Web
di Simone Stefanini 8 Febbraio 2016

Il museo online dei suoni in via d’estinzione, per i retromaniaci nerd

Un sito per riascoltare i suoni degli apparecchi elettronici che sono diventati obsoleti

museo via

Esiste il Museo dei Suoni in via d’estinzione e si trova comodamente online. Sono, per intenderci, tutti quei suoni che a causa della velocità con cui si sviluppa la ricerca tecnologica, o sono già spariti dalla circolazione o lo stanno per fare. Tutti i temi, le melodie, gli squilli, i ticchettii e i ronzii degli apparecchi elettronici (e non) ormai obsoleti.

 

Schermata 2016-02-05 alle 15.57.40 via

 

È stato lanciato nel 2012 da Brendan Chilcutt, un collezionista di cultura pop in tutte le sue forme, anche le più effimere. È un modo per preservare i suoni resi famosi dalle apparecchiature tecnologiche che gli sono appartenute e che quindi fanno parte integrante del suo processo di crescita.

Il suono di un videoregistratore VHS, il rumore del tubo catodico di una vecchia tv, il suono della macchina da scrivere ma anche delle nostre tastiere qwerty, oppure il Game Boy, la stampante, la rotella dell’apparecchio telefonico e, chiaramente, il frrrzz tschhk tszzzz zstsf del modem 56k.

 

Un retroromanticismo che sa di ultima delle hipsterate nerd ma anche di qualcosa di necessario, per non lasciare che alcuni suoni della nostra memoria spariscano per sempre.

Space Invaders e Pac Man, gli avvisi di AOL o Messenger, il suono della lettura di un floppy e ancora, il Nokia ring, il glitch del cd danneggiato, il Tamagotchi e il mitico avvio di Windows 95, composto da Brian Eno usando (per colmo dell’ironia) un Mac.

 

 

Basta andare sul sito Savesounds.info e cliccare su una delle icone in bianco e nero, che si colorerà e riprodurrà l’amato suono in via d’estinzione. Un vero paradiso per i nerd attempati e per tutti quelli  che vogliono riascoltare i suoni della loro infanzia, aspettando il momento in cui anche i suoni della chat di Facebook o di WhatsApp diventeranno preistoria.

Perché, che ci crediate o no, un giorno tutto questo sarà antiquariato, e quel giorno ci piacerà riascoltare il suono grazie al quale abbiamo incontrato l’amore, trovato lavoro o litigato a morte con chi non la pensava come noi.

 

forgottensounds3020416 via

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >