entrare nell’annosa questione se un “mettila alle 13 non fa social media manager”, piuttosto vorrei sottolineare una curiosa fenomenologia: quella del social media manager che non è “nessuno”, un po’ come disse Ulisse – furbamente – a Polifemo.

 

11988440_10153283859685983_2766167727964028571_n  La foto incriminata

 

Per chiunque lavori con e sui social media – o forse per chiunque usi un po’ di buon senso – sembra difficile immaginare che Gianni Morandi, personaggio dello spettacolo, cantante e settantenne, passi giornate intere a leggere e rispondere a centinaia di migliaia di commenti, tra un concerto, un po’ di jogging, le passeggiate in campagna, gli incontri con gli amici e le consuete necessità umane. Il tutto da solo. Eppure tutti abbiamo vissuto in questa illusione collettiva, perché era più bello, più virtuoso, pensare che uno come Gianni è uno di noi, che sta là, si legge le cose, ti risponde e lo fa con quel garbo e quella punta di ironia, che a volte presi dal pathos a noi sfugge.

Anche chi immaginava, davanti alla strategia multicanale, ai contenuti, alla moderazione, una realtà più professionale, ha scelto di perdersi in questa illusione e alimentare il mito, un po’ come quando ti guardi quella serie tv (serie tv che poi guardi da un portatile, uno smartphone, in iPad… perché TV? Vabbè ma queste è un’altra storia) tanto bella che è girata da paura ed è realistica al massimo e ti immedesimi e non vuoi che finisca e magari tifi anche per il cattivo, anche se sai che è cattivo.

 

gianni-morandi-malvagio  Gianni in un momento di relax

 

Poi oggi lo svelamento e la delusione e la fiducia tradita: “Gianni come hai potuto? Come hai potuto “farci credere”?”. Il social media manager (o il content and community manager, – vedete un po’ voi – quando poi le due cose non coincidono) di Gianni è stato bravissimo. Fino a questo unico e fatale errore, l’epic fail, il terrore di ogni social media manager: perché sì, i social media manager sono bravissimi fino a quando non esistono. Sono trasparenti, confusi con il brand, il personaggio, l’azienda, il politico: e più scompaiono, più sono bravi. In alcuni rari casi, il social caring, la distinzione obbligata magari in ambito politico/istituzionale e per motivi opposti (umanizzare un servizio nel primo caso, procedere nella creazione di un mito-racconto intorno al personaggio nel secondo), i social media manager o content e community manager compaiono, con un nome (sarà il loro?), più spesso con una sigla collettiva (chi non è stato per una volta “staff”?), raramente hanno un volto, solo in casi estremi in cui il successo è conclamato, il progetto chiuso, premiato, superato, mostrano le loro faccine sorridenti al ritiro di un premio, in un video commemorativo, per poi sparire di nuovo nelle pieghe del web.

Più un social media manager è bravo a dare voce al proprio committente, più si annichilisce nel creare quella voce e renderla umana, empatica, vicina al “pubblico”, rappresentativa, comunicativa, vera. Come un tutt’uno con il personaggio/brand che raccontano, i social media manager più sono bravi, meno esistono. Il social media manager di Gianni Morandi è stato bravissimo, perché il social media manager di Gianni Morandi “è” Gianni Morandi. O almeno lo era fino a qualche ora fa…

Fare il social media manager a volte è quasi un paradosso: l’affermazione del sé passa attraverso l’errore, nella negazione della propria professionalità e probabilmente ti porterà a doverti trovare un altro lavoro, chissà se da social media manager. Ad ogni modo, se vi manda il CV l’ex social media manager di Gianni Morandi, io una chance gliela darei. Ma Gianni è buono, è uno di noi, non lo licenzierà. Sempre che il social media manager di Gianni Morandi esista…

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >