Web
di Pietro Raimondi 10 Aprile 2017

Perché sono rimasto stregato dai video giapponesi che mostrano intere tratte dei treni

Niente è più rilassante di guardare un treno in corsa, anche in video. Occhio però, perché è una pratica che può dare dipendenza

Ci sono le lezioni in questo periodo in Università, e se ci sono le lezioni tendenzialmente vuol dire che gli esami sono  ancora molto lontani; di conseguenza l’effetto-pepe-al-culo non è attivo e lo studio (almeno a Studi Umanistici) risulta un’attività estremamente dilatabile e diffusa, ché ci si sente in pace solo a concepire il pensiero di aprire un libro o fare qualche fotocopia.

Ovviamente tra tipo due settimane questa pace esploderà su se stessa e ci sarà quel magico giorno in cui si passa dall’illusione dell’anticipo all’irrimediabile ritardo accademico, condizione paranoica dove non c’è nemmeno il tempo materiale di leggere una volta il programma del corso… ma lasciamo al futuro questi brutti pensieri, quant’è bella giovinezza che si fugge tuttavia, io quest’oggi in biblioteca faccio un cazzo e così sia.

 

Beato dal sole, dalle installazioni per il Fuorisalone e dalla Wi-Fi eduroam del mio Ateneo, mi sono ritrovato ieri pomeriggio nel mistico cazzeggio pre-sessione, ho aperto il portatile, ho cercato gli appunti delle lezioni e, ovviamente, sono finito nei posti più improbabili dell’Internet. In particolare, attraverso una catena di correlazione del tipo Facebook > ATM Shitposting > Ricerca Google “Ansaldo Breda nuovo treno M2” > YouTube, ho incontrato il canale esoterico Japan Train ViewingE mi sono scoperto parte integrante del favoloso mondo degli appassionati di mezzi pubblici.

Popolo del web, sappiatelo: su YouTube ci sono moltissimi video di tratte del treno. Lunghe, intere, ininterrotte tratte del treno riprese da un punto fisso all’interno del mezzo. E quando schiacci play ci sei dentro. E non puoi uscire. Questo è il primo video che ho visto: tutta la linea M5 ripresa da dentro. Un lunghissimo ipnotico tunnel con le luci che scorrono che scorrono che scorrono.

 

Dietro a Japan Train Viewing c’è un uomo giapponese non meglio identificato. Probabilmente lo avete visto aggirarsi per alcune città italiane, o del mondo, pensando “ecco il classico asiatico che fotografa tutto”. Non potevate immaginare che stava creando il suo mastodontico archivio di tratte del treno. Per ogni video fa una piccola presentazione della stazione di partenza, del percorso che il mezzo intraprenderà, poi l’inquadratura si blocca e iniziano le danze. Tutta la tratta, wow!

È stato veramente ovunque: a parte i potenti treni della patria natia e del vicino Taiwan (li trovate a velocità normale e, se non avete a disposizione un’ora e trentotto, anche a Speed 5x), ha inoltre letteralmente filmato i suoi viaggi in Germania, in Perù, in Spagna e da noi, in Italia; dove in occasione dell’Expo 2015 ha potuto sfruttare la linea M5 di Milano, il Malpensa Express, il tram 31 e la linea regionale Milano Centrale – Bergamo. Quando ho trovato il nome della mia città ho capito che nelle profondità del web avevo incontrato qualcosa che parlava al mio cuore.

Perché poi a Bergamo (amatissima dai turisti nipponici) l’eroe ha avuto l’opportunità di filmare un vero feticcio degli esperti: la nostra fantastica funicolare, che unisce la Città Bassa a quella Alta (e già che c’era ha anche ripreso interamente la tratta urbana di autobus 1A Colle Aperto – Stazione FS). Sono posti, voci, velocità di spostamento nello spazio che intessono le profondità del mio cuoricino, perché quei mezzi li ho presi ogni giorno della mia vita per cinque anni di scuole superiori: inutile dire che faticavo a non piangere nelle mie cuffie in mezzo a tutti quei ricordi.

 

Così funziona l’ipnosi di Japan Train Viewing. Apri un video, senti i suoni, le voci, ti chiedi perché lo stai guardando, ma è già troppo tardi. Osservi tutta la tratta aspettando il momento in cui succeda qualcosa, guidato dal fascino di ciò che non vedrai mai o dalla malinconia per ciò che hai vissuto visto da occhi estranei. Eppure non succede assolutamente nulla, se non che il treno arriva esattamente nella stazione in cui deve arrivare. E, come dice Gilbert Chesterton, non c’è nulla di più straordinario di questo.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >